Urbino, regali per controlli più morbidi condannati ispettore e imprenditore

By on dicembre 3, 2016

341672_agenziaentrateURBINO – Due condanne nel processo per l’inchiesta Fisco Amico, iniziata  nell’ottobre del 2013 quando erano state 7 le persone indagate per reati contro la pubblica amministrazione, fra cui 2 funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro, uno dei quali nel frattempo era andato in pensione.

Il giudice del tribunale di Urbino ha inflitto 4 anni e 10 mesi reclusione con l’interdizione perpetuta dai pubblici uffici a Piero Micheli, ex dirigente dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro. Il funzionario è stato ritenuto responsabile di 6 capi di imputazioni che gli sono stati contestati, tra cui abuso d’ufficio, concussione e “indebita induzione a dare o promettere utilità”.

Condannato a 2 anni e 8 mesi per corruzione Giancarlo Sacchi, ex direttore Ersu di Urbino ed ex presidente dell’Urbino Volley, squadra femminile allora in A1. Assolti Claudio Maggiori, dirigente dell’Agenzia Entrate di Pesaro e Nicola Berloni, titolare dell’Unionmoda di Sant’Ippolito. Secondo l’accusa, ieri in aula il pm Irene Lilliu, il dirigente Micheli avrebbe ammorbidito controlli e accertamenti fiscali ad amici ed imprenditori in cambio di favori e regali.

You must be logged in to post a comment Login

How To Get Rid Of Stretch Marks