Peggy Guggenheim Collection, miti, musei e modelle

Dal 10 maggio la Collezione Peggy Guggenheim presenta Miti, muse e modelle: nuovo ciclo di tre
lezioni online di storia dell’arte, che si svolgeranno in inglese, a cura di Ellen McBreen, Associate
Professor, Co-Chair, Department of Visual Art and History of Art, Wheaton College, Norton, MA,
USA, e co-curatrice della mostra Migrating Objects. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe
nella Collezione Peggy Guggenheim.
Durante i tre incontri, che si terranno lunedì 10, 17 e 24 maggio, alle ore 19 su Zoom, verranno
trattati alcuni aspetti legati alla mitologia, tematica centrale del movimento surrealista. La
professoressa McBreen affronterà così una serie di soggetti strettamente legati al Surrealismo, che
saranno al centro della mostra Surrealismo e magia. La modernità incantata, che aprirà il 9 aprile
2022 a cura di Gražina Subelytė, Associate Curator della Collezione Peggy Guggenheim. Il corso
rappresenta dunque una prima tappa di avvicinamento a questo atteso affondo espositivo legato
al rapporto tra l'avanguardia surrealista e i tropi della magia, della mitologia e dell’occulto. Le tre
lezioni prenderanno in esame archetipi collegati al Surrealismo europeo, o in reazione ad esso, tra
il 1930 e il 1960 circa: la femme fatale, la femme-fleur e la fertile matriarca-guerriera. Per molti
artisti della Collezione questi ideali, a livello collettivo, adempiono il ruolo di muse o modelle. Nel
corso dei tre appuntamenti scopriremo le storie degli artisti, delle artiste e delle donne che hanno
ispirato la loro opera. Il primo appuntamento è aperto a tutti, mentre i successivi sono dedicati ai
soci del museo. Fino al 31 maggio approfitta della riduzione del 20% su tutti i livelli associativi, e
diventa Amico della Collezione!
Ma il Peggy Guggenheim Museum Venice ha anche riaperto i battenti, in linea con le norme covid-
19. Si può finalmente tornare a Palazzo Venier dei Leoni! La Collezione Peggy Guggenheim è visitabile tutti i
giorni, tranne il martedì, dalle 10 alle 18. Sarà possibile vedere uno speciale riallestimento della leggendaria
collezione della mecenate americana omaggio ai 1600 anni della Serenissima, con le opere di Edmondo
Bacci, Tancredi Parmeggiani, Giuseppe Santomaso, Emilio Vedova, indiscussi protagonisti della scena
artistica del secondo dopoguerra. Al loro fianco anche i lavori di Marina Apollonio e Alberto Biasi, esponenti
dell’Arte cinetica e Op art. L’accesso al museo è sempre e solo su prenotazione online ed è
contingentato per fasce orarie nel rispetto della normativa per il contenimento del Covid-19. Il
sabato e nei giorni festivi è necessario prenotare con almeno un giorno di anticipo rispetto alla
data della propria visita.
MAURIZIO DONINI