La Brambatti alla partita finale

00fermonotteUltime concitate ore per l’Amministrazione fermana. Dopo le ultime fibrillazioni, le dimissioni prontamente rientrate dell’assessore Fortuna e i malumori all’interno di tutti i partiti della maggioranza, il Sindaco valuta le prossime mosse. Non è da escludere un atto deciso verso le dimissioni, anche se appare evidente la  volontà del primo cittadino di non volersi accollare in toto la responsabilità del default. Purtroppo così è. Il carburante, se mai c’è stato in questa amministrazione , oggi è veramente terminato. L’ultima, ma solo in ordine di tempo, macchia è rappresentata dalla “scelta” non scelta per la nuova sede dei vigili, che rappresenta la cartina di tornasole dell’assenza di metodologia amministrativa, di coesione, partecipazione e collegialità. Il Sindaco e l’intera Giunta sono mancati su tutto, programmi, strategie, priorità, ma il vero vuoto lo si è visto sulla mancanza di capacità nella gestione della complessa macchina comunale, gli ultimi accadimenti, ma la storia è vecchia di mesi se non anni, sulle residenze facili la dice lunga sul rapporto con i dipendenti e sul ruolo e capacità dei dirigenti, mai ruotati e mai messi in discussione sul funzionamento effettivo dei meccanismi amministrativi. Il Sindaco, meteora, prova a resistere, a poco o nulla da perdere, come sempre a rimetterci da anni è la città e suoi abitanti, gli operatori economici e quanti vorrebbero una inversione di rotta. Purtroppo questi marinai sono esperti solo in naufragi.

ARES