Le ragioni del NO: Incontro dibattito sabato alla cartiera papale

By on novembre 24, 2016

ragionidelnoSabato 26 novembre alle ore 17.30 presso la cartiera papale di Ascoli i promotori delle ragioni per il no si riuniranno per discutere con i cittadini i motivi del no. Introdurrà il dibattito Pier Paolo Flamini giornalista e membro del comitato del no piceno. Seguiranno gli interventi di Piero Celani, consigliere Regionale di Forza Italia,  Paolo Perazzoli, consigliere PD al Comune di San Benedetto del Tronto, Francesco Viscione, consigliere comunale UDC al Comune di Ascoli Piceno. Durante il dibattito oltre all’intervento di consiglieri regionali e comunali i cittadini potranno approfondire le diverse tematiche del referendum. In questi ultimi giorni di campagna referendaria è di primaria importanza convincere gli indecisi a votare no per scongiurare l’idea del uomo solo al comando. L’Italia deve essere riformata con il coinvolgimento di tutte le forze politiche, non solo di una parte, come fecero i nostri padri costituenti. È in gioco il destino dei nostri figli. Al dì là delle idee politiche di ognuno di noi siamo persone serie che mettono al primo posto l’Italia e non le nostre fortune politiche. Votiamo no il 4 per riformare l’Italia con serietà e competenza.

 

A tal proposito il Consigliere Regionale Piero Celani dichiara: “è chiaro a tutti ormai che gli unici tagli che questa riforma contiene sono solo quelli alla democrazia, dato che si riducono ancora gli spazi di partecipazione democratica dei cittadini, che se vince il si non potranno più scegliere i propri rappresentanti in parlamento in quanto continueranno ad essere nominati dai partiti. Non è vero poi che ci saranno risparmi, anzi, il senato continuerà ad esistere, legiferare, e con ogni probabilità a complicare l’iter legislativo che non sarà affatto più semplice, così come affermano tutti i Presidenti emeriti della corte costituzionale. Questa quindi è una riforma invotabile.”

You must be logged in to post a comment Login

How To Get Rid Of Stretch Marks