Costituita la sezione territoriale della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità, grande soddisfazione dei sindacati

Nella giornata di oggi presso la Prefettura di Ascoli Piceno, alla presenza del Prefetto di Ascoli Piceno, e di rappresentanti del Centro per l’impiego, dell’INPS, dell’Ispettorato del Lavoro e delle Associazioni Datoriali Confagricoltura, CIA e Coldiretti, come FLAI CGIL Ascoli Piceno, FAI CISL Marche e UILA UIL Ascoli-Fermo abbiamo partecipato all’incontro per la costituzione della sezione territoriale della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità.
La Rete del Lavoro Agricolo di Qualità è la rete alla quale le imprese agricole che rispettano leggi e contratti possono aderire ed è prevista dalla legge 199/2016 contro lo sfruttamento in Agricoltura. La nascita della sezione territoriale della Rete era prevista proprio da tale legge, e concordata tra la parte sindacale e quella datoriale nel Contratto Provinciale Agricolo, e rappresenta un passo avanti importantissimo per il contrasto al caporalato e all’evasione contrattuale nel settore. Tutte le organizzazioni e istituzioni presenti hanno siglato un protocollo che sancisce la nascita della Sezione Territoriale.

Daniele Lanni, Segretario Generale della Flai Cgil Ascoli Piceno commenta: “Oggi è una bella giornata ed esprimiamo grandissima soddisfazione per la nascita della sezione territoriale. È solo un primo passo, ma fondamentale, nella direzione di una lotta coesa alle irregolarità del settore, che purtroppo ancora in alcuni casi persistono. Chiedevamo da tempo questo passo perché riteniamo che la legge 199/2016 sia un grande strumento, figlio delle lotte sindacali nel settore agricolo, e che ora può vivere sul territorio con più forza.”

Gabriele Monaldi, della Segreteria Regionale Fai Cisl dichiara: “Una notizia ottima per contrastare le irregolarità del settore. E anche noi ci uniamo al coro della soddisfazione per la stipula di questo importante protocollo che sancisce la nascita della sezione territoriale della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità. Oggi siamo molto soddisfatti, e siamo pronti a lavorare insieme alle Istituzioni e alla parte datoriale per sconfiggere ogni irregolarita’ nel settore.”

Eugenio Zallocco, Segretario Generale Uila Uil Ascoli-Fermo spiega: “Da oggi si avvia un percorso che porteremo avanti tutti insieme per non dare spazio nel nostro territorio al caporalato e al dumping contrattuale. Siamo molto soddisfatti per tale passo, e ringraziamo per lo sforzo e l’impegno tutte le Organizzazioni e le Istituzioni coinvolte, a partire dalla Prefettura, consapevoli che ora inizia un lavoro congiunto che dovremo portare avanti con costanza.”