Coldiretti Marche: cibo fake in mostra alla Mole e la situazione regionale tra agroalimentare e legalità

By on novembre 7, 2018

Gli spaghetti italiani prodotti in Germania, gli “spagheroni” olandesi o l’olio extravergine d’oliva italiano che arriva dagli Usa. E che dire del wine kit canadese per produrre Verdicchio doc in casa? Tutto falso Made in Italy che sarà in mostra domani, giovedì 8 novembre, alla Mole Vanvitelliana dove, dalle 10, si parlerà di agroalimentare e legalità nel corso del convegno organizzato da Coldiretti Marche alla presenza del procuratore Gian Carlo Caselli, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio nazionale sulle agromafie. Un importante appuntamento di approfondimento visto che la contraffazione del Made in Italy fattura ogni anno circa 60 miliardi di euro. E che una seria lotta alla contraffazione potrebbe incentivare anche le esportazioni agroalimentari marchigiane che, secondo dati Istat rielaborati da Coldiretti Marche, valgono oltre 173 milioni di euro nel primo semestre 2018, in calo di circa l’1,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Con Caselli, sul palco come relatori anche Stefano Masini (capo area Ambiente e Territorio Coldiretti Nazionale), il comandante del Nas delle Marche, Sandro Sborgia e Antonio Iaderosa, direttore dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari per Marche, Emilia Romagna e Lombardia). A chiudere le conclusioni di Maria Letizia Gardoni, presidente di Coldiretti Marche. “Il grande valore economico e culturale del nostro agroalimentare – spiega la Gardoni – ha paradossalmente un suo rovescio della medaglia che si manifesta nel vizioso operato delle agromafie le quali, sfruttando la fertilità della filiera del cibo, danneggiano produttori agricoli e cittadini. I fenomeni distorsivi del mercato, la concorrenza sleale e l’illegalità compromettono ogni giorno il nostro settore così importante per la crescita e la stabilità dei nostri territori. Dal terreno alla distribuzione, le attuali strutture normative a livello nazionale, comunitario e internazionale stanno giocando un ruolo chiave nella proliferazione dei fenomeni distorsivi. Il mercato del cibo ha bisogno di regole giuste che possano definirlo libero e trasparente. Per questi motivi è sempre più urgente l’approvazione della riforma dei reati agroalimentari che ha la finalità di rivedere l’intera materia penale riguardante il settore, la piena attualizzazione dell’etichettatura di origine, il rifiuto di ogni processo che implichi l’omologazione produttiva, l’efficientamento dei controlli e l’attuazione di sanzioni adeguate”.

You must be logged in to post a comment Login

How To Get Rid Of Stretch Marks