PICCO PANDEMICO, GRANDE SFORZO ORGANIZZATIVO DI CONEROBUS PER GARANTIRE I SERVIZI ESSENZIALI E RIDURRE I DISAGI

Massimo impegno per coprire i turni scoperti e monitoraggio costante di una situazione in
continua evoluzione per ridurre al minimo i disagi nel trasporto pubblico di Ancona e
provincia. L’acuirsi dell’emergenza pandemica sta chiamando Conerobus ad un impegno
senza precedenti, con enormi sforzi da parte del personale per garantire i servizi
essenziali che riguardano principalmente gli spostamenti casa-lavoro ed i servizi scolastici.
Come sta avvenendo in ogni contesto lavorativo, Conerobus registra in queste prime
settimane dell’anno un continuo aumento delle assenze di personale dovute a più
situazioni: quarantene, casi di positività al Covid, persone sprovviste di green pass. Nella
sola giornata di oggi risultano assenti 77 persone, pari a circa il 20% del personale attivo.
Già da tempo l’azienda è impegnata nel reperire sul mercato ulteriori professionalità
qualificate per la guida dei mezzi, un intervento che non riesce comunque a risolvere
completamente queste difficoltà.
“Tutta la squadra sta facendo grandi sacrifici per rispondere alle esigenze di mobilità dei
cittadini – sottolinea il presidente di Conerobus, Muzio Papaveri – la situazione cambia di
ora in ora e cerchiamo continuamente di coprire le corse scoperte. Molti autisti stanno
affrontando turni particolarmente impegnativi; stiamo ricorrendo anche a chi, in base ai
turni di servizio, sarebbe addetto al coordinamento o alla riserva (a chi, cioè, è chiamato
alla guida in casi di guasto al mezzo o sostituzione veicolo). Nonostante questa
mobilitazione, i disagi sono inevitabili e chiediamo la collaborazione dell’utenza”.
Per ridurre i disagi Conerobus sta gestendo l’emergenza puntando a garantire le linee ad
alta frequenza e “spalmando” le corse scoperte sulle linee che registrano un minor utilizzo
da parte dell’utenza. L’azienda sta facendo il possibile per aggiornare costantemente i siti
web Conerobus e Atma e le pagine social e comunicare le corse annullate nelle singole
linee.

Moretti Comunicazione – Isabella Tombolini