Sette città si competono il titolo di Capitale Europea del Turismo Intelligente 2022

Oggi, la Commissione Europea ha annunciato le sette città selezionate per il concorso Capitale Europea del Turismo Intelligente 2022 (presentate in ordine alfabetico)Bordeaux (Francia), Copenhagen (Danimarca), Dublino (Irlanda), Firenze (Italia), Ljubljana (Slovenia), Palma (Spagna), Valencia (Spagna). Le città finaliste sono state selezionate da un totale di 30 candidature provenienti da 16 paesi.

Maggiori informazioni sulle destinazioni selezionate qui.

La Capitale Europea del Turismo Intelligente è un’iniziativa UE, attualmente finanziata nell’ambito del programma COSME. Si basa sull’esperienza di successo dell’Azione Preparatoria proposta dal Parlamento Europeo e attuata dalla Commissione Europea nel 2019 e 2020. Il suo obiettivo è promuovere il turismo intelligente nell’UE, favorire lo sviluppo di un turismo innovativo, sostenibile e inclusivo e lo scambio di buone pratiche. Questa iniziativa UE riconosce gli straordinari risultati delle città come destinazioni turistiche in quattro categorie: Accessibilità, Sostenibilità, Digitalizzazione, Patrimonio culturale e creatività. Il concorso è aperto alle città di tutta l’UE e ai paesi extra UE che partecipano al programma COSME[1].

Il concorso ha una comprovata esperienza di successo. La Capitale Europea del Turismo Intelligente 2022 è la terza edizione del concorso. Gothenburg e Málaga sono state selezionate come vincitrici del concorso Capitale Europea del Turismo Intelligente 2020, mentre Helsinki e Lione hanno vinto il concorso inaugurale e detenuto insieme il titolo di Capitale Europea del Turismo Intelligente 2019.

Per tutto il corso del 2022 alle due città vincitrici verrà garantito supporto per la comunicazione e il branding. Il pacchetto includerà un video promozionale, una scultura di hashtag costruita appositamente per poter essere installata in una posizione strategica della città, diverse attività promozionali e visibilità a livello europeo.

 

Le città vincitrici verranno nominate a novembre 2021.

 

Retroscena

Nella prima fase del concorso, un gruppo di esperti indipendente ha valutato le candidature. Tutte le città finaliste hanno dimostrato la loro eccellenza in tutte e quattro le categorie della competizione.

Nella seconda fase, i rappresentanti delle sette città finaliste presenteranno alla Giuria Europea le loro candidature ed i programmi delle attività pianificate per il 2022. La Giuria Europea si riunirà nelle settimane successive e selezionerà due città che deterranno il titolo di Capitale Europea del Turismo Intelligente 2022.

La selezione dei progetti, delle idee e delle iniziative più innovative, presentati dalle città in competizione per il titolo negli anni precedenti, è disponibile nel Compendio delle buone pratiche, una guida di riferimento al turismo intelligente nell’UE.

Per conoscere le ultime notizie sulla Capitale Europea del Turismo Intelligente , registrati alla newsletter, oppure seguici su Facebook o Twitter.

 

Contatti

Segreteria Capitale Europea del Turismo Intelligente:

Antigoni Avgeropoulou, info@SmartTourismCapital.eu, +49 (0) 30 70 01 86 390

 

Note per gli editori

  1. Il concorso Capitale Europea del Turismo Intelligente 2022 ha tenuto aperte le candidature dal 22 aprile 2021 al 16 giugno 2021. Termini e condizioni sono disponibili all’indirizzo https://smarttourismcapital.eu/
  2. Il turismo intelligente risponde alle nuove sfide e alle richieste di un settore in rapida evoluzione quali ad esempio: possibilità di ricevere informazioni, prodotti e servizi digitali; pari opportunità e accesso per tutti i visitatori; sviluppo sostenibile del territorio; sostegno alle industrie creative e ai talenti locali.
  3. Nel 2019, tra 35 città dell’UE che hanno presentato la loro candidatura, Málaga e Gothenburg si sono distinte e sono state selezionate come Capitali Europee del Turismo Intelligente 2020. Nel 2018, tra 38 città dell’UE, Helsinki e Lione si sono distinte e sono state selezionate come Capitali Europee del Turismo Intelligente 2019.