PNRR E BONUS VERDE PER AIUTARE IL FLOROVIVAISMO AD AFFRONTARE LA CRISI ENERGETICA

Prima giornata della fiera Flormart a Padova – L’intervento del Ministro dell’Agricoltura Patuanelli – L’export può essere aumentato – Le novità tecnologiche e le aziende espositrici vincitrici del “Premio Flormart”

(Padova, 21 settembre 2022) – Si è aperta oggi a Padova Flormart, la fiera del florovivaismo made in Italy, inaugurata dal Ministro per le Politiche Agricole, Agroalimentari e Forestali, Stefano Patuanelli. La 71° edizione della storica fiera, quest’anno organizzata per la prima volta da Fiere di Parma, rimarrà allestita fino a venerdì 23 settembre. Nel quartiere fieristico sono presenti oltre 200 stand che sono stati visitati da migliaia di operatori commerciali e da 150 buyer esteri provenienti da 45 Paesi, grazie anche al lavoro di incoming di ICE-Agenzia.

Nel corso del convegno inaugurale è stato analizzato lo stato dell’arte del florovivaismo che oscilla tra la preoccupazione per la crisi energetica e la carenza idrica e l’ottimismo per il sostegno che potrà arrivare dal PNRR e dal Bonus Verde, col l’obiettivo di aumentare anche l’export.

Dal PNRR arriveranno 330 milioni di euro per la forestazione urbana. Un altro aiuto potrebbe arrivare dalla riconferma per altri 3 anni del Bonus Verde, che finora ha consentito di creare 2,6 milioni di mq di verde nelle città.

Per quanto riguarda l’export, nonostante una flessione dovuta alla guerra in Ucraina, cresce la domanda del florovivaismo italiano, considerato come una delle tante eccellenze del Bel Paese: l’Italia esporta piante medio-grandi riprodotte e coltivate in Italia, piante sempreverdi, piante a forma, arbusti ornamentali, rose, piante da frutto soprattutto in Germania, Francia, Inghilterra, Spagna, Olanda. I 150 top buyer esteri presenti a Flormart, molti provenienti da Europa e Medio Oriente, hanno potuto visitare la fiera, organizzare incontri con i produttori sia diretti sia attraverso la piattaforma online di business matching, e partecipare a visite guidate presso realtà del territorio.

A proposito dell’altra grande emergenza, quella climatica e ambientale, il florovivaismo darà un contributo rilevante alla forestazione urbana, che è in grado di aumentare lo stoccaggio di CO2 e assorbire le polveri sottili.

Per il settore primario, che ha margini bassi, servono risorse ancor più ingenti – ha detto il Ministro dell’Agricoltura Patuanelli inaugurando Flormart – Per quanto riguarda il florovivaismo abbiamo previsto ristori per la crisi energetica fino al 30% e abbiamo chiesto che la riduzione del 20% che si applica al costo del gasolio per l’autotrazione in agricoltura si applichi anche al gasolio utilizzato nelle serre vivaistiche”.

Nel convegno inaugurale si è parlato anche di innovazione tecnologica e al tradizionale “Premio Flormart” sono state presentate tante novità e premiate 3 aziende: la Società Agricola Romiti Vivai S.S. di Pietro & figli di Pistoia per la gamma di Lagerstroemia a fioritura precoce e foglia scura, capace di fiorire sia nei Paesi del nord Europa come in quelli mediterranei; la Saviolife S.R.L. di Viadana (Mantova) per i substrati a base di legno certificati FSC, PEFC ed utilizzabili anche in produzioni biologiche; la R3Gis S.R.L. di Bolzano per GREEN CITY, portale pubblico che informa i cittadini sul valore del verde urbano, risultato del lavoro di ricerca condotto con le Università di Firenze e Milano.

Gino Gandolfi, Presidente di Fiere di Parma, ha spiegato le dinamiche di Fiere di Parma su Flormart: “Siamo molto felici di poter contribuire al rilancio di una storica manifestazione come Flormart, portando in dote il dinamismo che ci contraddistingue e il forte know how nella promozione internazionale del Made In Italy anche in collaborazione con un partner storico quale ICE Agenzia, che ha fornito una preziosa collaborazione per Flormart, con un incoming di 150 buyer esteri”.

Al convegno inaugurale della fiera sono intervenuti anche: Roberto Marcato, Assessore allo Sviluppo economico ed Energia della Regione Veneto; Brunella Saccone, Dirigente dell’Ufficio Agroalimentare e Vini di ICE-Agenzia; Nicola Rossi, Presidente di Padova Hall; Antonio Bressa, Assessore attività produttive e commercio Comune di Padova. E poi: Francesco Paolo Nicese, Docente Università di Firenze; Francesco Ferrini, Presidente del Distretto Vivaistico Ornamentale di Pistoia; Sabrina Diamanti, Presidente di CONAF, Consiglio Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Dottori Forestali; Aldo Alberto, Presidente dell’Associazione Florovivaisti Italiani.

Ufficio Stampa Flormart
Fanini Ufficio Stampa