Cross Border parte il sistema europeo per le multe stradali

By on aprile 23, 2019

Con la circolare 300/A/6806/17/111/44 del 12-9-2017 del Dipartimento Pubblica Sicurezza del
Ministero dell’Interno, è finita la festa per gli indisciplinati al volante che finora si scatenavano
all’estero, o viceversa venivano dall’estero in Italia, confidando sul fatto che la complessità per
l’individuazione del colpevole ed i costi relativi dissuadevano le autorità del paese a perseguire chi
aveva preso una multa risiedendo però in un altro stato. Dallo scorso anno è entrata in funzione
Cross Border, un sistema europeo integrato per lo scambio dei dati tra le autorità dei singoli Paesi
volto a favorire l’applicazione transfrontaliera delle sanzioni. Questo permetterà allo Stato sul cui
territorio è avvenuta la violazione delle regole di risalire velocemente ai dati identificativi del
veicolo in questione e poter perseguire il colpevole in tempi rapidissimi. Il tutto si attuerà
attraverso ‘Punti di contatto nazionale’, enti designati per ogni nazione a condividere i dati
associati alla targa del veicolo, in Italia tale compito è stato affidato alla Direzione Generale della
Motorizzazione.
Attraverso la nuova icona denominata ‘Veicoli direttiva cross border’ sul Portale, con accesso
riservato agli organi di polizia stradale, sarà possibile risalire e sanzionare chi viola una di otto ben
definite infrazioni stradali: eccesso di velocità, mancato uso delle cinture di sicurezza e del casco,
passaggio al semaforo rosso, guida in stato d’ebbrezza o sotto influenza di stupefacenti,
circolazione su una corsia vietata, uso improprio del cellulare o altri dispositivi elettronici. Sono
solo otto le violazioni inserite in Cross Border, ma queste comportano ben l’85% dei morti sulle
strade europee. Gli stati interessati dall’implementazione della Direttiva UE Cross Border sono 20:
Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Malta,
Paesi Bassi, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria.
Una volta acquisite le informazioni richieste, all’intestatario del veicolo è notificato il verbale di
accertamento e contestazione, entro 360 giorni dalla data dell’infrazione, stilato nella lingua dello
Stato d’immatricolazione del mezzo, riportando la tipologia di violazione, il luogo, la data, l’ora di
rilevazione, le sanzioni da irrogare, i dati relativi al dispositivo con cui l’infrazione è stata accertata.
Il ricevente potrà rispondere in tre maniera: confermare di commesso l’infrazione, contestare
l’infrazione (secondo la legge e la procedura dello Stato che ha rilevato la trasgressione), indicare
le generalità dell’effettivo conducente. Qualora il ricevente non risponda si procederà per via
giudiziaria tramite la Corte di Appello.
MAURIZIO DONINI

You must be logged in to post a comment Login

How To Get Rid Of Stretch Marks