Videx, che fatica!

Aci Castello si arrende al quarto set dopo un match complicato ed incerto fino alla fine (25-
19; 20-25; 25-20; 28-26).
Contava il risultato e la Videx è riuscita a strappare altri tre punti. Un successo pesante viste le
difficoltà incontrate al cospetto di un avversario che è sceso in campo a viso aperto, giocando la sua
partita e rischiando seriamente, nella fase conclusiva del quarto set, di prolungare la sfida al tie-
break.
Coach Ortenzi manda in campo il sestetto tipo: Marchiani-Calarco in diagonale, Vecchi e Starace
in banda, Romagnoli-Cubito al centro e Romiti libero. Aci Castello risponde con Pugliatti-Dahl,
Pricoco e Arezzo schiacciatori, Reina e Andriola centrali con Zito a gestire le operazioni di seconda
linea.
Fase iniziale di studio con l’equilibrio che fa da padrone. Romagnoli risponde ad Arezzo (6-5). I
castellesi provano ad imporsi a muro con Andriola e spingono con Dahl che costringe coach Ortenzi
al primo timeout della sfida (10-11). Vecchi e Calarco costruiscono il +2 ma è ancora Dahl dai nove
metri a trovare di nuovo l’aggancio (14 pari). La Videx tenta lo strappo sull’asse Calarco-Starace e
stavolta gli ospiti cedono il passo. Cubito blocca capitan Pricoco a muro e trova il +4 (20-16).
Arezzo prova a riaprire il set ma l’errore dello stesso laterale siciliano prima e la leggerezza di
Pugliatti al palleggio poi regalano alla Videx il primo atto del match (25-19).
La gara sembra in discesa ma Aci Castello torna in campo con un altro piglio e preme
sull’acceleratore sin dalle prime battute di gioco, trascinato dal suo uomo migliore, Dahl (6-8). La
Videx prova a rimettersi in carreggiata ma gli ospiti allungano e trovano il +4 con l’ace di Pricoco
(11-15). Vecchi e compagni inseguono costantemente gli avversari senza riuscire, soprattutto a
muro, a trovare le giuste contromisure. Pricoco e Dahl mantengono le distanza (17-21). L’errore dai
nove metri di Gaspari, subentrato a Cubito, vale la prima di quattro set-ball, che Dahl realizza
prontamente con il suo secondo personale ace (20-25).
La Videx avverte il contraccolpo, tanto che Pricoco e compagni iniziano il terzo set col piede
sull’acceleratore e infilano quattro segnature consecutive (1-4). Vecchi colpisce dai nove metri e
Cubito ferma Dahl a muro ma il capitano castellese sale in cattedra, apre e chiude un break da tre
punti e trova l’ace che costringe coach Ortenzi a sospendere il gioco sul 13-16. Il time-out giova ai
grottesi che costruiscono la rimonta con Cubito e Calarco. Sul 20 pari Riccardo Vecchi si erge a
giudice del parziale fermando prima Dahl a muro ed infilando poi altre due segnature consecutive
che proiettano i suoi a + 3 (23-20). E’ lo strappo decisivo. L’errore di Reina serve a Marchiani
l’occasione perfetta per colpire con l’ennesimo ace che vale il 25-20.
Nonostante il vantaggio nuovamente acquisito, la Videx deve fare ancora una volta i conti con la
tenacia dei siciliani che aprono il quarto parziale con la stessa verve dei precedenti. Dahl e Arezzo
costruiscono il +4 e coach Ortenzi ferma il gioco (3-7). Qualche imprecisione di troppo a muro
costringe la Videx ad inseguire per la prima metà del set dove Pricoco ed il solito Dahl rispondono
per le rime a Vecchi e Starace (9-12). Proprio lo schiacciatore campano dà il là all’ennesima
rimonta grottese, vanificata però da un super Dahl (top scorer con la bellezza di 30 punti messi a
referto) che torna a far male dai nove metri (13-15). Si inizia a respirare aria di tie-break quando
Aci Castello aumenta il vantaggio e si porta a +4 (16-20). Gli ospiti però non hanno ancora fatto i
conti con Riccardo Vecchi, autentico protagonista del finale di set, che sfodera una serie da tre
polverizzando il vantaggio siciliano (19-20). Starace acciuffa due volte il pari dopo che Calarco
rischia di buttare tutto all’aria sbagliando il servizio che consegna la palla-set agli ospiti (24 pari).

Reyes, gettato nella mischia a più riprese da coach Ortenzi, pesca dai nove metri il jolly che sembra
sparigliare le carte (25-24). Aci Castello non si arrende ed annulla ben due match-ball prima di
capitolare sotto l’uno-due di Riccardo Vecchi. E’ lui l’uomo-partita che chiude definitivamente i
giochi bloccando Pricoco a muro. Il 28-26 finale proietta la Videx momentaneamente al comando
del girone blu in attesa di Pineto e dello scontro al vertice tra Galatina e Tuscania.

VIDEX GROTTAZZOLINA – ACI CASTELLO 3 – 1
Videx Grottazzolina: Perini ne, Romagnoli 5, Cubito 12, Vecchi 23, Calarco 12, Pison ne, Reyes
1, Di Bonaventura, Viciedo 1, Starace 17, Gaspari, Marchiani 2, Romiti (L). All. Ortenzi;
Sistemia LCT Aci Castello: Zito (L1), Reina 6, Pugliatti, Vitale, Saraceno, Fasanaro ne, Pricoco
13, Arezzo 12, Chiesa M. (L2) ne, Di Franco, Andriola 5, Dahl 30, Sciuto ne, Chiesa A. All. Lopis;
ARBITRI: Salvati -Villano;
PARZIALI: 25 – 19 (24’); 20 – 25 (25’); 25 – 20 (24’); 28 – 26 (35’);
NOTE: Grottazzolina: 14 errori in battuta, 3 ace, 10 muri vincenti, 54% in ricezione (31% perf),
53% in attacco; Aci Castello: 12 errori in battuta, 5 ace, 7 muri vincenti, 58% in ricezione (41%
perf), 49% in attacco.