FERCAM: Fatturato record per il 2021

L’azienda altoatesina di logistica e trasporti FERCAM chiude il 2021 con un fatturato record di 943
milioni di euro, pari ad un incremento del 16% rispetto all’anno precedente; un esercizio
caratterizzato da condizioni quadro non facili per la pandemia globale e per le difficoltà generali
nella catena logistica globale. Vola il settore Air&Ocean con un incremento a due cifre.
(Bolzano, 18 maggio 2022) Molto soddisfacente per FERCAM il risultato del fatturato consolidato
2021, che dopo un 2020 penalizzato dalla crisi generale indotta dalla pandemia, è riuscito a
superare i valori pre-Covid, nonostante un contesto generale non facile, quello del 2021, con una
pandemia non ancora debellata, un aumento sensibile dei costi energetici e del carburante, un
marcato restringimento dell’offerta di carico aereo internazionale e non da ultimo il blocco del
canale di Suez con conseguenti ritardi delle navi, congestioni nei porti e mancanza di container
vuoti.
Tuttavia, è stato proprio il settore Air&Ocean a registrare performance ottime; le limitate capacità
di carico e noli conseguentemente aumentati hanno avuto, grazie ad una rete affidabile ed
efficiente, effetti positivi sul fatturato del comparto con un aumento eccezionale del 56%. “Forti
partnership di lunga data con i nostri corrispondenti di Oltreoceano e nel Far East ci hanno garantito
disponibilità di carico aereo e marittimo anche in situazioni difficili e si sono tradotte in una
affidabilità e certezza di servizio per i nostri clienti”, afferma Hannes Baumgartner, AD di FERCAM. È
stato un anno di sfide, oserei dire, quotidiane, che i nostri collaboratori hanno gestito egregiamente,
grazie ad una professionalità, una preparazione ed uno spirito di squadra straordinario. Ed è stata la
conferma che il nostro settore si distingue grazie alle capacità di chi ci lavora, perché nella logistica,
oltre a tutta la tecnologia, il fattore umano rimane importantissimo, perché si tratta di un’attività
eseguita da persone per altre persone.
Particolarmente favorevole l’andamento della Business Unit storica e più importante dell’Azienda, il
settore Full Truck load (FTL) che da solo costituisce il 52% del fatturato aziendale. Nonostante la
generale mancanza di autisti sul mercato, accentuata in questi ultimi mesi anche dalla crisi ucraina,
FERCAM tuttora è in grado di affrontare questa difficoltà tramite programmi su misura per la
formazione professionale dei propri autisti e tramite massicci investimenti in un parco mezzi
innovativo e tecnologicamente all’avanguardia a garanzia della massima sicurezza, dotando tutti gli
automezzi di dispositivi di assistenza alla guida che rendono più agevole e sicura la professione.
Anche la Divisione Distribution ha positivamente registrato l’aumento dei volumi, dovuto anche a
un sempre più esplosivo sviluppo dell’E-commerce, avviato fin dai primi mesi della pandemia. La
crescita del settore ha registrato un aumento del +10,5% rispetto all’esercizio precedente. Da
questo aumento è stato positivamente influenzato anche tutto il comparto Logistica.

Nel corso del 2021 è stato aumentato anche il giro d’affari del settore Traslochi e la Gestione
Documentale Archivi, grazie anche all’acquisizione di un’azienda storica del settore, la
Vinelli&Scotto, specializzata nell’International Moving.
Hanno lentamente ripreso la propria attività anche i settori Fine Art e Fairs&Events, totalmente
bloccati nel 2020 e nel primo semestre 2021.

Un network forte di oltre 100 filiali – Sostenibilità e risparmio energetico per gli impianti
Nonostante un clima generale di incertezza, l’azienda nel 2021 e nei primi mesi del 2022 ha
proseguito con i propri programmi di investimento, concentrandosi sia sul rafforzamento della
propria rete con nuove sedi di filiali sia sulla sostenibilità dei propri impianti con un programma di
relamping al LED di molte sedi, atto all’abbattimento dei consumi energetici.
Nel 2021 sono state trasferite in nuove sedi con innovativi magazzini le filiali di Como, Cuneo e
Udine, mentre a causa delle limitazioni degli spostamenti fisici imposti dalle misure anti Covid, è
stata, per la prima volta nella storia dell’Azienda, aperta completamente da remoto, -dalla ricerca
dell’immobile alla costituzione-, una nuova filiale a Helsingborg in Svezia.
Recentissime le aperture a Valencia e Francoforte che hanno portato a 100 ovvero 101 il numero
delle filiali di proprietà dell’operatore altoatesino.

Un parco mezzi sempre più green
Forti sono stati gli investimenti per un parco automezzi tecnologicamente all’avanguardia e
sostenibile sia di motrici per i trasporti internazionali che di furgoni destinati alla distribuzione
urbana; tali investimenti sono esclusivamente concentrati sulla innovazione tecnologica per
garantire massima sicurezza e sostenibilità nell’esercizio delle proprie attività e per la riduzione dei
consumi. Anche per i combustibili prosegue la sperimentazione ovvero l’impegno per l’adozione di
combustibili alternativi/sostenibili quali LNG, Biogas e HVO.

Investimenti nel sociale -Fondazione FERCAM ECHO LABS
Il 2021 è stato un anno caratterizzato da forti investimenti nel sociale con la fondazione di una
impresa sociale senza fini di lucro a marchio FERCAM, – FERCAM ECHO LABS -un laboratorio
permanente che si prefigge di combinare i programmi Corporate Social Responsability CSR di
associazioni e aziende in una rete di partner, mossi in concerto in direzione dell’Agenda 2030 per lo
sviluppo sostenibile. Il minimo comune denominatore sono i 17 Sustainable Development Goals,
linee guida transnazionali tracciate dall’ONU, ove la Mission di FERCAM Echo Labs è di creare reti e
sinergie, affinché grazie alla partecipazione attiva al laboratorio si renda possibile realizzare progetti
che singole realtà in autonomia non avrebbero potuto realizzare.