Ammortizzatori in deroga: per i sindacati occorre assegnare subito alle Regioni le risorse

05cassaintegrazioneDa mesi, come Sindacato confederale, chiedevamo di erogare le risorse già stanziate

dalla Legge di Stabilità per gli ammortizzatori in deroga e di reperirne altre, per coprire i

periodi scoperti di migliaia di lavoratori. Cgil Cisl Uil hanno sollecitato piu’ volte il Governo e i

parlamentari, manifestando anche il 22 e 24 luglio a Roma a piazza Montecitorio.

Anche nelle Marche si stanno registrando situazioni difficili, in alcuni casi drammatiche;

dopo mesi di incertezza ci sono imprese che hanno deciso di licenziare. L’utilizzo degli

ammortizzatori in deroga nella nostra regione riguarda oltre 4500 imprese e circa 18.000

lavoratori.

Finalmente ora l’annuncio del Governo di ulteriori stanziamenti per il 2014 fino a 1 miliardo e

700 milioni, dei quali chiediamo una rapida assegnazione alle Regioni, per poter procedere

immediatamente ai pagamenti, fermi dal mese di gennaio. Esprimiamo perplessità invece

sulle forti restrizioni previste per l’indennità di cassa e mobilità in deroga, che rischiano di

generare tensioni sociali.

Non è più rinviabile una profonda riforma degli ammortizzatori sociali per una maggiore

equità e universalità, ma certo non si possono ridurre le tutele per i lavoratori, soprattutto

in un periodo in cui la crisi non si ferma e la disoccupazione continua a salire e soprattutto

in assenza di una profonda innovazione delle politiche per il lavoro che preveda percorsi di

orientamento, accompagnamento, riqualificazione.

I Segretari Generali CGIL CISL UIL Marche

(R.Ghiselli – S.Mastrovincenzo . G.Fioretti)