RISCOPERTA DI IMPORTANTI PORCELLANA CINESE DELLA COLLEZIONE ROTHSCHILD DOPO 70 ANNI

LONDRA. AGOSTO 2022. A casa della figlia Renée Louise Marie de Rothschild (1927-2015) è stata riscoperta una selezione di importanti porcellane cinesi che facevano parte della famosa collezione di porcellane cinesi Anthony de Rothschild. I pezzi le erano stati donati nel 1948 quando Anthony de Rothschild (1887-1961) donò la casa di famiglia, Ascott House al National Trust e ne disperse il contenuto in diversi musei e tra la sua famiglia. Sebbene la maggior parte fosse stata tramandata attraverso altre generazioni e fosse stata contabilizzata, questa particolare selezione di opere era stata imballata e solo di recente è stata portata all’attenzione della famiglia. I pezzi portano le etichette uniche che si correlano con il meticoloso inventario che Anthony de Rothschild ha mantenuto per la sua spettacolare collezione di qualità museale, come ha aggiunto ad essa nel corso degli anni.

Anthony de Rothschild è stato uno dei primi collezionisti di opere orientali. Ha accumulato la sua vasta collezione dai suoi viaggi, che sono stati istigati da un viaggio iniziale in Cina con suo fratello nel 1911. In seguito avrebbe viaggiato molto, tenendo meticolose registrazioni di tutto ciò che aveva acquistato e scelto solo pezzi di qualità museale. Dreweatts è quindi entusiasta di offrire l’opportunità di ottenere opere così eccezionali dalla provenienza impeccabile, in una vendita di ceramiche cinesi e opere d’arte il 9 e 10 novembre 2022 .

Immagine

Una coppia di splendide figure cinesi di cavalli smaltati bianchi del periodo Kangxi.

Stima £ 3.000- £ 5.000

Anthony de Rothschild iniziò a collezionare prevalentemente dopo aver prestato servizio nella prima guerra mondiale. Un collezionista molto appassionato come suo padre, ha accumulato la maggior parte delle sue opere negli anni ’20 e ’30 ed è stato uno dei primi finanziatori delle mostre della Oriental Ceramics Society , fondata nel 1921. La maggior parte della collezione di Anthony de Rothchild era conservata presso la famiglia casa di campagna, Ascott House nel Buckinghamshire. Il suo ruolo nell’azienda di famiglia significava che viveva tra la sua residenza londinese e la casa di Ascott. Lui e sua moglie Yvonne Lydia Louise de Rothschild (1899-1977) erano famosi per il loro impegno nel servizio pubblico. Nel 1933, furono tra i diversi importanti fondatori ebrei del Central British Fund for German Jewry , l’agenzia britannica di soccorso ai rifugiati che fornisce servizi di emergenza

Immagine

soccorso ai perseguitati dai nazisti e nello stesso anno Yvonne diventa presidente di una società per aiutare le bambine ebree tedesche.

 

I Rothschild hanno offerto la casa di Ascott da utilizzare come ospedale durante la guerra e quando i pensionati del Chelsea sono stati bombardati fuori dalla loro casa, è diventata per loro un rifugio sicuro per diversi anni. Fu utilizzato anche dall’esercito per un certo periodo e nel 1948 i Rothschild donarono la casa al National Trust, di cui è rimasta fino ad oggi. Il contenuto della casa fu diviso tra la famiglia, con diverse opere importanti donate a importanti musei, dove sono ancora oggi esposte.

Un modello cinese in celadon chiaro e giada marrone di una scimmia della dinastia Qing.

Stima £ 2.000- £ 3.000

Commentando la collezione, Yingwen Tao, specialista in arte cinese e asiatica di Dreweatts, ha dichiarato: “Siamo molto onorati di vendere questo raro gruppo di opere ritrovate che hanno abbellito la collezione di uno dei più grandi collezionisti pionieri di ceramiche cinesi del 20° secolo. Sono sicuro che susciteranno entusiasmo e attireranno l’attenzione dei collezionisti di tutto il mondo”.

 

Immagine

Gran parte della porcellana in offerta presenta numeri di inventario, note ed etichette di antiquari, tale era la natura coscienziosa della tenuta dei registri di Anthony de Rothschild e la cura con i pezzi della sua collezione.

 

Un bel paio di candelabri cinesi montati in metallo dorato sono composti da pappagalli in porcellana del periodo Kangxi con smalto turchese e melanzana.

Una bella coppia di candelabri cinesi a forma di pappagallo montati in metallo dorato, periodo Kangxi. Stima £ 4.000- £ 6.000

 

Stanno su supporti francesi della metà del XVIII secolo con dettagli raffinati attorno al bordo, che include una lucertola al piede e portano una stima di £ 4.000-£ 6.000 .

 

Immagine

 

Un modello cinese in giada bianca e ruggine di una quaglia risalente al periodo Qianlong. Stima £ 3.000- £ 5.000

 

Una coppia di splendide figure cinesi di cavalli smaltati bianchi del periodo Kangxi li raffigurano sdraiati, ma con le gambe piegate come se stessero per stare in piedi. Le loro criniere, ciuffi e orecchie dritte sono smaltate di marrone e poggiano su basi sagomate. La coppia ha una stima di £ 3.000- £ 5.000.

Immagine

I pezzi scoperti sono stati verificati dalle etichette e dal meticoloso inventario tenuto da Anthony de Rothschild

Tra le numerose opere in giada cinese e pietre dure c’è un modello in giada bianca e ruggine di una quaglia risalente al periodo Qianlong. Molto finemente dettagliato presenta un vaso e un fungo lingzhi su una base di roccia traforata e ha una stima di £ 3.000- £ 5.000 . Un altro pezzo forte della collezione di giada è l’intaglio di gatti in giada bianca, anch’esso risalente al 18 ° secolo. Nell’antica Cina il gatto era considerato un simbolo di felicità. I gatti sono scolpiti sdraiati e afferrano uno stelo del fungo lingzhi che denota la longevità nella cultura cinese. Realizzato in giada bianca di ottima qualità, il gruppo ha una stima di £ 2.000- £ 3.000.

 

Le scimmie sono presenti costantemente nella cultura cinese, spesso descritte come dispettose e sfacciate, tuttavia si credeva che avessero la capacità di scacciare gli spiriti maligni e quindi si credeva che fossero in grado di portare fortuna. Un modello cinese in celadon chiaro e giada marrone di una scimmia della dinastia Qing raffigura la scimmia seduta, che tiene i suoi piccoli. Con le sue insolite grandi dimensioni di oltre 12 cm di altezza, ha una stima di £ 2.000- £ 3.000.

Immagine

Un gatto di giada bianca, XVIII secolo. Stima £ 2.000- £ 3.000