Da Infolampo: Immigrati – Equitalia

immigrati-sbarcati-italia-2014Immigrati e riforma costituzionale:

altre ragioni per un «no»

Per lo sviluppo delle politiche di accoglienza non è sicuramente un bene quando l’obiettivo del sistema

democratico si rivela esclusivamente quello di garantire la governabilità, mentre la partecipazione

finisce per essere considerata un ostacolo

di Selly Kane

Il diritto di migrare inteso anche come diritto a “entrare”, convivere, partecipare (oltre che essere diritto a

“uscire”), ha bisogno in primo luogo di un modello di democrazia e di strutture di potere che facilitino i

collegamenti tra lo Stato, i suoi apparati e la società civile. Per lo

sviluppo delle politiche di accoglienza, di inclusione, non è

sicuramente un bene quando l’obiettivo del sistema democratico si

rivela esclusivamente quello di garantire la governabilità, la

stabilità e – in questo contesto – la partecipazione finisce per

essere considerata un ostacolo al funzionamento degli stessi

apparati.

Anche le politiche finalizzate a offrire un rifugio o semplici

occasioni di collocazione con un lavoro e una nuova vita vengono

penalizzate da un modello di democrazia come quello che si vuole

realizzare con la riforma costituzionale. È una questione di qualità

della democrazia. Le migrazioni sono indiscutibilmente un fatto

strutturale e non straordinario e, perciò, la questione delle

mutazioni delle società va affrontata con questa consapevolezza.

Tuttavia, le istituzioni continuano a ignorare questo dato, e si

continua ad affrontare il tema in maniera emergenziale, con un

approccio securitario, dove ai cittadini immigrati vengono

sistematicamente negati diritti e cittadinanza; ne è una dimostrazione il vuoto legislativo per quanto

riguarda il diritto al voto, nonché il diritto all’acquisizione della cittadinanza, che interessano milioni di

persone straniere che vivono stabilmente in questo Paese.

I modelli di insediamento vanno ridisegnati, anche tenendo conto delle mutazioni che discendono dal dato

strutturale delle migrazioni di donne e uomini. Per farlo servono alti livelli di partecipazione e non

l’esasperata centralizzazione degli apparati e dei poteri, come previsto sempre dal disegno di riforma in

questione. E come già avviene per le problematiche dei conflitti e dei contenziosi tra Stato e sistema delle

autonomie locali. Il caso della sanità, a questo proposito, è tra i più emblematici, visto che già oggi molte

delle decisioni di spesa in questo comparto vengono prese dal ministero dell’Economia, prima ancora che

da quello della Salute, e non al contrario dalle Regioni, che di fatto sono già esecutrici di linee decise

Leggi tutto: http://www.rassegna.it/articoli/immigrati-e-riforma-costituzionale-altre-ragioni-per-un-no

Leggi su www.libereta.it

www.lettera43.it

Equitalia, allargare la sanatoria ha costi troppo elevati

Le modifiche chieste dal parlamento costano 500 milioni. Ma i soldi non ci sono. La Ragioneria stoppa

Renzi. E la Corte dei Conti solleva dubbi sulle coperture.

di Francesco Pacifico

C’è da trovare mezzo miliardo di euro se si vuole rendere più generosa la sanatoria di cartelle esattoriali e

multe.

Servirà 1 miliardo all’anno per tenere in piedi il futuro ente di riscossione, che ne spenderà soltanto la

metà per i dipendenti.

La Ragioneria dello Stato e la Corte dei Conti si mettono di traverso sui piani di Matteo Renzi di

rottamare Equitalia e, con essa, cartelle difficilmente esigibili, che valgono circa 45 miliardi.

Cioè meno dello 0,5% degli oltre 1.000 miliardi che l’organismo non riesce a riscuotere.

CENTINAIA DI EMENDAMENTI. Presso le commissioni Bilancio e Finanze della Camera – dove è in

discussione il decreto fiscale – sono state presentate centinaia di emendamenti per allargare i confini della

sanatoria.

Che cancella soltanto sanzioni e more e dimezza gli aggi per le cartelle emesse dal 2010 al 2015.

Se non bastasse, c’è tempo soltanto fino a gennaio per aderire.

Si deve pagare tutto entro il 2018. Ma due terzi del dovuto vanno versati entro l’anno prossimo. Inoltre,

non si possono ottenere più di sette rate.

VORREI MA NON POSSO. Nelle proposte dei parlamentari ci sono le richieste di “scontare” anche le

tasse e le multe del 2016, di allungare i tempi di pagamento fino al 2020 o di cancellare anche le sanzioni

e gli aggi per le cartelle future.

Il governo, se potesse, avallerebbe anche i desiderata del parlamento, ma la Ragioneria del Tesoro ha già

minacciato di bloccare ogni modifica.

L’organismo del Tesoro ha fatto notare che da quest’operazione l’Erario deve incassare 2,4 miliardi di

euro entro il biennio.

Ogni modifica rischia di diminuire le entrate. E la cosa è insostenibile in una fase nella quale la Ue

lamenta coperture non sicure nella manovra.

L’ALLARME DI CASERO. A Montecitorio c’è chi spiega che, «rendendo meno onerosa la sanatoria, ci

saranno maggiori adesioni e maggiori incassi».

Ma a chi l’avrebbe chiamato per chiedere condizioni migliori forte anche di questo assunto, il

viceministro dell’Economia, Fabrizio Casero, avrebbe spiegato che «la copertura per la Ragioneria deve

essere certa. Cambiare i termini del provvedimento ci costerebbe almeno mezzo miliardo di euro». Soldi

che in questo momento non ci sono.

Due le strade che sta seguendo il governo per cancellare anche gli interessi legali o allargare i termini:

trovare i soldi attraverso la spending review oppure legare le modifiche a una clausola di salvaguardia sul

livello di incasso.

IL NO DELLA CORTE DEI CONTI. Un’altra bordata al decreto fiscale, e alla riforma di Equitalia, l’ha

data la Corte dei Conti.

In audizione davanti al parlamento, il presidente Arturo Martucci di Scarfizzi ha smentito che la

rottamazione sia un condono.

Ma contemporaneamente ha avvertito che «occorre chiedersi quali saranno le modalità di copertura delle

spese di funzionamento della nuova riscossione (circa 1 miliardo, per metà rappresentate dal costo dei

circa 8 mila dipendenti), fin qui coperte dal sistema di aggi e rimborsi che tanto peso ha avuto nello

scioglimento di Equitalia».

Martucci di Scarfizzi si è anche soffermato sull’indipendenza del futuro organismo: «Bisognerà

verificare», ha aggiunto, «in quale misura la nuova funzione di riscossione potrà contare sugli adeguati

poteri in linea con le migliori pratiche internazionali auspicati da Ocse e Fmi, considerato che gli ultimi

anni hanno portato a un progressivo ridimensionamento dei poteri assicurati a Equitalia».

Leggi tutto: http://www.lettera43.it/economia/personal/equitalia-allargare-la-sanatoria-ha-costi-troppo-
elevati_43675266832.htm