Final countdown!

Il debutto è alle porte, Breuning: “Ci siamo preparati a lungo per questo momento.”
Ancora 48 ore prima del semaforo verde, domenica (ore 18) si accendono le luci del PalaGrotta per
riaccogliere Grottazzolina sul parquet della serie A2. Una serata ricca di significato e di storia per chi una
nuova storia è pronto a scriverla sulle ali dell’entusiasmo.
Tutto riprende esattamente là dove tutto cominciò e dove tutto finì. Era il 22 aprile 2019, gara 2 dei quarti
di finale playoff, e la banda di coach Ortenzi cadeva al tie-break davanti al pubblico di casa contro l’allora
Golden Plast Potenza Picena salutando la seconda serie nazionale per approdare in A3. Avete letto bene,
un quarto di finale playoff al termine del quale ci si ritrovò nella nuova Serie A3, formula alquanto
bizzarra ma com’è giusto rimarcare “l’acqua passata non macina più”. Si interrompeva così una parentesi
lunga 3 anni, aperta l’8 ottobre 2016 quando la neopromossa M&G Scuola Pallavolo Videx Grottazzolina
riceveva la visita di Castellana Grotte debuttando ufficialmente in serie A2.
Da allora sono passati esattamente 6 anni e, corsi e ricorsi storici, dall’altra parte della rete ci sarà ancora
Castellana Grotte, seppur nella sponda New Mater. Nel frattempo coach Ortenzi ha rafforzato stima ed
autorevolezza, Riccardo Vecchi è diventato capitano della squadra ed ora sono entrambi pronti a
riaffacciarsi al volley che conta nella stessa cornice e contro lo stesso avversario di allora. Stavolta tra le
fila della Videx Yuasa c’è un Marco Cubito in più, unico ex di turno che nella stagione 2019/20 ha
militato nella formazione pugliese, e soprattutto un Rasmus Breuning Nielsen all’esordio assoluto nella
categoria: “Sono molto emozionato per questa partita – ha dichiarato l’opposto danese -. Lavoriamo
duramente dal mese di agosto per essere pronti e ora possiamo finalmente dare il via alla stagione. Non
sarà una partita facile, affronteremo un avversario molto temibile ma la nostra squadra è compatta e
giocheremo per vincere sapendo di poter contare sulla spinta determinante del PalaGrotta.”
M.G. – V.F.