LA CIVITANOVESE PESCA IL JOLLY: UFFICIALE GIUSEPPE

A tre giorni dalla chiusura della finestra invernale del calciomercato dilettantistico, fissata per le ore
19.00 di venerdì 14 dicembre, e dopo la risoluzione dei rapporti con Alberto Liñan Gomez, Asier
Alonso Rotaeche ed Eduardo Solà, rispettivamente centrocampista, attaccante e portiere, la
Civitanovese inizia a muoversi anche in entrata ed a tal proposito si assicura le prestazioni di
Giuseppe Veccia, regista classe 1993 nativo di San Benedetto del Tronto.
Alto un metro e settantanove centimetri per un peso di settantuno chilogrammi, Giuseppe Veccia
vanta un curriculum di tutto rispetto: dopo una prima esperienza all'Alba Adriatica, ha disputato tre
stagioni al Martinsicuro (una di Promozione e due di Eccellenza), successivamente un anno di
Eccellenza con la maglia del Grottammare, per poi fare ritorno ad Alba Adriatica per altri due
campionati conditi da 9 reti ed infine, sempre in Eccellenza abruzzese, la parentesi con il Nereto
Calcio (2 gol) dove vi ha giocato in questo primo scorcio di stagione.
Dunque, quello messo a segno dalla società rossoblù è un colpo di assoluto livello ed
interrogato sul motivo che lo ha spinto a scendere di categoria e sposare il progetto della
Civitanovese Calcio, il centrocampista classe 1993 ha risposto: «Conosco la Civitanovese, il
suo passato ed i suoi grandi tifosi. Una società così blasonata non merita di stare in un
campionato come quello di Promozione ed infatti ho accettato subito questa nuova sfida perché
qui hanno tutti grosse ambizioni per il futuro».
L'innesto di Veccia nella rosa della Civitanovese servirà alla squadra per compiere quel
salto di qualità ed esperienza necessario e viste le sue caratteristiche, avrà il compito di
dettare i tempi della manovra rossoblù, andando a ricoprire un ruolo fondamentale che in
questo inizio di stagione non ha avuto una vera e propria figura catalizzante: quello di
playmaker basso davanti alla difesa. «Se mi sento caricato di responsabilità? Assolutamente
no. Molte squadre negli anni mi hanno affidato incombenze ed oneri e adesso tale peso non è più
un problema. Sono pronto ad affrontare qualsiasi tipo di sfida».
Sta di fatto che la Civitanovese allo stato attuale si trova in settima posizione, fuori dai
playoff ed a dieci lunghezze dalla capolista Valdichienti Ponte. «Nel calcio tutto è possibile.
Noi siamo la Civitanovese e dobbiamo puntare alla vittoria del campionato, poi solo il campo ci dirà
chi è la più forte. Tuttavia credo che il sostegno di una grande tifoseria come quella rossoblù,
fattore che non tutte le squadre possono contare dalla loro parte, ci sarà di fondamentale aiuto per
raggiungere l'obiettivo della promozione».