SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI SIRTI

Il sindacato della comunicazione SLC-Cgil e le proprie RSU TLC delle Marche manifestano il proprio
dissenso per gli annunciati 833 licenziamenti in SIRTI ed esprimono la solidarietà ai lavoratori coinvolti.
Secondo alcune stime, sono a rischio circa 93 dipendenti del bacino pluriregionale e 40 nelle Marche.
Un provvedimento che Slc Cgil ritiene non solo sbagliato ma anche controproducente in quanto contrasta con
l’esigenza di dare impulso allo sviluppo della ultra banda larga del Paese.
Per tale ragione, Slc Cgil richiama tutte le parti che hanno responsabilità, a partire da SIRTI, Governo e
committenti, come TIM, affinché siano ritirati i licenziamenti, ed affrontate le problematiche insieme ai
sindacati.
Tale questione rende ancora più necessario rompere il meccanismo dalle gare al massimo ribasso, che
continua, come in questo caso, a produrre effetti dirompenti sull’occupazione e sulla qualità del servizio.
Non si fa competizione sulla pelle dei lavoratori.
Slc Cgil Marche ritiene importante sostenere la lotta dei lavoratori SIRTI e battersi affinché tutte le parti
sociali mettano a fattor comune le proprie risorse per il bene dei lavoratori e del Paese.

Ancona, 19 febbraio 2019

p. SLC Cgil Ancona / Marche e relative RSU TLC Marche