Prenotazione posto spiaggia con App

Le App al servizio dei cittadini per la stagione balneare 2020, con concessioni allargate
agli stabilimenti che ne faranno apposita richiesta. Si andrà dunque al mare in spiaggia
libera o presso lo stabilimento previa prenotazione con applicazione. Se questa
tecnologia da una parte garantirà la sicurezza della salute dei cittadini, dall’altra
costringerà gli stessi a vedersi sacrificare il posto e l’ora di mare più desiderato, in
linea con le proprie esigenze del tutto personali. Di fatto, i posti in spiaggia verranno
alla fine assegnati sulla base di precisi algoritmi e incroci matematici, pianificati a
tavolino. Molti i Comuni delle Marche che utilizzeranno queste tecnologie per
monitorare un miglior servizio, in linea con le disposizioni nazionali di sicurezza dei
cittadini. Mentre nelle spiagge di Sirolo si utilizzeranno le applicazioni giornalmente,
nelle splendide zone di Portonovo e Mezzavalle le prenotazioni saranno prerogativa
solo del fine settimana. A Numana e Marcelli le spiagge libere saranno invece
sorvegliate direttamente dalla polizia locale e da appositi vigilantes. E quando la
spiaggia sarà piena, con un’applicazione in fase di sperimentazione, si comunicherà il
blocco del transito sul lungomare. Spiagge libere anche per le città di Ancona e
Senigallia. A Civitanova per ora niente prenotazioni, solo concessioni allargate agli
stabilimenti che ne faranno richiesta. Il comune di Pedaso ha indetto un apposito bando
per il reclutamento di personale da inserire come vigilantes per la stagione estiva. Tra
Fermo e Porto San Giorgio, in supporto arriveranno invece i volontari per garantire un
controllo più ferrato, in linea con le spese di bilancio. A Porto Sant’Elpidio il sindaco
sta anche pensando ad un possibile accordo con le associazioni cittadine per monitorare
gli assembramenti balneari.
Paola Pieroni