Bisogna di nuovo aver paura dei tedeschi (Obama ha rivotato Merkel)

By on November 22, 2016

la-tavolata-Merkel I governanti europei, accolto Barak Obama nel suo viaggio d’addio la settimana scorsa, gli hanno fatto l’ultimo regalo:  hanno prolungato di un altro anno le sanzioni alla Russia (costo per l’Italia 7,3 miliardi), poi hanno giurato nelle  mani dell’uscente di  : 1) arrivare comunque a firmare il TTIP,  detestato da tutti i popoli delle due sponde atlantiche; 2) ampliare la globalizzazione sempre di più; 3)  continuare a  tenere aperte le frontiere all’immigrazione senza limiti; 4) mantenere la NATO così com’è, in posizione  di aggressivo riarmo;  5)  continuare e a perseguire   normative mondiali contro il  riscaldamento globale;  6) sul Medio Oriente, e specialmente la Siria, continuare ad obbedire alle direttive che Obama  ha indicato, compresa la finta guerra al terrorismo dell’IS.

“I leader sono d’accordo sulla necessità di lavorare  collettivamente per far avanzare l’agenda transatlantica, specie  nel portare stabilizzazione al Medio Oriente e Africa del Nord [sic], come assicurare la soluzione diplomatica dei conflitti in Siria e Ucraina dell’Est”, così suona il comunicato della Casa Bianca dettato da Obama alla fine dei tre giorni d’incontro.

Non si è trattato solo di un palese  vilipendio alle intenzioni politiche del nuovo presidente Usa, negate una per una puntigliosamente – dalla NATO   per Trump ‘obsoleta’ fino al  riscaldamento globale (”un imbroglio”) e alla sua dichiarazione che in Siria non bisogna rovesciare Assad  bensì  lo Stato Islamico, fino alla sua volontà di mettere un freno alla mondializzazione – no, è stato molto di più.   E’ stato come se i sei governanti europei che si  sono stretti attorno a Obama come loro maestro spirituale, lo avessero votato di nuovo – al posto degli americani.  Non riuscivano a staccarsi da lui. Smarriti di essere liberi (non sia mai), la Merkel ha riunito a tavola con l’adorato Nobel per la Pace che torna nel nulla,  oltre a Juncker,  Hollande e Renzi, Teresa  May e  Rajoi: e  tutti   hanno giurato nelle mani di Sua Nullità di mantenersi legati a lui  nel difendere “i nostri  valori” comuni”.  Oviamente quelli del politicamente corretto. Tutto il repertorio.

Obama e la Merkel hanno firmato a due mani un editoriale, apparso sui mainstream, degno di due piccioncini convolati a luna di miele: “Germania e Stati Uniti sono profondamente uniti insieme … i nostri due paesi condividono la congiunta responsabilità di proteggere e preservare il nostro modo di vita”, fra cui sottintendono cose come le nozze gay e la scelta del gender  (“impegno alla libertà personale”), senza rinunciare agli interventi umanitari come in Siria e Libia:  ”Il  nostro rispetto per la dignità umana  ci obbliga a fornire aiuto umanitario a milioni di rifugiati  nel mondo”, milioni da accogliere; inoltre “la  partnership Usa e Germania è stata essenziale per ottenere  un accordo globale a Parigi che offre al mondo un progetto per proteggere il nostro pianeta” : la lotta al riscaldamento globale con costrizioni  arbitrarie  per trattato.

Agli smarriti, Obama  ha assicurato che Trump cambierà, che finirà per rientrare nei ranghi mondialisti, perché la carica di Presidente Usa ha una qualità  (mistica, trascendente) che dona un speciale grazia di stato, da cui l’infallibilità  globalista. Leggere per credere:  C’è qualcosa nelle  solenni responsabilità di questo ufficio…che ti forza a concentrarti,  che esige serietà”, ha detto Obama, implicando ovviamente che Trump non è serio:  “E se non sei serio su  questo lavoro, allora probabilmente non durerai molto a lungo. Perché  ciò porta problemi”. Magari un attentato?

Qualunque cosa vogliano dire queste alate, ispirate parole ….  Il tono degli addii è stato questo, elegiaco e  grandioso insieme – il momento dei commossi  reciproci abbracci, del cantarsela e suonarsela, delle alte e vibranti auto-celebrazioni dei propri successi immaginari. Obama è arrivato al punto – senza ridere  – da definire la UE, l’Unione Europea di Merkel e Juncker, “uno dei più grandi successi politici ed economici del mondo”. 

E mica è bastato. Obama ha  passato alla Cancelliera la fiaccola dei “valori democratici nel mondo”,  palesemente messi in pericolo dall’elezione di Trump. Le ha affidato lo stendardo della civiltà occidentale in pericolo; sia lei la vostra guida, o europei.

“Angela, guida l’Occidente al posto mio”

Non sto esagerando minimamente. Infatti il più “grande” e  ufficioso dei media germanici, Der Spiegel, in un fondo di un suo capo redattore   Dirk Kurbjuweit, ha titolato: “L’America  ha abdicato dalla guida dell’Occidente” – e non  contento, vi ha aggiunto: “E’ tempo per l’Europa, e Angela Merkel, di  occupare quel vuoto”.

Letteralmente così.  Alla   Merkel  spetta la guida del mondo  occidentale, perché “ha forti principi morali, come ha dimostrato durante la crisi dei rifugiati”.

Vale la pena di analizzare questo articolo, per  constatare  le storture mentali,   la mistura di servilismo e di presunzione impolitica,  l’autoillusione  quasi al limite della demenza, che nutre la classe dirigente tedesca.

Il giornalista esordisce baciando  la mano che ha punito il popolo tedesco: “L’Occidente è nato nel gennaio 1917.  Quando il presidente Woodrow Wilson entrò in guerra contro la Germania, dicendo alla sua nazione che era tempo per gli americani di assumersi la responsabilità di ‘pace e giustizia- –  Il mondo deve  esser reso sicuro per la democrazia”, disse Wilson.

“Cento anni dopo: Trump. Uno che non  vuole la globalizzazione. Che proclama il nazionalismo americano,  l’isolazionismo,  il ritiro parziale dal commercio mondiale e nessuna responsabilità per il cambiamento climatico”.

[…] “La dignità umana  è il centro della civiltà occidentale […]  I diritti umani. Un razzista non può incarnare questo progetto. Trump non  ha alcun senso della dignità propria o di altri.   Non è qualificato per essere il leader dell’Occidente”.

“Siamo oggi dinnanzi al vuoto – la paura del vuoto. Cosa accadrà all’Occidente, all’Europa, alla Germania senza gli Stati Uniti alla loro testa?” .  Frase rivelatrice: lorsignori hanno paura del vuoto di potere.  Ma, psicanaliticamente, proiettano la loro paura su quelli che hanno votato Trump. Secondo il giornalista, Trump è stato portato al potere dalla “paura. Non più  la paura  di perdere la libertà, ma la paura della libertà stessa”.

Gli americani hanno avuto paura degli uomini “liberi  di attraversare i confini alla ricerca di nuovi luoghi dove insediarsi. Liberi di esportare i loro prodotti e  dunque di entrare in competizione con altri paesi. Liberi di battersi per diritti  uguali in quanto donne, in quanto omosessuali e in quanto non bianchi.  […]  Ciò che è unicamente tipico dell’Occidente, la libertà, è oggi percepito come minaccia”.

“Se Trump  governa come ha promesso, la ‘terra dei liberi’ (Usa)  abdicherà al suo compito di leader del mondo libero. Allora, sarà il  momento dell’Europa. Deve resistere al populismo. […] Dovrà provvedere alla propria sicurezza,  e ciò nel tempo di Vladimir Putin, di Recep Tayyip Erdogan e dello Stato Islamico  che esiste presso  l’Europa”

Sorvoliamo sul fatto che le suddette minacce alla nostra sicurezza, Putin, Erdogan e lo Stato Islamico, sono  pure creazioni della politica di Obama-Merkel. Ecco la conclusione dell’aedo di Spiegel:

“Senza l’America, compiti immani hanno davanti i leader occidentali. Sono compiti per la cancelliera Angela Merkel:  lei rappresenta una nazione forte [rieccoli!]  ed ha una forte fibra morale, come ha dimostrato nella crisi dei rifugiati”.

http://www.spiegel.de/international/world/trump-election-means-europe-must-now-lead-west-a-1120929.html

Una crisi che ha provocato  lei  da sola e da zero;  come ha provocato la rovina della Grecia e dei paesi mediterranei per taccagneria, e alla fin fine anche il Brexit – perché gli  inglesi sanno riconoscere una dittatura tedesca, quando ne rivedono una. Ma questo non conta per Kurbjuweit di Spiegel, ormai accecato dal fulgore titanico che, ai suoi occhi, assume  la Cancelliera: la vede già nell’atto di adempiere al compito immane di garantire le libertà: di commercio, di nozze omosessuali, di farsi invadere da milioni di africani,  di salvarci da Trump e dai populisti.  Lo farà perché è, sola in Europa, alla testa di “una nazione forte”  (e ricca),disciplinata e obbediente a imporre la democrazia: senza chiedere il minimo parere agli altri popoli europei, come ha sempre fatto:  sia con l’euro, sia quando ha deciso  che dovevamo tutti accettare i milioni di immigrati che lei ha chiamato, o quando  ci ha ingiunto di pagare 3 miliardi a  Erdogan perché si tenesse i profughi  che prima, lei aveva invitato. .  La libertà alla tedesca comprende le nozze gay e l’immigrazione di massa,  ma non la democrazia del voto.

spiegel
“La fine del mondo”

Merkel deve  divenire un leader decisivo per l’Europa”, proclama  infine  il giornalista di Spiegel. Senza la minima preoccupazione se gli altri membri dell’Unione Europea vadano magari consultati.  Infatti Merkel ha annunciato che correrà per un quarto mandato. Questo articolo mostra che  bisogna di nuovo aver paura dei tedeschi: dopo ottantenni di sottomissione servile, si sono di nuovo montati la testa e si sentono in grado di guidare la civiltà? Così, di punto in bianco?  .

Un post scriptum per Matteo Renzi. Era uno dei sei che hanno celebrato Obama, e l’hanno rivotato al posto del popolo americano  in quella demente celebrazione a Berlino.   Vedo che il fatale comunicato dice: i partecipanti “sono unanimemente d’accordo  sul fatto che [..] le sanzioni alla Russia  legate all’Ucraina  devono restare in vigore” fino a che non saranno in opera gli accordi di Minsk. Gli accordi di Minsk che sono violati da Kiev, non da Mosca. La Egemone Merkel ha fatto anche dello spirito, dicendo che i progressi erano “invisibili”.  Renzi era lì.  Non ha rotto la bella unanimità. Non ha eccepito che   noi subiamo un danno di oltre 7 miliardi per un contenzioso che non riguarda in nessun modo l’Italia.  Renzi ha già smesso di disturbare la UE. Si acquatta a fare il  servetto  della nuova Egemone. Nonostante tutto, è davvero meglio Trump.

You must be logged in to post a comment Login

How To Get Rid Of Stretch Marks
advert