“Movimento per le Marche” e sanità

Uno dei punti principali del programma del “Movimento per le Marche”, la lista civica a
sostegno della candidatura a governatore di Francesco Acquaroli è il tema della sanità.
Secondo gli esponenti del “Movimento per le Marche « Le giunte che hanno governato in
questi anni hanno commesso alcuni errori. Parliamo della concentrazione di alcuni servizi
nell’azienda sanitaria unica regionale, la sistematica chiusura delle strutture ospedaliere
dell’entroterra, lo svuotamento progressivo dei servizi al cittadino, l’assenza di
programmazione nei confronti dei medici di medicina generale e di tutte le cure primarie»,
ma anche « Un approccio dilettantistico al problema delle liste d’attesa e l’aver portato
avanti la costruzione di grandi strutture ospedaliere provinciali uniche benché siano
ancora in funzione strutture valide ed efficienti».
Il Movimento per le Marche propone « La soppressione dell’Asur e l’istituzione di cinque
Aziende Socio Sanitarie Locali, una per provincia, dotate di personalità giuridica e
autonomia amministrativa e contabile. Al loro interno verranno istituiti i Distretti Socio
Sanitari, con competenze specifiche per l’integrazione socio-sanitaria dei territori,
d’intesa con gli Ambiti Territoriali Sociali». Inoltre « I presidi ospedalieri dismessi devono
essere riqualificati come ospedali di comunità, come un ponte tra ricovero e assistenza a
domicilio e, più in generale, a quella di prossimità. Gli ospedali di comunità già esistenti,
abbandonati da questa giunta, devono essere riqualificati per garantire una sicurezza
adeguata» spiegano gli esponenti della lista « La rete ospedaliera dovrà seguire al meglio
il Decreto Balduzzi ma con maggiore perequazione territoriale. Si deve mantenere
l’azienda “Ospedali Riuniti Umberto I – Lancisi -Salesi”, mentre l’Inrca verrà rivisitato,
potenziato e possibilmente trasformato in Fondazione», proseguono gli esponenti della
lista civica.
«Gli interventi per la disabilità devono essere finalizzati alla piena inclusione sociale, alla
tutela dei diritti e delle pari opportunità per tutti e alla rimozione di qualsiasi barriera,
anche mentale, che impediscano o limitino l’accessibilità ai diversi ambiti della vita»
concludono i promotori della lista “Movimento per le Marche”.