ADRIANO GAMBERINI – LO STUPORE DENTRO

Grande successo per la mostra “Adriano Gamberini – lo stupore dentro” visitabile dall’esterno del
Centro Arti Visive; da dicembre sta catturando l’attenzione e l’ammirazione del pubblico che potrà
apprezzarla più a lungo del termine previsto (31 gennaio), fino al 28 febbraio 2021.
Si tratta di una novità assoluta, progettata da Fondazione Pescheria e organizzata in collaborazione con
il Comune di Pesaro – Assessorato alla Bellezza e la Regione Marche, in risposta alle normative anti
Covid. La fotoinstallazione del fotografo marchigiano, a cura di Paola Gennari, grazie ad un allestimento
innovativo che si ispira alle suggestioni della street e della urban art, è fruibile in sicurezza passando per
via Cavour e lo sarà per un altro mese.
Trasformando il limite di accesso ai musei in un’opportunità, il perimetro vetrato del loggiato della
Pescheria, diventa supporto scenografico per grandi pannelli digitali che ogni giorno, dalle 17 alle 22,
trasmettono uno slideshow, in cui le immagini di Gamberini si alternano ogni 30 secondi. Si può ammirare
una selezione accurata di scatti realizzati dal 2000 ad oggi, tratti dalle diverse serie dedicate ai “Frammenti
di umanità” (Americhe, Sguardi, Religione, On the road), che contraddistinguono da sempre il suo lavoro,
e dalla più recente serie “Paesaggi”, che costituisce una novità. Completa inoltre la mostra, un video
sull’artista, con voce narrante di Lucia Ferrati, realizzato per l’occasione.
Adriano Gamberini, nato a Sant’Angelo in Vado (1947), vive e lavora a Fano. I suoi scatti si fondano su
un lirismo emozionale e su un istinto naturale: rivelano volti, persone, storie, paesaggi davanti a cui
soffermarsi a meditare, a riflettere su come l’uomo possa, nonostante tutte le brutalità, ancora sognare,
abbandonarsi all’immaginazione e dare un senso alla propria vita. Le sue foto sono state scelte da
importanti istituzioni tra cui Amnesty International.
Gamberini predilige fotografare l’essere umano e tutto ciò che è testimonianza di vita. Non fotografa ciò
che vede, ma fotografa ciò che sente; quello che chiamiamo semplicemente realtà o quotidiano, viene
trasformato e catturato in uno scatto, dove la forma diventa anima della cosa fotografata, riesce a scavare
dentro ogni esistenza toccando l’intera essenza dell’essere umano per l’eternità. Le sue fotografie ci
aiutano a conoscerci meglio, a capire chi siamo, chi è l’uomo realmente, con le nostre bellezze, le nostre
forze, le nostre mostruosità e le nostre fragilità.
“A volte penso di fotografare non ciò che vedo, ma ciò che provo” sostiene Gamberini; non conta tanto il
mezzo utilizzato bensì la storia personale di chi fotografa, la sua famiglia, il rapporto simbiotico e
straordinario con la moglie Giusi, sostenitrice coraggiosa e forte compagna di viaggi. Nei suoi scatti appare
l’inconscio, l’istinto, la parte più segreta e irrazionale.

Gamberini non può avere uno stile, in quanto il suo linguaggio è in continuo mutamento e si evolve
seguendo la sua anima. Lo testimoniano gli ultimi lavori dedicati al paesaggio, silente e senza figura
umana, eppure vitale, pieno di energia, forza, vigore. In ogni fotografia, rende visibile l’invisibile, non
riproduce la mera realtà, ma l’interpretazione della sua specifica e personale realtà.
Conclude Paola Gennari: “Gamberini è il fotoreporter dell’umanità, parla di noi, di tutte le razze del mondo,
che pur essendo così diverse e lontane, in realtà ci appartengono proprio perché mentre osserviamo
queste immagini, ognuno di noi trova una parte di sé stesso”.
Adriano Gamberini
Nativo di Sant’Angelo in Vado, vive e lavora a Fano. Laureato in giurisprudenza, fotografa da anni,
prediligendo il reportage.
Gli incontri con il fotografo della Magnum photos Alex Webb e soprattutto con il premio Nobel Dario Fo
saranno determinanti per la sua vita.
Grande estimatore del suo lavoro, Fo presenta la mostra fotografica di Gamberini “Altro Mondo” tenutasi
a Pesaro nel 2007. Alcune fotografie scattate in Africa, vengono rielaborate da Fo in un grande dipinto che
sarà, in seguito, esposto al Palazzo Reale di Milano.
Collabora con diverse riviste nazionali. Alcune sue foto sono state scelte da Amnesty International per
la realizzazione del volume “Un arcobaleno all’orizzonte” nonché per il calendario 2011 e per la tessera
del 2014.
Sempre nel 2014 il Musinf, Museo della Fotografia di Senigallia, ha acquisito 22 sue foto.
A Stoccarda, Milano, Padova, Bologna, Ancona, Pesaro, Tolentino, Cagli, Fano e Loreto
le sue mostre personali più importanti.
ADRIANO GAMBERINI – LO STUPORE DENTRO
Mostra a cura di Paola Gennari
Centro Arti Visive Pescheria – Pesaro
18 dicembre 2020 – 31 gennaio > prorogata fino al 28 febbraio 2021