Il rilancio delle Marche parte dal cinema e dai giovani A Porto Recanati la premiazione del Contest Seen City

Presso la Pinacoteca “Attilio Moroni” di Porto Recanati si è svolta la premiazione del
videocontest: “Seencity…let’s play Marche”, promosso da Marche Film Commission,
Fondazione Marche Cultura e Comune di Porto Recanati, in collaborazione con Tipicità.
Ben 25 i giovani videomaker tra i 18 ed i 25 anni, con proposte anche dall’estero,
che hanno partecipato attratti dall’idea di raccontare le Marche con i propri occhi
attraverso lo smartphone, la telecamera o altre tipologie di device.
I lavori sono stati valutati da una giuria di alto livello composta da prestigiosi
personaggi, a partire dalla giovane e talentuosa attrice marchigiana Denise Tantucci.
“Dormo poco e sogno molto! – le parole di Denise – Parlate, sperimentate, osservate.
Bisogna lasciarsi contaminare”.
In giuria anche Simone Riccioni, eclettico attore, scrittore, sceneggiatore e
produttore italiano. “Seguite ciò che vi rende felici e non mollate mai!”, il suo suggerimento
ai giovani partecipanti. Tra i giurati anche il regista e autore cinematografico Rosario
Capozzolo ed Elena Casaccia, socia fondatrice di Guasco, che dal 2009 si occupa di
produzione cinematografica, editoria, comunicazione.
Ad aggiudicarsi il contest due lavori, ex aequo: “Io sono le Marche” di Leonardo
Traini e “Si prevedono schiarite” di Natalia Giorgi. “Gli Echi di Monte Cardeto”, invece, ha
ricevuto una menzione speciale per il miglior attore e per la miglior regia, rispettivamente
Edoardo Vitangeli e Davide Vassallo. Premio speciale del pubblico, con ben
millecinquecentosei voti sui tremila totali, a “Broken Memories”, di Lorenzo Poeta ed
Andrea Capradossi.
Nel corso della serata, condotta dall’attrice Rebecca Liberati, la direttrice di
Marche Film Commission, Anna Olivucci, e l’assessore alla cultura di Porto Recanati,
Angelica Sabbatini, hanno annunciato le novità per i prossimi mesi, a partire dalle serate
“Vediocinemarche edizione 2021” ed uno speciale omaggio a Mia Martini, attraverso la
docufiction di prossima realizzazione dedicata alla grande interprete scomparsa e agli anni
della sua adolescenza vissuti tra Porto Recanati ed Ancona.