Responsabilità nella gestione Inrca

La questione INRCA continua ad essere un vespaio che evidenzia la difficoltà nella gestione sanitaria a tutela di pazienti anziani, deboli e affetti da numerose patologie.
Dopo aver evidenziato nei mesi scorsi,
uno smantellamento dell’ospedale di Ancona con continue emorragie di personale medico, dobbiamo sottolineare altri due licenziamenti in reparti importanti.
È possibile che nessuno intervenga a spiegare e fermare tutto questo?
In questi giorni abbiamo letto di una lettera di diffida ai chirurgi per aver operato 4 pazienti affetti da colecistectomia  .
Il motivo?
Aver operato nelle sale operatorie di Ancona anziché Osimo.
Come Forza Italia Ancona, il nostro interesse è tutelare la salute dei cittadini che non sono né devono essere trattati come merce da spedire.
A noi non interessa il numero di interventi da effettuare in un ospedale anziché un altro per raggiungere budget ma, la certezza che il paziente venga operato e accudito nel suo percorso riabilitativo in tutte le sue criticità.
A quello che sappiamo, alcuni di questi pazienti erano già ricoverati ad Ancona e le loro condizioni sono estremamente delicate quindi,  ci chiediamo quale sia il senso di spostarli ad Osimo.
È lampante che nel nosocomio di Osimo, purtroppo mancano servizi e specialità fondamentali quali cardiologia h 24 e servizio Uti.
Questi sono i concetti che ci interessano non i calcoli economici su cui pressare i chirurghi.
Concludiamo precisando, visto le chiacchiere da bar di questi giorni, che Forza Italia Ancona difende da anni TUTTA la sanità territoriale convinti che solo una sanità pubblica ampia e capillare può offrire assistenza a tutti i cittadini pertanto,  coloro che in malafede continuano a considerare la nostra battaglia una lotta discriminatoria verso il nosocomio di Osimo sono davvero fuori strada.
Nella città Osimana l’ospedale è fondamentale semmai deve essere potenziato nei servizi già esistenti e dobbiamo tutelare il lavoro che personale medico ed infermieristico svolgono ogni giorno ma è evidente che per sua natura strutturale e specialistica non può erogare alcuni servizi essenziali come accade invece nell’Inrca di Ancona che è, ricordiamolo sempre, un Ospedale di Ricerca Nazionale ed eccellenza Regionale.
Per senso di responsabilità chiediamo a gran voce alla Regione Marche di intervenire sulla annosa vicenda in tempi rapidi, consapevoli che sapranno agire al meglio per il bene dei nostri cittadini e classe medica.
Forza Italia Ancona
Dai Pra’ Teresa Stefania
Coordinatore Comunale