SUPERBONUS 110%, DAI COMMERCIALISTI LA VERSIONE AGGIORNATA DELLE CHECK LIST

Sul sito della Fondazione nazionale della categoria un’area riservata dalla quale scaricare anche i modelli di dichiarazioni sostitutive, il facsimile di lettera di incarico professionale e di preventivo e la sintesi aggiornata delle risposte fornite dall’Agenzia delle entrate agli interpelli sul tema 

Roma, 19 aprile 2021 – Il Consiglio e la Fondazione nazionali dei commercialisti hanno pubblicato una versione aggiornata del documento di ricerca “Il superbonus 110%: check list visto di conformità ecobonus e sismabonus”. Rispetto alla precedente versione, il lavoro tiene conto delle modifiche apportate dalla Legge di bilancio 2021, la quale prevede, tra l’altro, l’estensione dell’agevolazione per le spese sostenute fino al 30 giugno 2022 e, in determinate condizioni, fino al 30 giugno 2023.

Nel documento viene fornito un quadro d’insieme dei controlli che devono essere effettuati ai fini del rilascio del visto di conformità sull’apposita comunicazione da inoltrare all’Agenzia delle entrate per attestare la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta, nei casi di opzione per la cessione del credito d’imposta o per lo sconto in fattura.

Al fine di fornire utili strumenti di lavoro ai commercialisti incaricati di fornire i propri servizi professionali in materia di detrazioni edilizie ed energetiche richiamate dal decreto “Rilancio”, sul sito della Fondazione nazionale vengono messi a disposizione, oltre alle chek list Ecobonus e Sismabonus (in formato personalizzabile) con il relativo documento di ricerca FNC/CNDCEC, anche i modelli di dichiarazioni sostitutive da rendere ai fini del Superbonus, i facsimile di lettera di incarico professionale e di preventivo per prestazioni relative al Superbonus e la sintesi aggiornata delle risposte fornite dall’Agenzia delle entrate agli interpelli sulla materia, corredata dalla raccolta degli interpelli medesimi in versione integrale, in formato pdf. Per scaricare gli allegati dall’apposita area riservata creata per i commercialisti sul sito della Fondazione, basterà compilare un modulo presente sullo stesso sito.

IL SUPERBONUS 110%: CHECK LIST
VISTO DI CONFORMITÀ ECOBONUS E
SISMABONUS

Giuseppe Avanzato
Nicolò La Barbera
Pasquale Saggese

19 APRILE 2021

2

ABSTRACT
Il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazione dalla legge 17 luglio 2020, n. 77
(c.d. Decreto “Rilancio”), ha incrementato al 110% la detrazione per le spese sostenute dal 1° luglio
2020 al 31 dicembre 2021 per specifici interventi di efficientamento energetico o di riduzione del
rischio sismico degli edifici (c.d. Superbonus).
Nel presente documento, viene fornito un quadro d’insieme dei controlli che devono essere effettuati
ai fini dell’apposizione del visto di conformità sull’apposita comunicazione da inoltrare all’Agenzia
delle entrate per attestare la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta,
nei casi di opzione per la cessione del credito d’imposta o per lo sconto in fattura.
Il documento è aggiornato con le modifiche apportate dalla legge 30 dicembre 2020, n. 178 (c.d.
“Legge di bilancio 2021”), la quale prevede, tra l’altro, l’estensione dell’agevolazione per le spese
sostenute fino al 30 giugno 2022 e, in determinate condizioni, fino al 30 giugno 2023.

3

SOMMARIO

1. PREMESSA 5
2. IL VISTO DI CONFORMITÀ AI FINI DEL SUPERBONUS 6
2.1. Caratteristiche principali 6
2.2. Abilitazione all’apposizione del visto da parte dei professionisti 8
2.3. Regime sanzionatorio 9
3. DOCUMENTAZIONE DA CONTROLLARE PER IL RILASCIO DEL VISTO 10
3.1. Idoneo titolo di possesso o di detenzione dell’immobile 10
3.2. Trasferimento dell’immobile mortis causa 14
3.3. Possesso di redditi imponibili in Italia 14
3.4. Abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia in relazione alla
tipologia di lavori da realizzare 16
3.5. Relazioni tecniche e asseverazioni preventive all’avvio dei lavori 17
3.6. Prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti 19
3.7. Comunicazione preventiva indicante la data di inizio dei lavori all’Azienda Sanitaria
Locale 20
3.8. Certificato catastale o domanda di accatastamento 21
3.9. Atto di cessione dell’immobile o atto successivo 21
3.10. Documenti comprovanti il sostenimento della spesa 21
3.11. Bonifico bancario o postale attestante il pagamento delle fatture/ricevute fiscali
comprovanti il sostenimento della spesa 24
3.12. Documentazione relativa alle spese il cui pagamento può non essere eseguito con
bonifico 25
3.13. Dichiarazione sostitutiva attestante il rispetto del limite massimo di spesa ammissibile
25
3.14. Dichiarazione sostitutiva dalla quale risulti che il contribuente non fruisce di eventuali
altri contributi riferiti agli stessi lavori o che le spese agevolate sono state calcolate al
netto di tali eventuali altri contributi 25
3.15. Specifica documentazione per le spese sulle parti comuni 26
3.16. Ricevuta di trasmissione all’Enea della scheda descrittiva dell’intervento eseguito 27

4
3.17. Asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché della
congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati 28
3.18. Polizza di assicurazione del professionista che redige l’asseverazione 30
3.19. Consenso alla cessione del credito o sconto in fattura da parte del
cessionario/fornitore 31
4. DOCUMENTAZIONE DA VERIFICARE (SINTESI) 31
5. COMUNICAZIONE DELL’OPZIONE PER LA CESSIONE/SCONTO ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE 34
6. COMPENSI PROFESSIONALI 35

5

1. Premessa
Il decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito con modificazione dalla legge 17 luglio 2020, n. 77
(c.d. Decreto “Rilancio”), nell’ambito delle misure di sostegno all’economia previste per fronteggiare
le difficoltà economiche e finanziarie connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, con
l’articolo 119 ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio
2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi di efficientamento energetico o di riduzione del
rischio sismico degli edifici (c.d. Superbonus).
Successivamente, la legge 30 dicembre 2020, n. 178 (c.d. “Legge di bilancio 2021”) ha esteso l’ambito
temporale del beneficio alle spese sostenute fino al 30 giugno 2022 (31 dicembre 2022, per gli IACP)
e, a determinate condizioni, fino al 31 dicembre 2022 (30 giugno 2023, per gli IACP). È stato previsto
altresì che la detrazione relativa alla parte di spesa sostenuta nel 2022 dovrà essere ripartita tra gli
aventi diritto in quattro quote annuali di pari importo, anziché in cinque (per gli IACP devono essere
ripartite in quattro quote le spese sostenute dal 1° luglio 2022 1 ).
La legge di bilancio 2021 ha inoltre esteso l’ambito di applicazione dell’agevolazione agli interventi
effettuati da persone fisiche su parti comuni di edifici, da esse interamente posseduti, composti da
due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate.
È stato, inoltre, riconosciuto l’ecobonus agevolato al 110% per gli interventi di eliminazione delle
barriere architettoniche ed è stato specificato che gli interventi di coibentazione del tetto sono
agevolati anche nel caso in cui i locali sottostanti non siano riscaldati. È stato disposto altresì che le
agevolazioni possano essere fruite anche per interventi eseguiti su edifici privi di attestazione
energetica (edifici collabenti).
Infine, sono stati modificati i limiti di spesa previsti per l’istallazione delle colonnine di ricarica dei
veicoli elettrici e sono stati meglio precisati i requisiti delle polizze assicurative di cui devono munirsi i
professionisti tecnici che procedono all’asseverazione degli interventi agevolati.
Per usufruire della detrazione, il contribuente deve aver eseguito gli adempimenti normativamente
previsti ed essere in possesso della relativa documentazione.
L’articolo 121 del Decreto “Rilancio” ha, inoltre, previsto, per gli interventi espressamente elencati
nel comma 2 (ivi compresi quelli che danno diritto al Superbonus), la possibilità di optare, in luogo
della fruizione diretta della detrazione, per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo
dovuto, anticipato dai fornitori che hanno effettuato gli interventi (c.d. sconto in fattura) o, in
alternativa, per la cessione a soggetti terzi (compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari
finanziari) del credito corrispondente alla detrazione spettante.

1 Cfr. Articolo 119, co. 3-bis, del d.l. n. 34/2020.

6
Per gli interventi che danno diritto al Superbonus, in caso di esercizio dell’opzione per lo sconto in
fattura o la cessione del credito d’imposta, in aggiunta agli adempimenti ordinariamente previsti, il
legislatore richiede l’apposizione del visto di conformità ai sensi dell’articolo 35 del decreto
legislativo 9 luglio 1997, n. 241 su un’apposita comunicazione da inoltrare all’Agenzia delle entrate
che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta. Il visto in
parola può essere rilasciato solo dai soggetti abilitati (principalmente, commercialisti e consulenti del
lavoro abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni).
Finalità di questo documento è quella di fornire un quadro d’insieme sui controlli che i soggetti
abilitati sono chiamati ad effettuare ai fini di un corretto rilascio del visto di conformità.

2. Il visto di conformità ai fini del Superbonus
Il comma 11 dell’articolo 119 del Decreto “Rilancio” prevede che: “Ai fini dell’opzione per la cessione
o per lo sconto di cui all’articolo 121, il contribuente richiede il visto di conformità dei dati relativi
alla documentazione che attesta la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione
d’imposta per gli interventi di cui al presente articolo. Il visto di conformità è rilasciato ai sensi
dell’articolo 35 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, dai soggetti indicati alle lettere a) e b)
del comma 3 dell’articolo 3 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio
1998, n. 322, e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all’articolo
32 del citato decreto legislativo n. 241 del 1997”.
Per cui, in ottemperanza alla norma richiamata, laddove il contribuente opti per la cessione del
credito d’imposta o per lo sconto in fattura è indispensabile l’apposizione del visto di conformità da
parte di uno dei soggetti abilitati sull’apposita comunicazione denominata “comunicazione
dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza energetica, rischio
sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica”, che dovrà essere inviata telematicamente
all’Agenzia delle entrate entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello di sostenimento delle spese
per le quali viene esercitata l’opzione. Per le spese sostenute nel 2020 la comunicazione può essere
trasmessa a partire dal 15 ottobre 2020 e fino al 15 aprile 2021 2 .
2.1. Caratteristiche principali
Il visto di conformità, previsto per la cessione del credito d’imposta o lo sconto in fattura in caso di
interventi che danno diritto al Superbonus, è rilasciato ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo
9 luglio 1997, n. 241 (c.d. “visto leggero”), ossia della disciplina in materia di visto di conformità sulle
dichiarazioni fiscali. Tale tipologia di visto implica, come è noto, il riscontro della corrispondenza dei

2 Termine così prorogato, da ultimo, dal provvedimento dell’Agenzia delle entrate prot. n. 83933/2021 del 30 marzo 2021.
In precedenza, il provvedimento dell’Agenzia delle entrate prot. n. 2021/51374 del 22 febbraio 2021 aveva già prorogato il
predetto termine dal 16 marzo al 31 marzo 2021.

7
dati esposti nella dichiarazione alle risultanze della relativa documentazione e alle disposizioni che
disciplinano gli oneri deducibili e detraibili, le detrazioni e i crediti d’imposta e lo scomputo delle
ritenute d’acconto. Si tratta, a ben vedere, di un’attività di controllo formale e non di merito svolta
dal professionista o dal responsabile del centro di assistenza fiscale incaricato, finalizzato ad evitare
errori materiali e di calcolo nella determinazione degli imponibili, delle imposte e delle ritenute e nel
riporto delle eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni.
Il visto di conformità può essere rilasciato soltanto dai soggetti indicati nell’articolo 3, comma 3,
lettere a) e b) del d.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, ovvero da:
 gli iscritti negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e dei consulenti del
lavoro 3 ;
 gli iscritti alla data del 30 settembre 1993 nei ruoli di periti ed esperti tenuti dalle camere di
commercio, industria, artigianato e agricoltura per la sub-categoria tributi, in possesso di
diploma di laurea in giurisprudenza o in economia e commercio o equipollenti o diploma di
ragioneria;
 i responsabili dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all’articolo 32 dello
stesso d.lgs. n. 241/1997.
Nel caso del Superbonus, il visto di conformità attesta, in base alla documentazione prodotta dal
contribuente afferente l’intervento, la sussistenza dei presupposti che danno diritto alla detrazione
d’imposta.
I soggetti che rilasciano il visto di conformità devono anche verificare la presenza delle asseverazioni
e delle attestazioni rilasciate dai tecnici incaricati, in quanto obbligatorie.
Le verifiche da effettuare, pur non riguardando i dati esposti nelle dichiarazioni fiscali, si risolvono
anche in questo caso in un mero controllo formale di tipo documentale, analogo a quello effettuato
sulla documentazione prodotta dal contribuente ai fini del rilascio del visto di conformità sul Modello
730.
Nel caso in cui il professionista sia chiamato ad apporre il visto di conformità solo sulla
comunicazione afferente gli interventi trainati, in quanto quella concernente l’intervento trainante è
stata eseguita da altro soggetto abilitato, egli è in ogni caso tenuto ad acquisire la documentazione
relativa agli interventi trainanti, che costituiscono il presupposto per l’accesso alla maggiore
agevolazione, e quindi a verificare anche la presenza della asseverazione relativa a questi ultimi
interventi 4 .
2.2. Abilitazione all’apposizione del visto da parte dei professionisti
3 Nella risposta a interpello n. 61 del 28 gennaio 2021 l’Agenzia delle entrate ha chiarito che il professionista abilitato ai
sensi dell’articolo 3, comma 3, lettere a) e b) del d.P.R. n. 322/1998 qualora abbia diritto a fruire della detrazione potrà
applicare autonomamente il visto di conformità previsto dall’articolo 119, comma 11, del Decreto “Rilancio”.
4 Cfr. circolare Agenzia delle entrate 20 dicembre 2020, n. 30/E, risposta 6.7.1.

8
Per poter rilasciare il visto di conformità, i professionisti abilitati devono presentare, alla Direzione
regionale territorialmente competente in base al domicilio fiscale, una preventiva comunicazione
contenente l’indicazione dei dati personali e dei luoghi dove è esercitata l’attività.
La comunicazione può essere consegnata a mano, inviata mediante raccomandata con ricevuta di
ritorno ovvero inviata tramite PEC.
Per ottenere l’abilitazione al rilascio del visto, il professionista è tenuto a stipulare una polizza di
assicurazione di responsabilità civile al fine di garantire ai propri clienti il risarcimento dei danni
eventualmente provocati dall’attività prestata e assicurare all’Erario il risarcimento delle sanzioni
amministrative irrogate al professionista per il rilascio di visti infedeli 5 .
Il massimale della polizza deve essere adeguato al numero dei contribuenti assistiti, nonché al
numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciati e,
comunque, non deve essere inferiore a euro 3.000.000 6 .
Alla comunicazione alla DRE è necessario che il professionista alleghi:
 copia integrale della polizza assicurativa di responsabilità civile;
 dichiarazione relativa all’insussistenza di provvedimenti di sospensione dall’ordine di
appartenenza.
Per il rilascio del visto il professionista deve inoltre:
 rispondere a requisiti professionali di onorabilità e moralità di alto profilo tali da poter offrire
garanzia all’Erario e al contribuente che l’attività posta in essere è conforme alle disposizioni
normative disciplinanti la materia;
 possedere la partita IVA;
 essere abilitato ai servizi telematici Entratel.
L’Agenzia delle entrate ha precisato che il professionista che esercita l’attività nell’ambito di
un’associazione professionale, in cui almeno la metà degli associati sia costituita da soggetti indicati
nell’articolo 3, comma 3, lettere a) e b) del d.P.R. n. 322/1998, può essere abilitato a rilasciare il visto
di conformità anche se la partita IVA e l’abilitazione ai servizi telematici Entratel sussistono in capo
all’associazione professionale 7 .
Può essere abilitato al rilascio del visto di conformità anche il professionista con partita IVA socio di
una società di servizi in cui la maggioranza assoluta del capitale sociale sia posseduta da soggetti
5 Cfr. la Guida al “Visto di conformità” dell’Agenzia delle entrate, p. 21.
6 Si ritiene che la polizza di assicurazione eventualmente già sottoscritta dal professionista per il rilascio dei visti di
conformità sulle dichiarazioni fiscali possa valere anche per i visti di conformità apposti sulle comunicazioni dell’opzione per
la cessione del credito d’imposta o per lo sconto in fattura relativa al Superbonus. Si consiglia tuttavia di verificare presso la
propria Società di assicurazione l’idoneità e l’adeguatezza della polizza in corso di validità anche a questi ultimi fini.
7 Cfr. circolare n. 7/E del 26 febbraio 2015. Analogamente, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che il professionista socio di
una società tra professionisti può rilasciare il visto di conformità anche se sprovvisto di partita IVA, essendo la società
partecipata comunque dotata di partita IVA (cfr. risoluzione n. 23/E del 14 aprile 2016).

9
indicati nell’articolo 3, comma 3, lettere a) e b) del d.P.R. n. 322/1998, quand’anche l’abilitazione ai
servizi telematici Entratel sia detenuta dalla società di servizi partecipata.
La Direzione regionale competente in base al domicilio fiscale del professionista, verificato il
contenuto della comunicazione da questi resa e accertata la regolarità della documentazione
prodotta, inserisce il nominativo del professionista in un apposito “elenco informatizzato” dei
soggetti abilitati al rilascio del visto di conformità.
2.3. Regime sanzionatorio
I soggetti abilitati al rilascio del visto sono responsabili per gli errori commessi in sede di controlli
finalizzati all’apposizione del visto di conformità. Salvo che il fatto costituisca reato e ferma restando
l’irrogazione delle sanzioni per le violazioni di norme tributarie, in caso di visto di conformità infedele
sulla comunicazione in argomento, in base a quanto disposto dall’articolo 39, comma 1, lettera a), del
d.lgs. n. 241/1997, trova applicazione la sanzione amministrativa da 258 a 2.582 euro.
Le violazioni sono contestate e le relative sanzioni sono irrogate dalla Direzione regionale
dell’Agenzia delle entrate competente in ragione del domicilio fiscale del trasgressore, anche sulla
base delle segnalazioni degli uffici territoriali dell’Agenzia delle entrate. Nei casi più gravi, potrà
essere disposta la sospensione cautelare dell’attività di assistenza fiscale o persino la revoca
dell’abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni 8 .
I riferiti provvedimenti sono trasmessi anche agli ordini di appartenenza dei soggetti che hanno
commesso la violazione, per l’adozione degli eventuali provvedimenti disciplinari.
All’uopo appare opportuno evidenziare che al soggetto che rilascia il visto non è altresì applicabile la
specifica sanzione da € 2.000 a € 15.000 prevista dall’articolo 119 del Decreto “Rilancio”, in quanto la
stessa è chiaramente riferibile al tecnico che rilascia le asseverazioni e le attestazioni e non al
soggetto che rilascia il visto.

3. Documentazione da controllare per il rilascio del visto
Il rilascio del visto di conformità è un’attività che richiede particolare attenzione alla luce delle
responsabilità amministrative e talvolta anche penali derivanti da eventuali errori o infedeltà
nell’effettuazione dei controlli da parte del professionista.
8 In particolare, in caso di ripetute violazioni ovvero di violazioni particolarmente gravi, è prevista la sospensione dalla
facoltà di rilasciare il visto di conformità per un periodo da uno a tre anni. In caso di ripetute violazioni commesse
successivamente al periodo di sospensione, è prevista l’inibizione dalla facoltà di rilasciare il visto di conformità. Si
considera violazione particolarmente grave il mancato pagamento della sanzione. Si ricorda inoltre che le sanzioni in
materia di visto di conformità non sono oggetto della maggiorazione fino alla metà prevista dall’articolo 7, comma 3, del
decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, nei confronti di chi, nei tre anni precedenti, sia incorso in altra violazione della
stessa indole non definita in modo agevolato. Per i casi in cui può essere disposta la sospensione o la revoca
dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività di assistenza fiscale, si veda altresì il comma 4 dell’articolo 39 del d.lgs. n.
241/1997.

10
Appare evidente, dunque, la necessità di effettuare un esame scrupoloso della documentazione
prodotta dal contribuente, allo scopo di vagliare l’effettivo rispetto dei numerosi adempimenti
previsti dalla disciplina fiscale per il legittimo utilizzo del credito d’imposta previsto dall’articolo 119.
Di seguito, una rassegna dei principali documenti da controllare e conservare ai fini del corretto
rilascio del visto di conformità 9 .
3.1. Idoneo titolo di possesso o di detenzione dell’immobile
Gli interventi previsti dal Superbonus potranno essere eseguiti da uno dei seguenti soggetti 10 :
 Condomìni e persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni,
con riferimento agli interventi su parti comuni di edifici composti da due a quattro unità
immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in
comproprietà da più persone fisiche 11 ;
 persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, con
riferimento agli interventi su unità immobiliari 12 ;
 istituti autonomi case popolari (IACP) 13 comunque denominati, nonché gli enti aventi le
stesse finalità sociali dei predetti istituti, per interventi realizzati su immobili, di loro
proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti a edilizia residenziale pubblica;
 cooperative di abitazione a proprietà indivisa, per gli interventi realizzati su immobili dalle
stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;
9 Per tutta la documentazione esibita in copia occorre naturalmente verificare la conformità all’originale.
10 Cfr. articolo 119, comma 9, del d.l. n. 34/2020.
11 Cfr. Articolo 119, comma 9, lett. a), del Decreto “Rilancio”, come modificato dall’articolo 1, comma 66, lett. n), legge 30
dicembre 2020, n. 178, in vigore dal 1° gennaio 2021. Per tali soggetti, il comma 10 dell’articolo 119 in commento, come
modificato dalla lettera o) del citato comma 66, stabilisce che il Superbonus si applica limitatamente agli interventi di
efficienza energetica realizzati su un numero massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle
detrazioni per gli interventi effettuati sulle parti comuni dell’edificio. Per i medesimi soggetti il comma 8-bis dell’articolo
119, inserito dalla lettera m) del citato comma 66, prevede che il Superbonus spetti per le spese sostenute fino al 31
dicembre 2022 se alla data del 30 giugno 2022 siano stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo.
12 Anche per tali soggetti, il Superbonus si applica limitatamente agli interventi di efficienza energetica realizzati su un
numero massimo di due unità immobiliari, fermo restando il riconoscimento delle detrazioni per gli interventi effettuati
sulle parti comuni dell’edificio. L’Agenzia delle entrate, nella circolare 8 agosto 2020, n. 24/E (par. 1.2), ha precisato che la
fruizione del Superbonus riguarda unità immobiliari non riconducibili ai c.d. “beni relativi all’impresa” o a quelli strumentali
per l’esercizio di arti o professioni. Ne consegue che, la detrazione spetta anche ai contribuenti persone fisiche che
svolgono attività di impresa o arti e professioni, qualora le spese sostenute abbiano ad oggetto interventi effettuati su
immobili appartenenti all’ambito “privatistico”. Inoltre, i soggetti titolari di reddito d’impresa e gli esercenti arti e
professioni possono fruire del Superbonus in relazione alle spese sostenute per interventi realizzati sulle parti comuni degli
edifici in condominio. In tal caso, la detrazione spetta, in qualità di condòmini, a prescindere dalla circostanza che gli
immobili posseduti o detenuti dai predetti soggetti siano immobili strumentali alle attività di impresa o arti e professioni
ovvero unità immobiliari che costituiscono l’oggetto delle attività stesse ovvero, infine, beni patrimoniali appartenenti
all’impresa.
13 Per questi soggetti il comma 3-bis dell’articolo 119, come modificato dall’articolo 1, comma 66, lett. e), legge 30 dicembre
2020, n. 178, prevede che il Superbonus spetti anche per le spese sostenute dal 1° luglio 2022 al 31 dicembre 2022, fermo
restando che per le spese sostenute dal 1° luglio 2022 la detrazione è ripartita in quattro quote annuali di pari importo.
Inoltre, il nuovo comma 8-bis dell’articolo 119, inserito dalla lettera m) del citato comma 66, ha esteso l’agevolazione alle
spese sostenute da tali soggetti fino al 30 giugno 2023 se alla data del 31 dicembre 2022 siano stati effettuati lavori per
almeno il 60% dell’intervento complessivo.

11
 organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all’articolo 10 del d.lgs. 4
dicembre 1997, n. 460;
 organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266;
 associazioni di promozione sociale (APS) iscritte nei registri nazionali, regionali e delle
provincie autonome di Trento e Bolzano previsti dall’articolo 7 della legge 7 dicembre 2000,
n. 383 14 ;
 associazioni e società sportive dilettantistiche (Asd /Ssd) iscritte nel registro istituito ai sensi
dell’articolo 5, comma 2, lettera c), del d.lgs. 23 luglio 1999, n. 242 15 ;
 comunità energetiche rinnovabili costituite in forma di enti non commerciali o da parte di
condomìni che aderiscono alle “configurazioni” di cui all’articolo 42-bis del d.l. 30 dicembre
2019, n. 162, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2020, n. 8 16 .
Relativamente alle persone fisiche è possibile distinguere:
a) contribuente proprietario 17 , nudo proprietario o titolare di altro diritto reale di godimento
(usufrutto, uso, abitazione o superficie);
b) contribuente detentore dell’immobile quale locatario o comodatario;
c) familiare convivente del proprietario o del detentore;
d) socio di cooperativa a proprietà indivisa.
Ai fini della detrazione fiscale il contribuente deve essere in possesso di un titolo idoneo di possesso
o di detenzione dell’immobile sul quale sono stati eseguiti i lavori.
Il titolo in parola deve essere, inoltre, di data antecedente alla data di avvio dei lavori o al momento
del sostenimento delle spese, se antecedente il predetto avvio.
La detrazione spetta anche al:
a) coniuge assegnatario della casa coniugale, di proprietà esclusiva dell’altro coniuge, per i
lavori svolti dopo la sentenza di separazione che costituisce titolo per l’assegnazione 18 ;
b) convivente di fatto di cui all’articolo 1, commi 36 e 37, della legge n. 76 del 2016;
14 Con risposta a interpello n. 64 del 28 gennaio 2021, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che per le organizzazioni non
lucrative di utilità sociale (ONLUS) di cui all’articolo 10 del d.lgs. n. 460/1997, le organizzazioni di volontariato (OdV) iscritte
nei registri di cui alla legge n. 266/1991 e le associazioni di promozione sociale (APS) iscritte nei registri nazionali, regionali e
delle provincie autonome di Trento e Bolzano, il beneficio spetta per tutti gli interventi agevolabili, indipendentemente
dalla categoria catastale e dalla destinazione dell’immobile oggetto degli interventi medesimi, ferma restando la necessità
che gli interventi ammessi al Superbonus siano effettuati sull’intero edificio o sulle singole unità immobiliari.
L’individuazione dei limiti di spesa per tali soggetti va effettuata al pari di ogni altro destinatario dell’agevolazione,
applicando le regole contenute nel medesimo articolo 119, ovvero tenendo conto della natura degli immobili (edificio,
condominio, ecc.) e del tipo di intervento da realizzare (isolamento termico, sostituzione impianto di riscaldamento, ecc.).
15 Limitatamente ai lavori destinati a immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.
16 Limitatamente alle spese sostenute per impianti a fonte rinnovabile gestiti dai predetti soggetti.
17 In caso di comproprietà la ripartizione della detrazione non deve necessariamente tenere conto delle quote di possesso in
quanto vale il principio dell’effettivo sostenimento della spesa.
18 Sul punto, cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 13/E del 9 maggio 2013, p. 1.2.

12
c) futuro acquirente dell’immobile a condizione che lo stesso sia stato immesso in possesso
dello stesso con un preliminare di vendita registrato 19 .
In caso di mera detenzione dell’immobile, il contribuente deve essere in possesso di un valido
contratto recante data antecedente l’avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese, se
antecedente il predetto avvio, quale ad esempio un contratto di locazione, anche finanziaria, o di
comodato, regolarmente registrato. Ad avviso dell’Agenzia delle entrate, infatti, al fine di garantire
la necessaria certezza ai rapporti tributari, la mancanza, al momento dell’inizio dei lavori, di un titolo
di detenzione dell’immobile risultante da un atto registrato preclude il diritto alla detrazione, anche
se si provvede alla successiva regolarizzazione 20 .Per i detentori dell’immobile la detrazione è, inoltre,
subordinata al rilascio del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.
Tale consenso può essere acquisito in forma scritta anche successivamente all’inizio dei lavori a
condizione, tuttavia, che sia formalizzato entro la data di presentazione della comunicazione
dell’opzione di cessione/sconto della detrazione.
Per i soci di cooperativa a proprietà indivisa, quali detentori dell’immobile, è inoltre necessario
acquisire l’accettazione della domanda di assegnazione da parte del CDA della cooperativa.
Nel caso in cui gli interventi siano eseguiti su immobili condotti in locazione finanziaria la detrazione
compete all’utilizzatore dell’immobile ed è determinata in base al costo sostenuto dalla società
concedente 21 .
Le spese per gli interventi che beneficiano del Superbonus possono essere altresì sostenute da un
familiare 22 del possessore o detentore dell’immobile oggetto dei lavori.
È il caso dei:
 familiari conviventi 23 ;
 componenti di unioni civili o conviventi di fatto di cui alla legge 20 maggio 2016, n. 76;
 coniuge separato assegnatario dell’immobile di proprietà all’altro coniuge.
Per tali soggetti, tuttavia, si rendono necessarie le seguenti ulteriori precisazioni.
L’estensione dell’agevolazione ai familiari conviventi trova applicazione limitatamente ai lavori
eseguiti su immobili appartenenti all’ambito “privatistico”, ovvero quelli nei quali può esplicarsi la
convivenza, ma non in relazione ai lavori eseguiti su immobili strumentali all’attività d’impresa, arte o
professione 24 . La detrazione spetta al familiare per i costi sostenuti 25 per gli interventi effettuati su
19 La detrazione spetta al futuro acquirente anche nelle ipotesi in cui non si perfezioni l’acquisto (cfr. circolare Agenzia delle
entrate n. 19/E dell’8 luglio 2020, pag. 245).
20 Sul punto, la cit. circ. Agenzia delle entrate n. 19/E del 2020, pag. 243.
21 Cfr. articolo 4, comma 3, del decreto del Ministero dello sviluppo economico 6 agosto 2020, pubblicato in G.U. n. 246 del
5 ottobre 2020 (c.d. Decreto “Requisiti – Ecobonus”).
22 Per familiari si intendono, a norma dell’articolo 5, comma 5, del TUIR, il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini
entro il secondo grado.
23 Per il familiare non convivente in possesso di contratto di comodato si applicano le regole generali previste per il
detentore dell’immobile.

13
una qualsiasi delle abitazioni in cui si esplica la convivenza, indipendentemente dalla ubicazione della
stessa, purché tale immobile risulti a disposizione 26 . Non è dunque necessario che l’immobile sia
adibito ad abitazione principale del possessore/detentore o del familiare convivente, può infatti
trattarsi di residenze secondarie nelle quali potrebbe astrattamente realizzarsi la convivenza. Per
detti motivi la detrazione non compete per le spese riferite ad immobili a disposizione di altri
familiari (ad esempio, il marito non potrà fruire della detrazione per le spese di ristrutturazione di un
immobile di proprietà della moglie dato in comodato alla figlia) o di terzi 27 . Ferme restando le altre
condizioni, la detrazione spetta anche se le abilitazioni comunali all’esecuzione dei lavori siano
intestate al proprietario dell’immobile e non al familiare che usufruisce della detrazione 28 .
Per il convivente di fatto 29 del possessore o detentore dell’immobile la detrazione spetta anche in
assenza di un contratto di comodato. Il convivente di fatto che sostenga le spese, nel rispetto delle
condizioni previste dalla normativa, può fruire della detrazione alla stregua di quanto illustrato per i
familiari conviventi.
Lo status di familiare convivente deve sussistere al momento dell’avvio dei lavori o al momento del
sostenimento delle spese se antecedente il predetto avvio 30 e può essere attestato tramite certificato
dello stato di famiglia o, in alternativa, da dichiarazione sostitutiva di atto notorio.
3.2. Trasferimento dell’immobile mortis causa
In caso di acquisizione dell’immobile per successione, le quote residue di detrazione si trasferiscono
per intero esclusivamente all’erede o agli eredi che conservano la detenzione materiale e diretta
dell’immobile. In sostanza, la detrazione compete a chi può disporre dell’immobile, a prescindere
dalla circostanza che lo abbia adibito a propria abitazione principale 31 .
La detrazione si trasferisce all’erede che possedeva l’immobile al 31 dicembre dell’anno in cui è
avvenuto il decesso, anche se questo è l’anno di sostenimento della spesa. Se la detenzione
materiale e diretta dell’immobile è esercitata congiuntamente da più eredi, la detrazione è ripartita
tra gli stessi in parti uguali 32 .
24 Cfr. circolare 31 maggio 2007, n. 36, par. 1.
25 Il familiare convivente, al fine di fruire della detrazione, deve avere sostenuto la spesa, in tutto o in parte, e ciò deve
risultare dall’intestazione di fatture e bonifici. Tuttavia, è ammessa la detrazione in capo a detto familiare, a prescindere
dalla circostanza che i documenti di spesa siano intestati o cointestati allo stesso, a condizione che tali documenti siano
appositamente integrati con il nominativo del soggetto che ha sostenuto la spesa e con l’indicazione della relativa
percentuale (cfr. circ. Agenzia delle entrate n. 19/E/2020 pag. 257 e 350).
26 Ai fini della detrazione, si considera a disposizione anche l’immobile oggetto di ordinanze sindacali di sgombero, in quanto
inagibile totalmente o parzialmente per cause di forza maggiore (ad esempio, a causa di un evento sismico o calamitoso).
27 Sul punto, cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 19/E/2020, pag. 244.
28 Cfr. risoluzione Agenzia delle entrate 12 giugno 2002, n. 184.
29 Poiché, ai fini dell’accertamento della “stabile convivenza”, la legge n. 76/2016 richiama il concetto di famiglia anagrafica
previsto dal regolamento anagrafico di cui al d.P.R. n. 223/1989 (risoluzione Agenzia delle entrate 28 luglio 2016, n. 64/E),
tale status può risultare dai registri anagrafici o essere oggetto di autocertificazione resa ai sensi dell’articolo 47 del d.P.R. n.
445/2000.
30 Non è necessario che lo status di convivenza permanga per l’intero periodo di fruizione della detrazione.
31 Cfr. circolare 10 giugno 2004, n. 24, risposta 1.1, richiamata dalla circolare n. 19/E/2020, pag. 251.

14
Qualora uno solo di essi abiti l’immobile, la detrazione spetta per intero a quest’ultimo non
avendone più gli altri la disponibilità.
Alla luce di quanto precede, in caso di immobile pervenuto per successione è richiesto che ai fini del
legittimo esercizio delle detrazioni fiscali il contribuente detentore dell’immobile oggetto dei lavori
rediga una autocertificazione 33 che attesti la disponibilità del bene e la sua detenzione materiale e
diretta.
3.3. Possesso di redditi imponibili in Italia
Trattandosi di detrazione dall’imposta lorda l’agevolazione in esame è ammessa entro il limite che
trova capienza nella predetta imposta annua.
Tuttavia oltre al tradizionale utilizzo diretto della detrazione spettante in sede di dichiarazione dei
redditi relativa all’anno di riferimento delle spese, l’articolo 121 del Decreto “Rilancio” consente ai
soggetti che sostengono le spese individuate dalla predetta norma la facoltà di optare
alternativamente:
– per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, di importo massimo non
superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli
interventi agevolati (cd. “sconto in fattura”).
– per la cessione di un credito d'imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri
soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive
cessioni.
Sull’argomento, l’Agenzia delle entrate 34 ha chiarito che l’accesso al beneficio è previsto anche per i
soggetti che possiedono esclusivamente redditi assoggettati a tassazione separata o ad imposta
sostitutiva (il riferimento, in quest’ultimo caso, è ai contribuenti che aderiscono al regime forfetario
di cui all’articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190) in quanto “Ai fini
dell’esercizio dell’opzione, non rileva, infatti, la circostanza che il reddito non concorra alla
formazione della base imponibile oppure che l’imposta lorda sia assorbita dalle altre detrazioni o non
è dovuta, essendo tale istituto (n.d.r.: cessione del credito/sconto in fattura) finalizzato ad
incentivare l’effettuazione degli interventi indicati nel comma 2 dell’articolo 121 prevedendo
meccanismi alternativi alla fruizione della detrazione che non potrebbe essere utilizzata direttamente
in virtù delle modalità di tassazione del contribuente potenzialmente soggetto ad imposizione
diretta”.
Tuttavia, detta possibilità sarebbe in ogni caso preclusa, a parere della stessa Agenzia, “ai soggetti
che non possiedono redditi imponibili i quali, inoltre, non possono esercitare l’opzione per lo sconto in
32 Cfr. circolare 5 marzo 2003, n. 15, par. 2. Inoltre, se l’immobile è locato la detrazione non spetta all’erede in quanto,
sebbene ne sia proprietario, non ne può disporre.
33 Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa ai sensi dell’art. 47 del d.P.R. n. 445/2000.
34 Cfr. circolare n. 24/E/2020, pag. 10.

15
fattura o per la cessione del credito”. Un caso tipico, proposto in tal senso nel citato documento di
prassi, è quello “delle persone fisiche non residenti in Italia che detengono l’immobile oggetto degli
interventi in base ad un contratto di locazione o di comodato” 35 .
Inoltre, con riferimento all’acquisto di immobili ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2
e 3, oggetto di interventi di ristrutturazione mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici
eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che provvedano, entro diciotto
mesi dalla data di conclusione dei lavori, alla successiva alienazione, l’Agenzia delle entrate 36 ha
riconosciuto il diritto a fruire dell’agevolazione prevista dal c.d. “sismabonus acquisti” nella versione
Superbonus, ferma restando la presenza dei requisiti e delle condizioni normativamente previste, al
soggetto non residente promissario acquirente di un immobile in Italia, il quale per effetto di detto
acquisto diviene titolare di reddito fondiario. Tale soggetto, in mancanza di un’imposta lorda sulla
quale operare la detrazione del 110%, potrà optare per la fruizione del Superbonus in una delle
modalità alternative previste dall'articolo 121 del Decreto “Rilancio”.
Alla luce di quanto precede, il contribuente potrà fruire del Superbonus indipendentemente dalla
capienza della sua imposta lorda o dalla circostanza che lo stesso possieda solo redditi assoggettati a
tassazione separata o ad imposizione sostitutiva, mentre il diritto alla detrazione viene meno laddove
il medesimo non sia titolare di alcun reddito imponibile (es. soggetto privo di redditi e mero
detentore dell’immobile).
3.4. Abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia in relazione
alla tipologia di lavori da realizzare
Prima dell’inizio dei lavori occorre essere in possesso delle eventuali abilitazioni amministrative,
richieste dalla vigente legislazione edilizia, in relazione alla tipologia di lavori da realizzare.
In estrema sintesi, e senza entrare nel merito della normativa di riferimento 37 , è possibile suddividere
le varie tipologie di intervento in:
1. interventi in edilizia libera i quali per essere realizzati non necessitano di alcun titolo
abilitativo (CIL);
2. interventi in attività libera realizzabili solo a seguito di una comunicazione asseverata di
inizio lavori (CILA);
35 Nella risposta a interpello n. 486 del 19 ottobre 2020, l’Agenzia delle entrate ha chiarito che un frontaliere residente in
uno dei Comuni italiani presenti nella fascia entro i 20 km dal confine con la Svizzera, con reddito da lavoro dipendente
tassato esclusivamente in Svizzera (Stato in cui l’attività lavorativa è svolta), può fruire del Superbonus, secondo le modalità
alternative più volte richiamate, se proprietario di una casa in Italia e titolare unicamente, quindi, del relativo reddito
fondiario. La stessa conclusione è stata tratta dall’Agenzia delle entrate, nella risposta a interpello n. 500 del 27 ottobre
2020, per un contribuente fiscalmente residente all’estero, proprietario di un immobile in Italia all’interno di un condominio
e, quindi, titolare del relativo reddito fondiario.
36 Cfr. risposta a interpello n. 91 dell’8 febbraio 2021.
37 Per approfondimenti, vedi d.P.R. n. 380/2001, d.lgs. n. 222/2016 e decreto Ministero delle Infrastrutture e Trasporti del 2
marzo 2018, nonché, da ultimo, le novità in materia recante dagli articoli 10 e 10-bis del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76
(c.d. Decreto “Semplificazioni”), convertito con modificazioni dalla legge 11 settembre 2020, n. 120.

16
3. attività edilizia soggetta a permesso di costruire, oppure, nei casi previsti dall’articolo 23 del
d.P.R. n. 380/2001, a segnalazione certificata di inizio attività in alternativa al permesso di
costruire (c.d. “Super SCIA”);
4. attività edilizia soggetta a segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ovvero interventi
edilizi non rientranti nelle altre categorie elencate.
Si precisa che nel caso in cui la normativa edilizia applicabile non preveda alcun titolo abilitativo per
la realizzazione di interventi agevolati che danno diritto al Superbonus (es. attività libera), è
sufficiente una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, resa direttamente dal contribuente
ai sensi dell’articolo 47 del d.P.R. n. 445 del 2000, in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed
attestata la circostanza che gli interventi posti in essere rientrano tra quelli agevolabili, sebbene i
medesimi non necessitino di alcun titolo abilitativo, ai sensi della normativa edilizia vigente 38 .
Si ricorda che gli interventi edilizi per i quali è richiesto il titolo abilitativo del permesso di costruire o
della SCIA alternativa al permesso di costruire (c.d. “Super-SCIA”) sono:
 gli interventi di nuova costruzione e gli interventi di ristrutturazione urbanistica, di cui alle
lettere e) ed f) dell’articolo 3, comma 1, del d.P.R. n. 380/2001 39 ;
 gli interventi di ristrutturazione edilizia, di cui alla lett. d) dell’articolo 3, comma 1, del d.P.R.
n. 380/2001, ma limitatamente a quelli di natura c.d. “pesante” 40 .
Gli interventi di ristrutturazione edilizia “pesante” sono quelli che 41 :
 portano “ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente”, quando
comportano “anche modifiche della volumetria complessiva degli edifici”;
 oppure, “limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A”, comportano
“mutamenti della destinazione d’uso”;
 oppure, con riguardo agli immobili sottoposti a tutela storico, artistica o paesaggistica ai sensi
del d.lgs. n. 42/2004, comportano “modificazioni della sagoma o della volumetria degli edifici
e dei prospetti”.
Gli interventi edilizi per i quali è invece richiesto il titolo abilitativo della SCIA (non alternativa al
permesso di costruire) sono:

38 Circolare Agenzia delle entrate 1° giugno 2012, n. 19, risposta 1.5.
39 Per questi interventi, la SCIA in alternativa al permesso di costruire è possibile solo “qualora siano disciplinati da piani
attuativi comunque denominati, ivi compresi gli accordi negoziali aventi valore di piano attuativo, che contengano precise
disposizioni plano-volumetriche, tipologiche formali e costruttive, la cui sussistenza sia stata esplicitamente dichiarata dal
competente organo comunale in sede di approvazione degli stessi piani o di ricognizione di quelli vigenti” (art. 23, comma
01, lett. b), del d.P.R. n. 380/2001). Per gli interventi di nuova costruzione, la SCIA in alternativa al permesso di costruire è
possibile anche se risulta verificato il solo requisito di essere “in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti
precise disposizioni plano-volumetriche” (art. 23, comma 01, lett. c), del d.P.R. n. 380/2001).
40 Per questi interventi, la SCIA in alternativa al permesso di costruire è sempre possibile (art. 23, comma 1, lett. a), del
d.P.R. n. 380/2001).
41 Cfr. articolo 10, comma 1, lett. c), del d.P.R. n. 380/2001.

17
 gli interventi di manutenzione straordinaria, di cui alla lett. b) dell’articolo 3, comma 1, del
d.P.R. n. 380/2001, limitatamente a quelli di natura c.d. “pesante”;
 gli interventi di restauro e di risanamento conservativo, di cui alla lett. c) dell’articolo 3,
comma 1, del d.P.R. n. 380/2001, limitatamente a quelli di natura c.d. “pesante”;
 gli interventi di ristrutturazione edilizia, di cui alla lett. d) dell’articolo 3, comma 1, del d.P.R.
n. 380/2001, limitatamente a quelli di natura c.d. “leggera”.
Gli interventi di manutenzione straordinaria “pesante” sono quelli che riguardano “le parti strutturali
dell’edificio o i prospetti” 42 .
Gli interventi di restauro e risanamento conservativo “pesante” sono quelli che riguardano “le parti
strutturali dell’edificio” 43 .
3.5. Relazioni tecniche e asseverazioni preventive all’avvio dei lavori
Per gli interventi di efficienza energetica, in base a quanto disposto dall’articolo 6 del decreto
interministeriale 6 agosto 2020 che definisce i requisiti tecnici per l’accesso alle detrazioni fiscali per
la riqualificazione energetica degli edifici (c.d. Decreto “Requisiti – Ecobonus”), è sempre necessario
il deposito all’ufficio competente del Comune in cui è ubicato l’immobile oggetto degli interventi,
unitamente alla documentazione necessaria per l’avvio dei lavori, della relazione tecnica di progetto
prevista dall’articolo 8, comma 1, del d.lgs. n. 192/2005 e successive modificazioni 44 secondo i
modelli riportati nel decreto interministeriale 26 giugno 2015 “Schemi e modalità di riferimento per
la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell’applicazione delle prescrizioni e dei
requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici”, o modulistica prevista da disposizioni
regionali sostitutive, comprensiva di tutti gli allegati 45 .
In caso di interventi di riduzione del rischio sismico, all’avvio dei lavori sarà necessario invece
depositare presso lo sportello unico competente l’asseverazione della classe di rischio dell’edificio
precedente l’intervento e di quella conseguibile a seguito dell’esecuzione dell’intervento progettato 46
. Secondo la costante prassi dell’Agenzia delle entrate 47 un’asseverazione tardiva non consentirebbe
di avvalersi delle detrazioni 48 .
42 Cfr. articolo 22, comma 1, lett. a), del d.P.R. n. 380/2001.
43 Cfr. articolo 22, comma 1, lett. b), del d.P.R. n. 380/2001.
44 La relazione energetica (da non confondere con l’APE) è il documento previsto dal d.lgs. n. 192/2005 (già introdotto dalla
legge n. 10/1991), nel quale sono definiti i dati tecnici e costruttivi dell’edificio e degli impianti e le prescrizioni in materia di
contenimento del consumo energetico da rispettare in fase di costruzione (isolamenti, ponti termici, rendimenti impianti,
ecc.). Il documento fornisce quindi informazioni relative alle prestazioni ed al rendimento energetico del sistema edificio-
impianti, considerando anche eventuali contributi provenienti da fonti rinnovabili. Il contenuto della relazione energetica
non è sempre uguale, ma differisce a seconda del tipo di intervento eseguito sull’edificio in esame.
45 In mancanza di ulteriori comunicazioni, la data di inizio lavori può essere desunta anche dalla predetta relazione tecnica di
progetto.
46 Cfr. articolo 3 comma 2 del decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 28 febbraio 2017, n. 58.
47 Cfr. circolare 8 luglio 2020, n. 19/E, p. 277.
48 Ai sensi del comma 3 dell’articolo 3 del decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 28 febbraio 2017, n. 58,
l’asseverazione, unitamente al progetto degli interventi di riduzione del rischio sismico cui l’asseverazione si riferisce, deve

18
È opportuno ricordare che la realizzazione di opere difformi dal titolo abilitativo ed in contrasto con
gli strumenti urbanistici e i regolamenti edilizi determina, nella maggior parte dei casi, la decadenza
dai benefici fiscali con conseguente recupero delle somme indebitamente detratte, in quanto si
tratta di opere non sanabili ai sensi della vigente normativa 49 .
Tuttavia, la realizzazione di opere edilizie per le quali sarebbe stato necessario un titolo abilitativo
diverso da quello in possesso, ma comunque conformi agli strumenti urbanistici ed ai regolamenti
edilizi, non può essere considerato motivo di decadenza dai benefici fiscali, purché il contribuente
metta in atto il procedimento di sanatoria previsto dalle normative vigenti 50 .
3.6. Prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti
In caso di interventi che consistano nella mera prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti
sulla stessa unità immobiliare, ai fini della determinazione dell’importo massimo delle spese
ammesse a fruire della detrazione, occorre tenere conto anche delle spese sostenute negli anni
pregressi.

essere allegata alla segnalazione certificata di inizio attività o alla richiesta di permesso di costruire “al momento della
presentazione allo sportello unico competente di cui all’articolo 5 del citato decreto del Presidente della Repubblica n. 380
del 2001, per i successivi adempimenti, tempestivamente e comunque prima dell’inizio dei lavori”. L’inciso
“tempestivamente e comunque prima dell’inizio dei lavori” è stato aggiunto in sede di riformulazione del citato comma 3
dell’articolo 3 del d.m. n. 58/2017 a cura dell’articolo 1, comma 1, lett. b), del d.m. 9 gennaio 2020, n. 24. Grazie a questa
integrazione, l’asseverazione può considerarsi tempestivamente presentata anche se viene allegata alla segnalazione
certificata di inizio attività o alla richiesta di permesso di costruire (PdC) in un momento successivo a quello di deposito
della SCIA o della richiesta di PdC, ma antecedente a quello di inizio dei lavori. Sul punto, giova peraltro segnalare che,
secondo l’interpretazione dell’Agenzia delle entrate resa nelle risposte a interpello 24 febbraio 2021, n. 127 e 18 marzo
2021, n. 192, questa maggiore “flessibilità” non varrebbe con riguardo ai titoli abilitativi richiesti prima del 16 gennaio 2020,
ossia prima della data di entrata in vigore del citato d.m. 9 gennaio 2020, con la conseguenza che per le segnalazioni
certificate di inizio attività o le richieste di permesso di costruire presentate fino al 15 gennaio 2020 allo sportello unico
competente, di cui all’articolo 5 del d.P.R. n. 380/2001, l’eventuale mancata allegazione dell’asseverazione continuerebbe a
comportare la tardività della medesima (con tutte le conseguenze che da tale tardività discendono), ivi compreso il caso in
cui venga presentata prima dell’inizio dei lavori. Questa impostazione pare alquanto discutibile anche in ragione del fatto
che la ratio della modifica apportata dal d.m. 9 gennaio 2020 al comma 3 dell’articolo 3 del d.m. n. 58/2017 risiede proprio
nella volontà di dissipare i dubbi determinati da una formulazione normativa che non teneva conto di una fisiologica prassi
operativa tale per cui accade sovente che il progetto strutturale e l’asseverazione ad essa relativa vengano depositati
presso lo Sportello Unico Edilizio del competente Comune non già contestualmente alla presentazione della SCIA o della
richiesta di PdC, bensì successivamente al rilascio, da parte dell’ufficio del Genio Civile della competente Regione, del nulla
osta sul progetto strutturale cui la SCIA o lo stesso PdC restano subordinati ai fini della possibilità di avviare concretamente
le opere, ai sensi dell’articolo 94 del d.P.R. n. 380/2001.
Va inoltre sottolineato che, per quanto concerne la detrazione “sismabonus acquisti” di cui al comma 1-septies) dell’articolo
16 del decreto-legge n. 63/2013, essa spetta agli acquirenti delle unità immobiliari ubicate nelle zone sismiche 2 e 3,
oggetto di interventi le cui procedure autorizzatorie sono iniziate dopo il 1° gennaio 2017, ma prima del 1° maggio 2019,
anche se l’asseverazione di cui al citato articolo 3 del d.m. n. 58/2017 non è stata presentata contestualmente alla richiesta
del titolo abilitativo. In tal caso, ai fini della detrazione, è necessario che la predetta asseverazione sia presentata
dall’impresa entro la data di stipula del rogito di acquisto dell’immobile oggetto degli interventi di riduzione del rischio
sismico (cfr. Agenzia delle entrate, risposta a interpello 2 settembre 2020, n. 300).
49 In termini, la circolare Agenzia delle entrate 24 febbraio 1998, n. 57, par. 7, come richiamata dalla cit. circ. n. 19/E/2020,
pag. 285.
50 Tramite CILA o SCIA in sanatoria, c.d. “accertamento di conformità”.

19
Questo vincolo non si applica agli interventi autonomi, ossia non di mera prosecuzione, fermo
restando che se nello stesso anno e per la stessa unità abitativa vengano effettuati sia interventi
nuovi che interventi di prosecuzione, nel computo della spesa annuale massima i due interventi
devono essere sommati in quanto deve comunque essere rispettato il limite annuale di spesa
ammissibile 51 .
Si ricorda che l’intervento per essere considerato autonomamente detraibile rispetto a quelli iniziati
in anni precedenti sulla medesima unità immobiliare, deve essere anche autonomamente certificato
attraverso la documentazione amministrativa richiesta dalla normativa vigente 52 .
In sostanza, non è necessario che trascorra un periodo di tempo minimo tra i diversi interventi di
recupero del patrimonio edilizio o di efficientamento energetico per poter beneficiare nuovamente
della detrazione, tuttavia in caso di più interventi in corso (nuovi e precedenti) non può essere
superato, per ogni anno, il limite massimo di spesa previsto annualmente per il tipo di intervento in
oggetto. Quindi, se su un immobile già oggetto di interventi di efficientamento energetico negli anni
precedenti, viene effettuato un nuovo intervento, il contribuente potrà avvalersi della detrazione, ma
sempre nel rispetto del limite di detrazione massima prevista per l’intervento in parola e vigente al
momento dell’esecuzione dei bonifici di pagamento.
Gli interventi eseguiti sulle parti comuni condominiali assumono rilievo autonomo ai fini del limite
massimo agevolabile rispetto agli interventi sulle singole unità immobiliari 53 .
3.7. Comunicazione preventiva indicante la data di inizio dei lavori all’Azienda Sanitaria
Locale
Tra la documentazione preliminare necessaria per l’avvio dei lavori rientra anche la comunicazione
preventiva indicante la data di inizio dei lavori da inviare all’Azienda sanitaria competente
territorialmente.
Tale adempimento è però da ritenere indispensabile solo qualora lo stesso sia obbligatorio secondo
le vigenti disposizioni in materia di sicurezza dei cantieri ovvero, ai sensi dell’articolo 99 del d.lgs. n.
81/2008, nei seguenti casi:
a) cantieri in cui è prevista la presenza, anche non contemporanea, di più imprese esecutrici;
b) cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo, ricadono nel caso precedente per effetto di
varianti sopravvenute in corso d’opera;
c) cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200
uomini-giorno.

51 Cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 15/E/2003, pag. 14 e ss.
52 Cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 17/E/2015.
53 Cfr. risoluzione Agenzia delle entrate 25 gennaio 2008, n. 19/E.

20
Tale comunicazione, inviata con raccomandata A.R. o altre modalità stabilite dalla Regione prima di
iniziare i lavori 54 , deve contenere le seguenti informazioni:
– generalità del committente dei lavori e ubicazione degli stessi;
– natura dell’intervento da realizzare;
– dati identificativi dell’impresa esecutrice dei lavori con esplicita assunzione di responsabilità,
da parte della medesima, in ordine al rispetto degli obblighi posti dalla vigente normativa in
materia di sicurezza sul lavoro e contribuzione;
– data di inizio dell’intervento di recupero.
In caso di omissione della preventiva comunicazione alla ASL di competenza, qualora la stessa risulti
obbligatoria secondo le vigenti disposizioni in materia di sicurezza dei cantieri, la decadenza è
espressamente prevista dall’articolo 4, comma 1, del d.m. 18 febbraio 1998, n. 41 soltanto per gli
interventi di recupero del patrimonio edilizio 55 .
Ad avviso dell’Agenzia delle entrate, l’eventuale omissione non può essere sanata, ai fini della
detrazione, mediante la c.d. remissione in bonis, di cui all’articolo 2, comma 1, del d.l. n. 16 del 2012 56
.
3.8. Certificato catastale o domanda di accatastamento
L’agevolazione è ammessa se gli interventi sono realizzati su edifici esistenti situati nel territorio
dello Stato censiti al catasto o per i quali sia stato chiesto l’accatastamento. Ad avviso dell’Agenzia
delle entrate, la prova dell’esistenza dell’edificio può essere fornita dall’iscrizione dello stesso in
catasto, oppure dalla richiesta di accatastamento nonché dal pagamento dell’IMU, se dovuta 57 .
Il nuovo comma 1-quater dell’articolo 119 del Decreto “Rilancio”, introdotto dall’articolo 1, comma
66, lett. c), della legge 30 dicembre 2020, n. 178, ammette a fruire dell’agevolazione anche gli “edifici
privi di attestazione di prestazione energetica perché sprovvisti di copertura, di uno o più muri
perimetrali, o di entrambi, purché al termine degli interventi, che devono comprendere anche quelli di
cui alla lettera a) del comma 1, anche in caso di demolizione e ricostruzione o di ricostruzione su
sedime esistente, raggiungano una classe energetica in fascia A” 58 .
54 La comunicazione si considera tempestiva anche se presentata lo stesso giorno dell’inizio dei lavori, purché in un
momento antecedente l’inizio medesimo (circolare Agenzia delle entrate 20 aprile 2005, n. 15/E).
55 Sul punto, cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 121/E del 1998, par. 8. Relativamente agli interventi di risparmio
energetico, l’Agenzia delle entrate ha ritenuto, in alcuni casi, non essenziale la presenza della predetta comunicazione che
rimane comunque obbligatoria in materia di sicurezza dei cantieri di lavoro. Tale adempimento è comunque ritenuto
indispensabile per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, per misure antisismiche e bonus verde (cfr. circolare n.
19/E del 2020).
56 Cfr. circolare n. 19/E del 2020, pag. 254.
57 Cfr. circolare n. 19/E del 2020, pag. 315.
58 L’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 30/E del 2020, risposta 3.1.4, ha precisato che ai fini dell’ecobonus per gli edifici
collabenti deve essere dimostrabile che l’edificio sia dotato di impianto di riscaldamento rispondente alle caratteristiche
tecniche previste dal d.lgs. 19 agosto 2005, n. 192 e che tale impianto, ancorché non funzionante, sia situato negli ambienti
nei quali sono effettuati gli interventi di riqualificazione energetica. Ciò in quanto, ai fini della predetta agevolazione, gli

21

3.9. Atto di cessione dell’immobile o atto successivo
In caso di cessione dell’immobile oggetto degli interventi, anche a titolo gratuito (permuta,
donazione, ecc.), le quote residue di detrazione spettano all’acquirente se non diversamente indicato
nell’atto 59 . Se la cessione riguarda solo una quota dell’immobile, l’utilizzo delle rate residue rimane in
capo al cedente, tranne nel caso in cui l’altra parte, per effetto della cessione pro-quota, diventi
proprietaria esclusiva dell’immobile 60 .
3.10. Documenti comprovanti il sostenimento della spesa
Il contribuente deve, ovviamente, conservare i documenti comprovanti il sostenimento delle spese
per la realizzazione degli interventi agevolati (es. fatture, ricevute fiscali, ecc.).
Intestatario del documento deve essere uno dei soggetti previsti dal comma 9 dell’articolo 119 61 ;
inoltre, è opportuno che i predetti documenti riportino, ove possibile, una descrizione dettagliata
degli interventi effettuati. Infatti, qualora il contribuente effettui congiuntamente interventi
riconducibili a diverse fattispecie agevolabili, talune con il Superbonus e altre escluse, ma che danno
diritto comunque ad altra detrazione (es. cappotto termico e rifacimento servizi igienici), il
documento di spesa deve garantire una contabilizzazione distinta degli interventi al fine di evitare
possibili contestazioni in sede di controllo e comunque al fine di dare diritto al contribuente di fruire
di entrambe le agevolazioni (nell’esempio, una al 110% e l’altra al 50%). In alternativa, il contribuente
può farsi rilasciare, dall'impresa di costruzione o ristrutturazione ovvero dal direttore dei lavori sotto
la propria responsabilità, un'apposita attestazione che indichi gli importi riferibili a ciascuna tipologia
di intervento, utilizzando criteri oggettivi 62 .
Oggetto della fattura deve essere uno degli interventi specificamente previsti dall’articolo 119 del
Decreto “Rilancio”, per il quale la spesa sia stata sostenuta dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022 63 .
In particolare, secondo quanto stabilito ai commi 1 e 4 dell’articolo 119, il Superbonus spetta per i
c.d. interventi “trainanti”, ovvero interventi che ex se, laddove realizzati, danno diritto alla maggiore
aliquota prevista del 110% (vedi tabelle A delle check list allegate al presente documento).

edifici oggetto degli interventi devono avere determinate caratteristiche tecniche e, in particolare, devono essere dotati di
impianti di riscaldamento funzionanti, presenti negli ambienti in cui si realizza l’intervento agevolabile. Questa condizione è
richiesta per tutte le tipologie di interventi agevolabili ad eccezione dell’installazione dei collettori solari per produzione di
acqua calda e, dal 1° gennaio 2015, dei generatori alimentati a biomassa e delle schermature solari.
59 La volontà di mantenere la detrazione in capo al cedente può essere formalizzata anche successivamente in una scrittura
privata autenticata dal notaio o da altro pubblico ufficiale.
60 Cfr. Guida dell’Agenzia delle entrate “Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico”, par. 1.4.4.
61 V. paragrafo 3.1.
62 Sul punto, cfr. risposta a interpello dell’Agenzia delle entrate n. 24 dell’8 gennaio 2021.
63 Cfr. l’alinea del comma 1 dell’articolo 119 del Decreto “Rilancio”, come modificato dall’articolo 1, comma 66, lett. a), n. 1),
legge 30 dicembre 2020, n. 178, nonché le precedenti note n. 11 e n. 13.

22
Il Superbonus spetta poi per i c.d. interventi “trainati” ovvero interventi che beneficiano della
maggiore aliquota solo se realizzati congiuntamente ad uno degli interventi trainanti (vedi tabella B
delle check list allegate al presente documento) 64 .
Si ricorda che ai fini del calcolo della detrazione rilevano tutte le spese afferenti l’esecuzione
dell’intervento quali, ad esempio, le spese di progettazione comprese quelle sostenute per
asseverazioni e attestazioni, l’acquisto di materiali, le imposte di bollo, gli oneri di urbanizzazione, lo
smaltimento rifiuti, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, ecc.
Si precisa che, sia per gli interventi trainanti che per quelli trainati, la maggiore aliquota al 110% può
essere applicata solo nel rispetto dei limiti di spesa normativamente previsti sì come chiaramente
sintetizzati nelle tabelle A e B delle check list allegate 65 .
L'articolo 119, comma 15, del Decreto “Rilancio” prevede inoltre che le spese sostenute per il rilascio
di attestazioni, asseverazioni e visto di conformità, richieste ai fini della detrazione, cessione o sconto
secondo le disposizioni previste dal medesimo articolo, sono detraibili al 110%. Tali spese concorrono
al limite massimo di spesa ammesso alla detrazione previsto per ciascuna tipologia di intervento
agevolabile 66 .
Ad esempio, tra gli interventi trainati rientrano tutti gli altri interventi di efficienza energetica di cui
all’articolo 14 del d.l. n. 63/2013 67 , tra i quali l’istallazione di schermature solari e chiusure oscuranti o
la sostituzione degli infissi, nonché l’eliminazione delle barriere architettoniche 68 .
Nello specifico, con riferimento a tali interventi, il comma 2 dell’articolo 119 stabilisce che, ai fini del
godimento del Superbonus, è necessario il rispetto, oltre che della condizione afferente la
realizzazione dei medesimi congiuntamente 69 ad almeno uno degli interventi trainanti elencati al
comma 1 dell’articolo 119 in commento, dei limiti di spesa previsti, per ciascun intervento di
efficienza energetica, dalla legislazione vigente.
Laddove, per la tipologia di intervento in esecuzione, il legislatore abbia previsto un limite di
detrazione e non di spesa, l’agevolazione massima fruibile dal contribuente, per qualsiasi ammontare
di spesa sostenuta, non potrà comunque eccedere la detrazione massima consentita per il tipo di
64 L’articolo 2, comma 5, del decreto interministeriale 6 agosto 2020 (Decreto “Requisiti – Ecobonus”) stabilisce che tale
condizione si considera soddisfatta se “le date delle spese sostenute per gli interventi trainati, sono ricomprese
nell’intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine dei lavori per la realizzazione degli interventi
trainanti”.
65 Nel caso in cui gli interventi eseguiti comportino l’accorpamento di più unità abitative o la suddivisione in più immobili di
un’unica unità abitativa, per l’individuazione del limite di spesa, vanno considerate le unità immobiliari censite in Catasto
all’inizio degli interventi edilizi e non quelle risultanti alla fine dei lavori (cfr. circolare n. 30/E del 2020, risposta 4.4.6).
66 Cfr. circolare Agenzia delle entrate n. 30/E del 2020, risposta 5.2.3.
67 Cfr. articolo 119, comma 2, del d.l. n. 34/2020.
68 Questi ultimi interventi sono stati inclusi tra quelli trainati, anche se effettuati in favore di persone di età superiore a
sessantacinque anni, per effetto dell’articolo 1, comma 66, lett. d), legge 30 dicembre 2020, n. 178, in vigore dal 1° gennaio
2021.
69 Se il complesso dei lavori è affidato ad un’unica impresa, al fine di dimostrare che l’intervento trainato è stato svolto tra
l’inizio e la fine lavori dell’intervento trainante, sarà sufficiente farsi rilasciare un’apposita attestazione dall’impresa che ha
eseguito i lavori (cfr. circolare n. 30/E del 2020, risposta 4.2.6).

23
intervento in esecuzione. In altri termini, essendo fisso il limite di detrazione, il limite di spesa varierà
al variare dell’aliquota di detrazione prevista di volta in volta dal legislatore.
Un caso tipico è quello della sostituzione delle finestre comprensive di infissi per i quali, il citato
articolo 14, fissa un limite di detrazione pari a 60.000 euro.
In questa ipotesi, il limite di spesa agevolabile con l’aliquota al 110% ammonterà a 54.545,45 euro in
quanto 54.545,45*110% = 60.000 euro.
Ciò implica che se la spesa sostenuta eccede 54.545,45 euro, su detta eccedenza il contribuente non
otterrà vantaggi fiscali.
Come anticipato la legge di Bilancio 2021 ha aggiunto tra gli interventi trainati quelli finalizzati
all’eliminazione delle barriere architettoniche di cui all’articolo 16-bis del TUIR. Per tali interventi è
previsto un limite massimo di spesa pari a 96.000 euro, valido per tutti gli interventi di recupero del
patrimonio edilizio.
L’Agenzia delle entrate 70 , a tal proposito, ha precisato che il limite di spesa per gli interventi di
recupero del patrimonio edilizio deve essere inteso in modo unitario, per cui laddove siano eseguiti
sul medesimo immobile più interventi appartenenti alla tipologia citata (ivi compresi quelli di
riduzione del rischio sismico) essi soggiacciono cumulativamente a detto limite.
Il medesimo principio sembrerebbe quindi applicabile con riferimento agli interventi finalizzati alla
rimozione delle barriere architettoniche. In sostanza, il limite di spesa complessivo di 96.000 euro
dovrebbe applicarsi unitariamente per gli interventi aventi finalità antisismiche, gli interventi relativi
al recupero del patrimonio edilizio e gli interventi finalizzati alla rimozione delle barriere
architettoniche.
Conseguentemente, qualora la spesa complessiva per le tre diverse tipologie di interventi superasse
il plafond di 96.000 euro, la quota eccedente non risulterebbe agevolabile.
I limiti di spesa/detrazione previsti per i vari tipi di interventi trainati ex articolo 14 del d.l. n. 63/2013
sono riportati nella tabella C della check list relativa all’ecobonus, allegata al presente documento.
3.11. Bonifico bancario o postale attestante il pagamento delle fatture/ricevute fiscali
comprovanti il sostenimento della spesa
I soggetti non titolari di reddito d’impresa devono effettuare i pagamenti tramite bonifico bancario o
postale, anche mediante internet banking. Si tratta del c.d. “bonifico parlante” ovvero quello che
attesta il pagamento di lavori di ristrutturazione edilizia o risparmio energetico sul quale banche e
poste italiane Spa eseguono una ritenuta d’acconto (attualmente della misura dell’8%).
La causale versamento del bonifico in questo caso riporta espressamente la norma di riferimento per
l’intervento eseguito ovvero:
70 Cfr. la risoluzione n. 60/E del 28 settembre 2020.

24

 per i lavori di riqualificazione energetica “art. 1, commi 344-347 l. 296/2006”;
 per la ristrutturazione edilizia “art. 16-bis d.p.r. 917/1986” (detta causale deve essere
utilizzata anche per gli interventi di riduzione del rischio sismico) 71 .
Il bonifico in parola, tuttavia, deve altresì riportare:
 il numero e la data della fattura 72 ;
 il codice fiscale del beneficiario della detrazione (che può essere differente dall’ordinante il
bonifico);
 il codice fiscale o la partita IVA del soggetto che riceve la somma.
L’obbligo di effettuare il pagamento mediante bonifico riguarda le persone fisiche, gli enti e i soggetti
di cui all’articolo 5 del TUIR, non titolari di reddito d’impresa.
In caso di errori nel disporre il bonifico (es. bonifico ordinario in luogo di quello “parlante”) è
ammessa la ripetizione dello stesso.
Qualora non sia stato possibile ripetere il bonifico, la detrazione spetta solo se il contribuente sia in
possesso di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dall’impresa nella quale
quest’ultima attesti che i corrispettivi accreditati a suo favore sono stati correttamente contabilizzati
ai fini della loro imputazione nella determinazione del reddito d’impresa 73 .
È ammesso il pagamento delle spese da parte della società finanziaria che ha concesso un
finanziamento al contribuente committente. Anche in questi casi il bonifico deve contenere i dati
suindicati e deve essere operata la ritenuta. Il contribuente conserva copia di detto bonifico. L’anno
di sostenimento della spesa è quello di effettuazione del bonifico da parte della finanziaria al
fornitore della prestazione 74 .
Infine, si precisa che in caso di opzione per lo sconto parziale in fattura la parte residua del
corrispettivo deve comunque essere pagato dal contribuente mediante bonifico “parlante”.
3.12. Documentazione relativa alle spese il cui pagamento può non essere eseguito con
bonifico
Per quanto concerne le modalità di pagamento di altre spese quali, per esempio, oneri di
urbanizzazione, ritenute d’acconto operate sui compensi da parte dei condomìni, imposta di bollo e
diritti pagati per concessioni, autorizzazioni e denunce di inizio lavori, non è necessario che le stesse
71 L’Agenzia delle entrate, con la risposta a interpello 16 gennaio 2020, n. 5, ha precisato che l’obbligo di effettuare il
pagamento mediante bonifico “parlante” si applica anche agli interventi agevolati con il Sismabonus ad eccezione di quelli
di cui al comma 1-septies dell’articolo 16 del decreto-legge 4 giugno 2013 n. 63 (c.d. Sismabonus acquisti).
72 Cfr. articolo 6, comma 1, lettera e) del Decreto “Requisiti – Ecobonus” 6 agosto 2020. Il numero e la data della fattura sono
obbligatori per i documenti fiscali emessi a decorrere dal 6 ottobre 2020, data di entrata in vigore del suddetto decreto. Per
gli interventi agevolati con il Sismabonus non è richiesta invece l’indicazione del numero e della data della fattura
sempreché gli stessi non siano effettuati contestualmente a quelli di efficienza energetica.
73 Cfr. circolare n. 19/E/2020, pagg. 253-254.
74 Cfr. circolare 21 maggio 2014, n. 11, risposta 4.4, richiamata dalla citata circolare n. 19/E/2020.

25
siano pagate mediante bonifico bancario o postale, trattandosi di versamenti da effettuare, con
modalità obbligate, in favore di pubbliche amministrazioni. Il contribuente è comunque tenuto alla
conservazione di idonea documentazione attestante il pagamento delle stesse (es. bollettini postali,
ecc.).
3.13. Dichiarazione sostitutiva attestante il rispetto del limite massimo di spesa
ammissibile
Il contribuente deve predisporre e conservare una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa
ai sensi dell’articolo 47 del d.P.R. n. 445 del 2000, attestante la circostanza che l’ammontare delle
spese sulle quali è calcolata la detrazione da parte di tutti gli aventi diritto non eccede il limite
massimo ammissibile 75 .
3.14. Dichiarazione sostitutiva dalla quale risulti che il contribuente non fruisce di
eventuali altri contributi riferiti agli stessi lavori o che le spese agevolate sono state
calcolate al netto di tali eventuali altri contributi
È altresì richiesto che il contribuente non abbia fruito, per lo stesso intervento oggetto di detrazione
fiscale, di ulteriori contributi (regionali, europei, ecc.). A tal proposito sarà necessario che il
contribuente rediga un’apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa ai sensi
dell’articolo 47 del d.P.R. n. 445 del 2000, attestante la mancata percezione di somme a titolo di
contributo con riferimento allo stesso immobile e agli stessi lavori per i quali il medesimo fruisce
della detrazione fiscale 76 .
Nel caso in cui il contribuente abbia invece ricevuto eventuali contributi riferiti agli stessi lavori, lo
stesso dovrà attestare l’ammontare del contributo ricevuto, in quanto quest’ultimo dovrà essere
sottratto dalle spese sostenute, prima del calcolo della detrazione spettante.
3.15. Specifica documentazione per le spese sulle parti comuni
Il singolo condòmino usufruisce della detrazione per i lavori effettuati sulle parti comuni degli edifici
residenziali, in ragione dei millesimi di proprietà o dei diversi criteri applicabili ai sensi degli articoli
1123 e seguenti del codice civile. Nel caso del condominio gli adempimenti necessari per beneficiare
del Superbonus sono posti in essere dall’amministratore condominiale.
In particolare, l’amministratore rilascia al condòmino una certificazione 77 dalla quale risultano:
 le generalità e il codice fiscale del condòmino 78 ;
75 Cfr. circolare n. 19/E/2020, pag. 289.
76 Cfr. circolare n. 19/E/2020, pag. 356.
77 Cfr. circolare 1° giugno 1999, n. 122, risposta 4.6; risoluzione 4 giugno 2007, n. 124, risposta 2. Nel caso di condòmino
“moroso” l’amministratore non dovrà comunicare nessun dato riferito allo stesso in quanto il condòmino, non avendo
versato le quote condominiali, non ha diritto alla detrazione (cfr. circolare n. 30/E del 2020, risposta 5.1.2).

26

 gli elementi identificativi del condominio;
 l’ammontare delle spese sostenute nell’anno di riferimento;
 la quota parte millesimale imputabile al condòmino.
L’amministratore deve, inoltre, conservare tutta la documentazione originale, al fine di esibirla a
richiesta degli Uffici per eventuali verifiche 79 .
In alternativa alla certificazione rilasciata dall’amministratore, il condòmino può conservare copia
della delibera assembleare relativa ai lavori condominiali e della tabella millesimale di ripartizione
delle spese.
L’articolo 1129, comma 1, del codice civile prevede l’obbligo della nomina di un amministratore
condominiale qualora i condòmini siano in numero superiore a otto.
Per quanto concerne i condomini minimi (ovvero quelli con numero di condòmini inferiore a otto) la
nomina dell’amministratore condominiale è invece una mera facoltà e ai fini di beneficiare della
detrazione in parola non è necessario altresì che il condominio sia provvisto di codice fiscale.
In dette circostanze le verifiche da effettuare variano a seconda che il condominio minimo, ancorché
sprovvisto di amministratore, sia in possesso o meno del codice fiscale.
Nel primo caso, infatti, i condòmini conservano copia della delibera (scrittura privata) di esecuzione
dei lavori, i documenti di spesa e i pagamenti sono intestati al condominio (ancorché i bonifici
possono essere tratti dal conto corrente di uno o più condòmini). Al momento del pagamento deve
essere regolarmente applicata la ritenuta d’acconto dell’8%. La spesa sostenuta viene poi ripartita
sulla base dei millesimi o in base ai diversi criteri previsti dal codice civile.
Nel caso in cui il condominio sia sprovvisto del codice fiscale i documenti di spesa possono essere
cointestati ovvero l’esecutore dei lavori può emettere, quota parte, tante fatture quanti sono i
condòmini. Analogamente, i pagamenti, sempre con applicazione della ritenuta d’acconto, possono
essere eseguiti cumulativamente da parte di tutti i condomini, da ciascuno per la propria quota
ovvero da uno di essi per l’intero ammontare.
Il singolo condòmino deve essere in possesso di tutta la documentazione necessaria per provare il
diritto alla detrazione (titoli abilitativi, autorizzazioni amministrative, fatture e bonifici, ecc.) e,
inoltre, dovrà attestare 80 la natura dei lavori eseguiti e i dati catastali delle unità immobiliari facenti
parte del condominio.

78 Qualora la certificazione indichi quale beneficiario della detrazione il solo possessore dell’immobile mentre le spese sono
state sostenute da altro soggetto (es. familiare convivente, detentore o altro possessore) è necessario integrare il
documento rilasciato dall’amministratore di condominio con i dati identificativi del soggetto o dei soggetti che hanno
sostenuto le spese e l’attestazione dell’effettivo sostenimento delle spese (cfr. circolare Agenzia delle entrate 8 luglio 2020,
n. 19/E, pag. 247-248).
79 Cfr. circolare 1° giugno 2012, n. 19, risposta 1.4.
80 Mediante una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa ai sensi dell’art. 47 del d.P.R. n. 445/2000.

27
3.16. Ricevuta di trasmissione all’Enea della scheda descrittiva dell’intervento eseguito
In caso di interventi per l’efficienza energetica, i tecnici abilitati devono trasmettere all’ENEA entro
novanta giorni dalla fine dei lavori, i dati contenuti nella scheda descrittiva che contiene i modelli di
cui agli allegati C e D del c.d. Decreto “Requisiti – Ecobonus” 81 .
L’allegato C contiene i principali dati estratti dall’attestato di prestazione energetica ovvero
dall’attestato di qualificazione energetica, sottoscritto da un tecnico abilitato e deve essere redatto
solo per gli interventi:
 di riqualificazione energetica globale di cui al comma 344 dell’articolo 1 della legge 27
dicembre 2006, n. 296, eseguiti su edifici esistenti o su singole unità immobiliari esistenti;
 sull’involucro edilizio di edifici esistenti o parti di edifici esistenti, di cui al comma 345
dell’articolo 1, della legge finanziaria 2007, di cui ai commi 2, lettere a) e b), 2-quater e 2-
quater.1 dell’articolo 14 del decreto-legge n. 63 del 2013, di cui al comma 220 dell’articolo 1
della legge 27 dicembre 2019, n. 160 e di cui all’articolo 119, comma 1, lettera a) del Decreto
“Rilancio”. Tali interventi possono riguardare:
1. le strutture opache verticali e/o le strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti),
delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno, verso vani non riscaldati e contro terra;
2. la sostituzione di finestre comprensive di infissi delimitanti il volume riscaldato verso
l’esterno e verso vani non riscaldati (con l’esclusione degli interventi di sostituzione di
finestre comprensive di infissi in singole unità immobiliari);
3. le parti comuni di edifici condominiali, che interessino l’involucro dell’edificio con
un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo;
4. le parti comuni di edifici condominiali, che interessino l’involucro dell’edificio con
un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo e
che conseguono almeno le qualità medie di cui alle tabelle 3 e 4 dell’Allegato 1 del
Decreto Linee Guida APE 82 ;
5. i medesimi interventi di cui ai punti 3 e 4, realizzati nelle zone sismiche 1, 2 e 3 che
contestualmente determinino il passaggio ad almeno una classe di rischio sismico
inferiore, secondo quanto stabilito dal decreto del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti 28 febbraio 2017, n. 58.

Tale allegato deve essere redatto anche per tutti gli interventi che danno diritto al Superbonus di
cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 119 del Decreto Rilancio.

81 Cfr. articolo 6, comma 1, lettera g), del Decreto 6 agosto 2020.
82 Decreto interministeriale 26 giugno 2015, recante “Adeguamento del decreto del Ministro dello sviluppo economico, 26
giugno 2009 – Linee Guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”. Si tratta degli Indicatori della prestazione
energetica invernale ed estiva dell’involucro e della prestazione energetica estiva dell’involucro, entrambi al netto
dell’efficienza degli impianti presenti.

28
L’allegato D riguarda invece la scheda informativa relativa agli interventi realizzati, ai fini dell’attività
di monitoraggio svolta dall’Enea ai sensi dell’articolo 10 del Decreto “Requisiti – Ecobonus”.
3.17. Asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché della
congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati
Al termine dei lavori o per ogni stato di avanzamento dei lavori il tecnico abilitato redige la c.d.
“asseverazione”, ossia la dichiarazione sottoscritta, ai sensi e per gli effetti degli articoli 47, 75 e 76
del d.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, con la quale lo stesso, ai fini della detrazione del 110% e
dell’opzione per la cessione o lo sconto, attesta i requisiti tecnici sulla base del progetto e
dell’effettiva realizzazione 83 .
In particolare, per gli interventi di efficienza energetica di cui ai commi 1, 2 e 3 dell’articolo 119 del
Decreto “Rilancio” i tecnici abilitati asseverano il rispetto dei requisiti di cui all’allegato A del Decreto
“Requisiti – Ecobonus” 6 agosto 2020, nonché la corrispondente congruità delle spese sostenute in
relazione agli interventi agevolati rispetto ai massimali di costo specifici per singola tipologia di
intervento, individuati secondo i criteri di cui al punto 13 del citato Allegato A 84 .
Le asseverazioni contengono la dichiarazione del tecnico abilitato che l’intervento ha comportato il
miglioramento di almeno due classi energetiche (o una classe energetica qualora la classe ante
intervento sia la A3). All’asseverazione sono allegati gli attestati di prestazione energetica ante e
post intervento rilasciati da tecnici abilitati, dal progettista o dal direttore dei lavori, nella forma di
dichiarazione sostitutiva di atto notorio 85 , nonché il computo metrico 86 .
L’asseverazione è redatta:
a) secondo il modulo tipo di cui all’Allegato 1 del decreto del Ministro dello sviluppo 6 agosto
2020 (c.d. Decreto “Asseverazioni”), con riferimento al caso in cui i lavori siano conclusi;
b) secondo il modulo tipo di cui all’Allegato 2 del citato Decreto “Asseverazioni”, con riferimento
al caso di uno stato di avanzamento lavori (SAL) 87 .
L’asseverazione relativa allo stato di avanzamento lavori è comunque seguita, dopo il termine dei
lavori, dall’asseverazione attestante la conclusione dell’intero intervento.
83 Cfr. articolo 119, commi 13 e 13-bis, del d.l. n. 34/2020.
84 Cfr. articolo 3, comma 2, del Decreto “Requisiti – Ecobonus” 6 agosto 2020. Dette disposizioni si applicano ai lavori iniziati
dal 6 ottobre 2020 ovvero dal giorno successivo alla data di pubblicazione in G.U. del predetto Decreto. Per gli interventi
iniziati in data precedente valgono invece le disposizioni del decreto interministeriale 19 febbraio 2007 (pubblicato sulla
G.U. n. 47 del 26 febbraio 2007) e la congruità delle spese è determinata, ai sensi del comma 13-bis dell’articolo 119 del
Decreto “Rilancio”, facendo riferimento ai prezzi riportati nei prezzari predisposti dalle regioni e dalle province autonome,
ai listini ufficiali o ai listini delle locali camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura ovvero, in difetto, ai prezzi
correnti di mercato in base al luogo di effettuazione degli interventi.
85 Cfr. articolo 7, comma 3, del Decreto “Requisiti – Ecobonus” 6 agosto 2020.
86 Cfr. punto 13 dell’Allegato A del Decreto “Requisiti – Ecobonus” 6 agosto 2020.
87 Ai sensi del comma 1-bis dell’articolo 121 del Decreto “Rilancio”, per gli interventi agevolati con il Superbonus, gli stati di
avanzamento lavori (SAL) non possono essere più di due per ciascun intervento complessivo e ciascuno stato di
avanzamento deve riferirsi ad almeno il 30% del medesimo intervento.

29
Il tecnico abilitato, all’atto della sottoscrizione dell’asseverazione, appone il timbro fornito dal
collegio o dall’ordine professionale, attestante che lo stesso possiede il requisito, prescritto dalla
legge, dell’iscrizione nell’albo professionale e di svolgimento della libera professione e allega, a pena
di invalidità dell’asseverazione medesima, copia della polizza di assicurazione, che costituisce parte
integrante del documento di asseverazione, e copia del documento di riconoscimento. Altro
elemento essenziale dell’asseverazione, anch’esso previsto a pena d’invalidità, è la dichiarazione che,
alla data di presentazione della stessa, il massimale della polizza allegata è adeguato al numero delle
attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto di queste ultime.
L’asseverazione in oggetto, previa registrazione da parte del tecnico abilitato, è compilata on-line nel
portale informatico ENEA dedicato, secondo i modelli di cui agli allegati sopra indicati. La stampa del
modello compilato, debitamente firmata in ogni pagina e timbrata sulla pagina finale con il timbro
professionale, è digitalizzata e trasmessa ad ENEA attraverso il suddetto sito.
L’asseverazione è trasmessa entro 90 giorni dal termine dei lavori, nel caso di asseverazioni che
facciano riferimento a lavori conclusi.
A seguito della trasmissione, ENEA, fermo restando il controllo a campione sulla regolarità
dell’asseverazione, all’esito positivo del controllo automatico della completezza della
documentazione fornita, eseguito anche a mezzo del portale informatico dedicato, rilascia la ricevuta
informatica di cui all’art. 6, comma 1, lettera g) del Decreto “Requisiti – Ecobonus”, comprensiva del
codice univoco identificativo della domanda 88 che, nel caso in cui l’asseverazione si riferisca a uno
stato di avanzamento lavori, evidenzia tale caratteristica. In quest’ultimo caso, tale codice
identificativo è abilitante all’accesso alle opzioni per la cessione o lo sconto per un ammontare
massimo pari al valore economico dello stato di avanzamento lavori dichiarato. Al termine dei lavori,
il codice identificativo della domanda evidenzia invece la caratteristica di “intervento realizzato” ed è
abilitante al riconoscimento degli importi residui rispetto al valore economico degli stati di
avanzamento lavori dichiarati. Nei casi in cui, trascorsi quarantotto mesi dalla trasmissione
dell’asseverazione relativa agli stati di avanzamento lavori, non sia pervenuta l’asseverazione relativa
al termine dei lavori, ENEA comunica la mancata conclusione dei lavori all’Agenzia delle entrate per il
seguito di competenza.
Per gli interventi antisismici di cui al comma 4 dell’articolo 119 del Decreto “Rilancio”, il direttore dei
lavori e il collaudatore statico, ove nominato per legge, all’atto dell’ultimazione dei lavori strutturali
e del collaudo, attestano, per quanto di rispettiva competenza, la conformità degli interventi
eseguiti al progetto depositato, come asseverato dal progettista 89 . I professionisti incaricati devono
attestare altresì la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi
agevolati.

88 Tale codice univoco è poi riportato nella Comunicazione di opzione per la cessione/sconto.
89 Cfr. articolo 3, comma 4, del decreto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 28 febbraio 2017, n. 58.

30
Le predette asseverazioni e attestazioni sono depositate 90 presso lo sportello unico competente di
cui all’articolo 5 del d.P.R. 3 giugno 2001, n. 380, e consegnate in copia al committente. Il soggetto
che rilascia il visto di conformità verifica la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni
rilasciate dai professionisti incaricati.
Si ritiene che in caso di lavori effettuati sullo stesso edificio riguardanti sia l’ecobonus che il
sismabonus il tecnico o i tecnici incaricati siano tenuti alla redazione e trasmissione/deposito di
entrambe le asseverazioni previste dall’articolo 119.
Si evidenzia infine che la non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta la decadenza dal
beneficio 91 .
3.18. Polizza di assicurazione del professionista che redige l’asseverazione
Come anticipato, i soggetti che rilasciano le predette asseverazioni e attestazioni devono essere
muniti di apposita polizza di assicurazione della responsabilità civile. Il massimale della polizza deve
essere adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi
oggetto delle medesime. In ogni caso, il massimale della polizza non può essere inferiore a 500.000
euro, al fine di garantire ai clienti e al bilancio dello Stato il risarcimento dei danni eventualmente
provocati dall’attività prestata.
Pertanto, il soggetto che rilascia il visto di conformità deve confermare, sia per l’“Asseverazione
efficienza energetica” sia per l’“Asseverazione rischio sismico”, che il tecnico abilitato, firmatario
dell’attestazione e asseverazione, si è preventivamente dotato della polizza di assicurazione della
responsabilità civile di cui all’articolo 119, comma 14, del Decreto “Rilancio”.
Con riferimento ai requisiti della polizza assicurativa di cui devono essere muniti i professionisti
tecnici che procedono all’asseverazione degli interventi agevolati, il citato comma 14 92 stabilisce che
l’obbligo di sottoscrizione della polizza si considera rispettato qualora i soggetti che rilasciano
attestazioni e asseverazioni abbiano già sottoscritto una polizza assicurativa per danni derivanti da
attività professionale ai sensi dell’articolo 5 del d.P.R. n. 137/2012, purché questa:
a) non preveda esclusioni relative ad attività di asseverazione;
b) preveda un massimale non inferiore a 500.000 euro, specifico per il rischio di asseverazione
di cui al presente comma, da integrare a cura del professionista ove si renda necessario;
c) garantisca, se in operatività di claims made, un’ultrattività pari ad almeno cinque anni in
caso di cessazione di attività e una retroattività pari anch’essa ad almeno cinque anni a
garanzia di asseverazioni effettuate negli anni precedenti.

90 Cfr. articolo 3, comma 5, del citato d.m. n. 58/2017.
91 Cfr. articolo 119, comma 14, del d.l. n. 34/2020.
92 Nel testo modificato dall’articolo 1, comma 66, lett. q), della legge di Bilancio 2021.

31
In alternativa, il professionista può optare per una polizza dedicata alle attività richieste dal
Superbonus con un massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli
importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni e, comunque, non
inferiore a 500.000 euro, senza interferenze con la polizza di responsabilità civile.
3.19. Consenso alla cessione del credito o sconto in fattura da parte del
cessionario/fornitore
Ai fini dell’esercizio dell’opzione per la cessione del credito d’imposta è necessario acquisire, per
ciascun cessionario, l’accettazione formale alla cessione. In tale documento dovranno essere riportati
il codice fiscale del cessionario, la data in cui la proposta di cessione del credito d’imposta si è
perfezionata e l’ammontare del credito ceduto.
Il suddetto documento non è necessario in caso di opzione per lo sconto sul corrispettivo, in quanto
la data di accettazione dell’opzione coincide con la data di emissione della fattura e gli ulteriori dati
sopracitati sono desumibili dal documento fiscale stesso.

4. Documentazione da verificare (sintesi)
In sintesi, si riportano di seguito le principali verifiche documentali da effettuare in base alla tipologia
di beneficiario e di intervento eseguito.
 Documentazione attestante la proprietà o disponibilità dell’immobile
 se proprietario, nudo proprietario o titolare di altro diritto reale sull’immobile è
sufficiente acquisire certificato catastale;
 se detentore (locatario, comodatario, ecc.) è necessario acquisire contratto di locazione
o di comodato regolarmente registrato, nonché consenso all’esecuzione dei lavori da
parte del proprietario;
 se familiare convivente, convivente di fatto o componente di unione civile acquisire
certificato dello stato di famiglia ovvero autocertificazione resa da questo;
 se erede/i copia della successione e autocertificazione attestante la disponibilità e
detenzione materiale e diretta dell’immobile;
 per i soci di cooperativa indivisa acquisire oltre al consenso ad eseguire i lavori anche
accettazione della domanda di assegnazione deliberata da parte del CDA;
 sentenza di separazione per il coniuge assegnatario dell’immobile di proprietà dell’altro
coniuge;
 preliminare di acquisto registrato per il futuro acquirente con immissione in possesso e
consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario.
 Certificato catastale dell’immobile oggetto di intervento o domanda di accatastamento

32

 Abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia
 abilitazione amministrativa idonea (CIL, CILA, ecc.), regolarmente depositata presso lo
sportello unico del comune attestante la data di inizio lavori ovvero, se non previste per
il tipo di intervento, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà resa dal contribuente
in cui sia indicata la data di inizio dei lavori ed attestata la circostanza che gli interventi
posti in essere rientrano tra quelli agevolabili, pure se i medesimi non necessitano di
alcun titolo abilitativo, ai sensi della normativa edilizia vigente.
 Comunicazioni, relazioni tecniche e asseverazioni preventive all’avvio dei lavori
 comunicazione preventiva all’ASL di competenza (se dovuta), con relativa ricevuta di
spedizione;
 per gli interventi di efficientamento energetico, relazione energetica di progetto redatta
ai sensi dell’articolo 8, comma 1, del d.lgs. n. 192/2005 e successive modificazioni con
relativa ricevuta di deposito;
 per gli interventi di riduzione del rischio sismico, copia dell’asseverazione della classe di
rischio dell’edificio precedente l’intervento e quella conseguibile a seguito
dell’esecuzione dell’intervento progettato con relativa ricevuta di deposito.
 Attestato di prestazione energetica (APE) ante intervento 93
 Atto di cessione dell’immobile
 Fatture e altri documenti di spesa
 Bonifici bancari o postali
 Dichiarazione sostitutiva attestante il rispetto del limite massimo di spesa ammissibile
 Dichiarazione sostitutiva attestante la presenza o meno di altri contributi riferiti agli stessi
lavori o che le spese agevolate sono state calcolate al netto di tali eventuali altri contributi
 Dichiarazione sostitutiva attestante che l’immobile oggetto di intervento non è utilizzato
nell’ambito di attività d’impresa o professionale
 Dichiarazione sostitutiva attestante la presenza di reddito imponibile
 Dichiarazione sostitutiva attestante che gli interventi consistano/non consistano nella
mera prosecuzione di interventi iniziati in anni precedenti
 Dichiarazione sostitutiva attestante che non si è beneficiato del Superbonus per gli
interventi di efficienza energetica su un numero superiore a due unità immobiliari
 Documentazione specifica su parti comuni

93 Ai sensi dell’articolo 7, comma 3, del Decreto “Requisiti – Ecobonus” non sono ammessi gli attestati redatti tramite
l’utilizzo di software basati su metodi di calcolo semplificati.

33
 certificazione dell’amministratore di condominio ovvero copia della delibera
assembleare e della tabella millesimale di ripartizione delle spese;
 in caso di condominio minimo verificare tutta la documentazione indicata nei punti
precedenti nonché la delibera assembleare e la dichiarazione sostitutiva attestante la
natura dei lavori eseguiti e i dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del
condominio.
 Per gli interventi di efficienza energetica, ricevuta di trasmissione all’Enea della scheda
descrittiva (Modelli C e D – Decreto “Requisiti – Ecobonus”)
 Attestato di prestazione energetica (APE) post intervento
 Asseverazione dei requisiti tecnici e attestazione della congruità delle spese sostenute con
ricevuta di trasmissione all’Enea (Ecobonus)
 Asseverazione dei requisiti tecnici e attestazione della congruità delle spese sostenute con
ricevuta di presentazione allo sportello unico (Sismabonus)
 Polizza RC del tecnico sottoscrittore
 Consenso alla cessione del credito o sconto in fattura da parte del cessionario/fornitore

5. Comunicazione dell’opzione per la cessione/sconto all’Agenzia delle entrate
L’opzione per la cessione del credito d’imposta o lo sconto in fattura, come anticipato, deve essere
oggetto di apposita Comunicazione da inviare esclusivamente in via telematica all’Agenzia delle
entrate a decorrere dal 15 ottobre 2020 ed entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui
sono state sostenute le spese che danno diritto alla detrazione 94 .
Per le sole spese sostenute nel 2020 il termine finale per l’invio della predetta Comunicazione è
stato prorogato dal 16 marzo 2021, dapprima al 31 marzo 2021 95 e poi al 15 aprile 2021 96 .
Con il provvedimento 12 ottobre 2020, prot. n. 326047, è stato approvato il modello denominato
“Comunicazione dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza
energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica” 97 .
Per gli interventi trainanti e trainati per l’efficienza energetica che danno diritto al Superbonus 98 , la
Comunicazione deve essere inviata a decorrere dal quinto giorno lavorativo successivo al rilascio da

94 Cfr. provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate 8 agosto 2020, prot. n. 283847, par. 4.1.
95 Cfr. provvedimento dell’Agenzia delle entrate prot. n. 2021/51374 del 22 febbraio 2021.
96 Cfr. provvedimento dell’Agenzia delle entrate prot. n. 83933/2021 del 30 marzo 2021.
97 Si segnala che il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate citato nel testo ha modificato il Modello per la
Comunicazione dell’opzione già approvato con il provvedimento 8 agosto 2020, prot. n. 283847 e ha inoltre approvato le
specifiche tecniche per la trasmissione telematica del Modello.
98 Di cui ai commi 1, 2 e 3 dell’articolo 119 del Decreto “Rilancio”.

34
parte dell’ENEA della ricevuta di avvenuta trasmissione dell’asseverazione prevista per tali
interventi 99 .
Il soggetto che rilascia il visto di conformità è tenuto a trasmettere all’Agenzia delle entrate la
predetta Comunicazione dell’opzione, se si tratta di interventi che danno diritto al Superbonus
eseguiti su singole unità immobiliari 100 o di cessione del credito d’imposta relativo alle rate residue
non fruite delle detrazioni del 110% 101 . Per gli interventi che danno diritto al Superbonus eseguiti
sulle parti comuni degli edifici la Comunicazione può essere invece inviata, oltre che dal soggetto
che rilascia il visto di conformità, anche dall’amministratore del condominio, direttamente oppure
avvalendosi di un intermediario di cui all’articolo 3, comma 3, del d.P.R. n. 322/1998 102 .Qualora, ai
sensi dell’articolo 1129 del codice civile, non vi sia obbligo di nominare l’amministratore del
condominio e i condòmini non vi abbiano provveduto, la Comunicazione è inviata da uno dei
condòmini a tal fine incaricato. In tali casi, il soggetto che rilascia il visto di conformità, mediante
apposito servizio web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate, è
tenuto a verificare e validare i dati relativi al visto di conformità e alle asseverazioni e attestazioni
previste.
Per quanto concerne l’utilizzo del credito d’imposta oggetto di Comunicazione, i cessionari e i
fornitori utilizzano i crediti d’imposta “ricevuti” dall’originario beneficiario esclusivamente in
compensazione, con la stessa ripartizione in quote annuali con la quale sarebbe stata utilizzata la
detrazione, a decorrere dal giorno 10 del mese successivo alla corretta ricezione della
Comunicazione da parte dell’Agenzia delle entrate e comunque non prima del 1° gennaio dell’anno
successivo a quello di sostenimento delle spese agevolate da parte del contribuente.
A tale scopo cessionari e fornitori sono tenuti preventivamente a confermare l’esercizio dell’opzione,
nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate.
Per tali compensazioni, non si applicano il limite annuo di cui all’articolo 34 della legge 23 dicembre
2000, n. 388 103 , quello relativo ai crediti d’imposta da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei
redditi di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 104 , né il divieto di
compensazione in presenza di debiti per imposte erariali scaduti di importo superiore a 1.500 euro,
di cui all’articolo 31 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 105 .
In alternativa all’utilizzo diretto in compensazione, i cessionari e i fornitori possono cedere, a loro
volta, i crediti d’imposta ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari
99 Cfr. provvedimento direttoriale 8 agosto 2020, prot. n. 283847, par. 4.5.
100 Cfr. provv. cit., par. 4.2.
101 Anche se si tratta di interventi eseguiti sulle parti comuni degli edifici (cfr. provv. cit., par. 4.4). In tal caso, la
Comunicazione deve essere inviata entro il 16 marzo dell’anno di scadenza del termine ordinario di presentazione della
dichiarazione dei redditi in cui avrebbe dovuto essere indicata la prima rata ceduta non utilizzata in detrazione (par. 4.1,
provv. cit.).
102 Cfr. provv. cit., par. 4.4.
103 Limite pari a 700 mila euro, elevato a 1 milione di euro, per il solo anno 2020 dall’articolo 147 del Decreto “Rilancio”.
104 Limite annuale pari a 250 mila euro.
105 Convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

35
finanziari, con facoltà di successiva cessione, fermo restando che non è possibile riportare a nuovo
ovvero chiedere a rimborso la quota d’imposta non utilizzata nell’anno.

6. Compensi professionali
Con riferimento alla quantificazione del compenso professionale derivante dall’attività istruttoria e di
sviluppo delle pratiche inerenti le agevolazioni relative al Superbonus, anche attraverso l’apposizione
del visto di conformità, si ricorda preliminarmente che il compenso per l’opera svolta dai
commercialisti e dagli esperti contabili deve essere determinato al momento dell’assunzione
dell’incarico attraverso la predisposizione di un preventivo confermato dalla sottoscrizione di
apposito mandato professionale; infatti, sia la normativa in materia 106 che il Codice deontologico della
professione 107 impongono la predisposizione di un preventivo. In detto ambito, si ricorda che
l’assenza di prova del preventivo di massima costituisce elemento di valutazione negativa da parte
del giudice per la liquidazione del compenso, ai sensi dell’articolo 1 del d.m. 20 luglio 2012, n. 140 108 .
Si invitano pertanto i colleghi a porre la massima attenzione nella formulazione del preventivo e del
mandato professionale, i cui facsimili sono disponibili nel sito del CNDCEC (nell’area riservata ai
Commercialisti – sito FNC saranno disponibili facsimili utili per la fattispecie), inserendo un’apposita
clausola per la pattuizione del compenso, la quale può anche semplicemente riassumersi, a titolo
esemplificativo, nella seguente:
“Per lo svolgimento delle prestazioni oggetto del presente incarico, al Professionista spetta un
compenso pari ad euro _______ oltre iva ed oneri di legge.
L’importo come sopra quantificato, oltre eventuali spese anticipate, sarà corrisposto dal Cliente al
Professionista, secondo le scadenze di legge, anche a stato avanzamento lavori: 30%, primo S.A.L.,
30% secondo S.A.L. e 40% terzo S.A.L. fine lavori.”.
106 Cfr. l’articolo 9, comma 4, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo
2012, n. 27, così come modificato dall’articolo 1, comma 150, della legge 4 agosto 2017, n. 124, secondo cui “Il compenso
per le prestazioni professionali è pattuito, nelle forme previste dall’ordinamento, al momento del conferimento dell’incarico
professionale. Il professionista deve rendere noto obbligatoriamente, in forma scritta o digitale, al cliente il grado di
complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino
alla conclusione dell’incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell’esercizio
dell’attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente obbligatoriamente, in
forma scritta o digitale, con un preventivo di massima, deve essere adeguata all’importanza dell’opera e va pattuita
indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi”.
107 Cfr. l’articolo 25 del Codice deontologico, ai sensi del quale “1. Il compenso, liberamente determinato dalle parti, deve
essere commisurato all’importanza dell’incarico, alle conoscenze tecniche e all’impegno richiesti, alla difficoltà della
prestazione, tenuto conto anche del risultato economico conseguito e dei vantaggi, anche non patrimoniali, derivanti al
clienti.
2. La misura del compenso è pattuita per iscritto all’atto del conferimento dell’incarico professionale con preventivo di
massima comprensivo di spese, oneri e contributi.
3. Il compenso può essere in parte costituito da una componente variabile, anche fissata in percentuale, commisurata al
successo dell’incarico professionale”.
108 Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione da parte di un organo giurisdizionale dei
compensi per le professioni regolarmente vigilate dal Ministero della giustizia, ai sensi dell’articolo 9 del decreto-legge 24
gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27.

36
In assenza di preventivo e/o di mandato professionale, in caso di disaccordo tra le parti, il compenso
per la prestazione resa verrà determinato dal giudice sulla base dei parametri per la liquidazione
giudiziale del compenso stabiliti dal citato d.m. n. 140/2012.
A tal fine si evidenzia come, in ogni caso, il giudice non sia in alcun modo vincolato ai valori previsti e
che, come anticipato, la mancanza di preventivo costituisce elemento di valutazione negativa da
parte dell’organo giurisdizionale per la liquidazione del compenso 109 . Pertanto, in mancanza di
preventivo e/o di mandato professionale, la determinazione del compenso verrà rimessa al giudice il
quale, nel caso in specie potrà determinare il compenso per l’apposizione del visto sulla base di
quanto previsto dal d.m. n. 140 del 2012.
Ferma restando quindi la volontà contrattuale delle parti, in difetto di accordo in ordine al
compenso, il Giudice, come sopra evidenziato, potrà far fare riferimento per l’attività di consulenza
all’articolo 26 del d.m. n. 140/2012.
Infatti, in questo caso sarà possibile determinare il compenso per l’incarico di istruttoria ed
espletamento delle pratiche, in base al comma 2 del citato articolo 26, secondo cui: “il valore della
pratica per la liquidazione di incarichi riguardanti contratti di mutuo, finanziamento e contributi a
fondo perduto, sono determinati in funzione del capitale mutuato o erogato, e il compenso è
liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 8.2 della tabella C – Dottori Commercialisti
ed Esperti Contabili”.
Ai sensi del richiamato Riquadro 8.2 [articolo 26, commi 2 e 3] – sul capitale mutuato o erogato,
ovvero sui capitali e valori economico-finanziari oggetto della prestazione, il compenso è
determinato in base alle seguenti aliquote minime e massime:
 fino a euro 2.000.000, dallo 0,75% al 1,00%;
 oltre euro 2.000.000, dallo 0,50% allo 0,75%.
Quanto ai compensi per l’apposizione del visto di conformità il giudice potrà fare riferimento
all’articolo 21 del citato d.m. n. 140/2012, ai sensi del quale: “Il valore della pratica per la
liquidazione concernente perizie, pareri motivati, consulenze tecniche di parte, valutazione di singoli
beni, diritti, di aziende o rami d’azienda, di patrimoni di partecipazioni sociali non quotate e per la
redazione di relazioni di stima richieste da disposizioni di legge o di regolamenti, è determinato in
funzione del valore risultante dalla perizia o dalla valutazione, e il compenso è liquidato, di regola,
secondo quanto indicato dal riquadro 3 della tabella C – Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili”.

109 Cfr. articolo 1, comma 7, d.m. n. 140/2012, secondo cui “In nessun caso le soglie numeriche indicate, anche a mezzo di
percentuale, sia nei minimi che nei massimi, per la liquidazione del compenso sono vincolanti per la liquidazione stessa”. In
giurisprudenza, vd. Consiglio di Stato, sent. n. 7450/2019: “Il sistema dei parametri non è vincolante per il giudice,
assumendo solo un valore orientativo ed è imperniato su criteri di liquidazione del compenso suddivisi secondo un profilo
soggettivo (tipo di professionisti), oggettivo (tipologia delle prestazioni professionali) e funzionale (parametri generali e
specifici per la valutazione delle prestazioni)” (vd. anche Consiglio di Stato, sez. III, 13 aprile 2018, n. 2232).

37
Secondo il citato Riquadro 3 [articolo 21] – sul valore della perizia o della valutazione, il compenso è
determinato in base alle seguenti aliquote minime e massime:
 fino ad euro 1.000.000, dallo 0,80% al 1%;
 per il di più fino ad euro 3.000.000, dallo 0,50% allo 0,70%;
 per il di più oltre 3.000.000, dallo 0,025% allo 0,050%.
Il tutto tenendo altresì conto di quanto riportato all’articolo 18 del d.m. n. 140/2012 relativo alle
maggiorazioni e riduzioni del compenso, in base al quale
 per le pratiche di eccezionale importanza, complessità o difficoltà, ovvero per le prestazioni
compiute in condizioni di particolare urgenza, al compenso del professionista può essere
applicata una maggiorazione fino al 100% rispetto a quello altrimenti liquidabile;
 nel caso in cui la prestazione può essere eseguita in modo spedito e non implica la soluzione
di questioni rilevanti, al compenso del professionista può essere applicata una riduzione fino
al 50% rispetto a quello altrimenti liquidabile.
Stante l’abrogazione delle tariffe professionali, si precisa che il compenso per le prestazioni svolte
può essere liberamente concordato tra le parti, tenendo conto dell’impegno profuso,
dell’importanza, difficoltà e complessità della pratica nonché delle condizioni di urgenza per
l’espletamento dell’incarico, avendo cura di motivare specificamente tali aspetti.
Tenuto conto delle raccomandazioni che precedono, al fine di fornire un benchmark di riferimento, il
compenso potrebbe ragionevolmente attestarsi in un intervallo compreso tra l’1% ed il 3% del bonus
attestato, anche se occorre avere chiaro che, laddove esso venga computato tra le spese detraibili, la
eventuale valutazione di congruità farà ragionevolmente riferimento ai parametri e, quindi, tenendo
anche conto del raddoppio ivi consentito per i casi di maggiore complessità. Al riguardo si precisa che
i parametri possono giustificare agevolmente compensi fino al 2%, mentre richiedono un’accurata
motivazione, laddove i compensi siano superiori. Occorre sempre ribadire la necessità che il
compenso per il rilascio del visto di conformità risulti congruo rispetto al grado di complessità e
all’urgenza dell'incarico ricevuto.
Si precisa infine che i valori sopra indicati costituiscono una indicazione di massima e non impongono
alcun vincolo agli iscritti all’Albo, stante la preminenza dell’accordo liberamente intervenuto tra le
parti, nella determinazione del compenso.