CNA Terr.le Fermo: DNA CNA – Valore Artigiano, il valore della squadra e l’attività di rappresentanza oggi

Lo scorso 28 settembre il progetto Scuola CNA ha fatto tappa a Fermo, nell’ambito delle tre giornate
formative riservate alle province di Macerata, Fermo e Ascoli Piceno, che vanno sotto il nome di
“DNA CNA – Valore Artigiano”.
Il pomeriggio formativo si è tenuto nel cuore del centro storico fermano, nella Sala dei Ritratti al
Palazzo dei Priori: in platea tutti i dipendenti e i collaboratori CNA, oltre ai componenti della
presidenza provinciale e ad ospiti quali il Presidente e il Segretario CNA Marche Paolo Silenzi e
Otello Gregorini, il Presidente e il Direttore Generale di CNA Macerata Maurizio Tritarelli e
Massimiliano Moriconi e la Presidente di CNA Ascoli Piceno Arianna Trillini. In collegamento
tramite video conferenza anche i colleghi e presidenti dei territori maceratese ed ascolano.
Ad aprire l’iniziativa il Presidente CNA Fermo Emiliano Tomassini: “L’obiettivo di queste
giornate è riflettere insieme sul nostro lavoro, sull'associazione, sulla sua origine e il suo ruolo, su
come svolgere al meglio quello che CNA può fare ogni giorno per imprese e cittadini. Siamo convinti
che il valore della squadra sia prezioso e vada preservato; per farlo ci vuole un impegno costante,
investendo tempo e capacità nel rafforzare ogni giorno questo importante legame”. Solo nel Fermano
CNA ne rappresenta oltre 1500: “Ci fermiamo a riflettere su cosa significa essere CNA per noi che
ogni giorno portiamo questa associazione sul territorio, nelle aziende, nei direttivi, sui tavoli
decisionali, la facciamo conoscere e la promuoviamo. Ragioniamo anche su cosa vuol dire oggi
essere CNA, oggi che la rappresentanza e l’attività di lobby continuano ad essere davvero incisive”.
Il valore del team, integrato da competenze e professionalità, è stato ribadito anche dal Direttore
Generale Alessandro Migliore, che ha voluto ringraziare insieme a Tomassini la struttura: “Voi tutti
siete il volto dell’associazione sul territorio, nelle aziende, presso le istituzioni – hanno detto – la
vostra professionalità è riconosciuta e apprezzata da chi sceglie CNA per risolvere un problema,
avere conferme, formarsi, avere un consiglio, trovare il modo giusto per compiere un investimento,
affrontare cambiamenti e novità, riuscire a resistere nonostante tutto. Grazie!”.
Il pomeriggio è proseguito con gli interventi dei relatori. Viaggio nel tempo con Luigi Silenzi, ex
funzionario CNA e oggi Presidente dei Pensionati, ripercorrendo i momenti fondativi
dell’associazione nel Fermano e gli anni di impegno per costruire la rappresentanza. Ancora una
riflessione sul periodo a cavallo tra gli anni Sessanta e i Settanta insieme alla scrittrice, book blogger
ed editorialista per Il Foglio e Il Manifesto Giulia Ciarapica: il suo ultimo romanzo pubblicato da
Rizzoli “Chi dà luce rischia il buio”, secondo volume che segue “Una volta è abbastanza”, racconta la
storia dell’impresa familiare di Casette D’Ete impegnata nel calzaturiero e di come i protagonisti
siano riusciti a far crescere l’azienda e portare il prodotto anche fuori dall’Italia. Infine Marco
Capozi, responsabile delle relazioni istituzionali di CNA Nazionale, ha fatto il punto sull’attività di
rappresentanza, sulla sua origine e sul ruolo dei corpi intermedi oggi, illustrando i principali risultati
ottenuti da CNA e la strada percorsa per raggiungere questi importanti traguardi, a vantaggio di tutta
l’imprenditoria italiana.
Fermo, li 07 ottobre 2022 L’Ufficio Stampa