Fermo Calcinaro bis, Macerata vince il centro destra con Parcaroli e a Loreto Pieroni sindaco per la terza volta. Senigallia al ballottaggio

Sono tanti i comuni marchigiani che attendono di sapere l’esito dello scrutinio con il nome del nuovo Sindaco. In tutto 17 i comuni dove si vota per la scelta del
primo cittadino. A Macerata è in testa il centro destra con Parcaroli oltre il 50%, mentre il suo competitor Ricotta è al 31%, secondo gli ultimi dati. Un risultato
del genere ce lo aspettavamo visto che nella provincia Maceratese la Lega comanda su tutti gli altri partiti, secondo i risultati delle elezioni regionali.
A trenta sezioni scrutinate su 44 il centro destra di Parcaroli è oramai certo del risultato. Anche Macerata dopo 20 anni torna in mano alla destra. In Corso
Matteotti applausi e cori in attesa della super festa promessa con il patron di Med Store, da oggi primo cittadino di Macerata. Alle 16 e 15 si aprono le porte
della città per Sandro Parcaroli. Sul posto presente il neo Presidente Francesco Acquaroli e L’on Marchetti della Lega, oltre i rappresentanti delle coalizioni e i
futuri consiglieri comunali. Superare Ricotta al primo turno non era poi così facile, il sogno di Parcaroli. Si vota anche a Senigallia, Fermo, Loreto, Cerreto
d’Esi, Appignano del Tronto, Cossignano, Montefortino, Monteleone di Fermo, Montelparo, Monterubbiano, Montottone, Santa Vittoria in Matenano e poi
Petriolo e Ussita.
A Fermo Calcinaro, sindaco uscente è stato sempre in vantaggio fino alla conferma di Sindaco. Percentuali del 65%, superando di gran lunga Renzo
Interlenghi della colazione del centro sinistra, Stefano Fortuna del M5s e Lorenzo Giacobbi delle Lega. In piazza qualcuno grida: “Sindaco sei meglio di Zaia
in Veneto”. Emozionato ha aspettato la conclusione. Ebbene sì Calcinaro è radicato nel territorio, lì da dove tutto ha avuto inizio come primo cittadino
fermano. Sul suo profilo Calcinaro commenta così la vittoria: “Eccomi…mi sono fermato solo ora: e lo faccio per ringraziare tutti i fermani che hanno dato
questa fiducia unica al lavoro di cinque anni. Ringrazio tutti i miei 158 candidati che si sono spesi sempre con correttezza in una campagna elettorale mai
“contro” e coloro che fino ad oggi mi hanno accompagnato in giunta o in consiglio. Ringrazio tutta la struttura comunale, di Asite, Solgas e Pharma.com
perchè senza di loro non sarebbe emerso mai questo gran lavoro. Continuerò, continueremo, a lavorare nella Città…dove sono nato, dove vivo..e dove vivrò.
Grazie di cuore anche se non riuscirò a rispondere a tutti quanti…Paolo”.
A Loreto vince Moreno Pieroni con un ritorno al passato. L’ex assessore al turismo vince con un 70% di preferenze spazzando senza ogni dubbio i due
candidati Paolo Albanesi e Gianluca Castignani. E si riconferma sulla stessa linea del sindaco uscente Paolo Nicoletti. Moreno, leader storico del partito
socialista delle Marche è stato eletto per la terza volta sindaco della sua città con la lista civica “Loreto nel Cuore”, che ha ottenuto il 69,65% dei voti,
corrispondenti a 4810 preferenze su un totale di 7333. A Senigallia tira aria di ballottaggio tra Volpini e Olivetti. Ribaltone a Cerreto d’Esi, battuto Porcarelli:
il nuovo sindaco è David Grillini, che vince la corsa a tre e batte il sindaco uscente. A Ussita vince Silvia Bernardini, a Petriolo Santinelli batte Luciani. Ad
Appignano e Cossignano eletti rispettivamente Sara Moreschini con il 65,32% che batte Falcioni fermo al 34,68% e Roberto Luciani vince con il 58,70% sul
rivale De Angelis che deve accontentarsi del 41,30%. A Montefortino Domenico Ciaffaroni si riconferma sindaco con cifre bulgare da 83,47%, a Monteleone
di Fermo vince Fabiani con il 69% su Paoletti che si ferma al 30,4%. A Montottone vince Carelli, mentre nel piccolo paese di Santa Vittoria in Matenano il
primo cittadino eletto è Vargari.
Paola Pieroni