Nord Europa, Cina e Giappone: l’artigiano torna dal Micam con risultati modesti, ma incoraggianti

003cnaI calzaturifici “Rosina”, “Colepio” (Porto Sant’Elpidio) e “Penelope” (Montegranaro) sono le

aziende associate CNA che hanno partecipato all’edizione appena conclusasi del Micam, grazie alla

collettiva organizzata dall’Azienda Speciale della Camera di Commercio “Fermo Promuove”. Per la

rete di imprese “Modart Italia” presenti in fiera i calzaturifici “GianRos” (Casette d’Ete), “Linea

Italia”, “Michele Secchiari”, “Bruno Parmigiani” (Montegranaro).

Protagonisti dell’area hospitality “Distretto Calzaturiero delle Marche” (pad.7) anche gli artigiani

dell’artistico: l’arte della scarpa e i segreti del lavoro manuale di Mauro Testella (“Bottega Vasì”,

Montegranaro) hanno attirato la curiosità dei visitatori e catalizzato l’attenzione di bloggers e

instagramers invitati in fiera, mentre le creazioni della designer di calzature fermana Cristina

Franceschini e le borse di Arianna Pangrazi (“Aria”, Monte Urano) sono state esposte insieme agli

originali papillon in vetro di Umberto Tofoni (“Poculum”, Porto Sant’Elpidio).

A tirare le somme della fiera più importante nel panorama calzaturiero internazionale è Gianluca

Mecozzi, il Presidente provinciale di CNA Federmoda, a partire dal periodo in cui il Micam è stato

programmato: “Riguardo questo aspetto le polemiche sono state molte, ma ad oggi possiamo dire che

l’anticipazione di qualche giorno della fiera ha finito per rivelarsi utile: in questo modo – prosegue

Mecozzi – possiamo organizzare in modo più dinamico la messa a punto dei prototipi e la

produzione delle commesse. Rientrare in azienda con una serie di ordini già il 3 settembre ci

permette inoltre di essere più puntuali nelle consegne e pronti ad eventuali riassortimenti durante la

stagione”.

La situazione politica europea ha determinato l’assenza, annunciata, dei clienti russi e ucraini:

“Nonostante l’allarmante pessimismo dell’andata e la mancanza di alcuni buyer – dice il Presidente

Federmoda – si è trattato di assenze non vincolanti per l’artigiano, che ha una clientela mirata e

comunque variegata e può contare su più mercati di riferimento. Questa fiera ha visto il grande

ritorno di cinesi e giapponesi, oltre che una forte presenza di buyer dal Nord Europa, un rapporto

senza dubbio significativo e da consolidare. E’ ovvio – conclude Mecozzi – che il mercato russo

riveste primaria importanza per tutto il distretto e che questa difficile situazione desta allarme e

preoccupazione anche per le ripercussioni sui conto terzisti e chi opera con i semilavorati”.

Paolo Silenzi, Presidente provinciale CNA Fermo torna a battere sul tasto del sostegno governativo

al distretto e al mondo artigiano: “La presenza al Micam ha portato modesti risultati se pur

incoraggianti, segno che un modo diverso di pensare e commercializzare il prodotto, più concettuale

e mirato, unito all’ottimizzazione della produzione, iniziano a dare i primi frutti , anche e soprattutto

grazie al supporto delle istituzioni, come Regione e Camera di Commercio, e al lavoro delle

associazioni di categoria come la CNA. Chi manca all’appello è sempre il Governo centrale: accesso

al credito ancora difficoltoso e limitato, nessun alleggerimento delle procedure, sostegno

all’internazionalizzazione a cui non viene abbinato un fattore fondamentale come la

defiscalizzazione. Per non parlare del costo del lavoro: è chiaro che sgravi e agevolazioni ci

permetterebbero ottimizzare il prezzo del prodotto, essere più competitivi e, cosa non da poco, far

rientrare in Italia tante commesse al momento ancora delocalizzate”.