Filarmonica Gioachino Rossini Le Sonate a Quattro in un itinerario rossiniano

La Filarmonica Gioachino Rossini ha avviato un progetto di video-registrazione
dell’integrale delle Sonate a Quattro di Rossini secondo un itinerario rossiniano che si
snoda nei luoghi della città che lo ha visto nascere, per eseguire le sei sonate in altrettanti
siti a lui legati, come il Museo Rossini, la sua casa natale e altri luoghi.
Le Sonate a Quattro sono sei brani composti da Rossini quando aveva solo dodici
anni, nel 1804 a Ravenna, nella forma Concerto, secondo la classica struttura Allegro –
Adagio – Allegro, ma prevedono un quartetto diverso dal solito in quanto provvisto oltre
che dei due violini, dal violoncello e contrabbasso, invece che i consueti viola e violoncello.
Le Sonate a Quattro costituiscono un eccezionale esempio di freschezza e spontaneità
compositiva, oltre che una fiorita pagina di virtuosismo strumentale.
Le tonalità sono naturalmente tutte in Maggiore: n.1 in Sol, n.2 in La, la n.3 in Do, la
n. 4 in Sib, la n.5 in Mib, e la n.6 in Re.
Questa prima uscita curata dalla FGR riguarda la Sonata n.6 in Re, ed i musicisti della
FGR impegnati sono Ana Julia Badia Feria e Cecilia Cartoceti, violini, Antonio D’Antonio
violoncello e Massimo Jean Gambini contrabbasso.
La seconda produzione vedrà la Sonata n.3 in Do magg che verrà registrata nella
casa natale di Gioachino Rossini.
I video delle Sonate a Quattro verranno poi pubblicati sulla piattaforma ITsART oltre
che sui canali social della FGR, (YouTube, Facebook e Instagram).
Il progetto è condotto in collaborazione con il Comune di Pesaro e dell’AMAT.