Il nuovo filmato di PETA Asia espone la copertura del lavoro delle scimmie nell’industria tailandese del cocco

Roma – Tornando in Thailandia un anno dopo che PETA Asia ha denunciato l’uso del lavoro forzato delle scimmie nelle coltivazioni tailandesi di cocco, gli investigatori hanno scoperto che i produttori e il governo tailandese stanno mentendo al pubblico e agli importatori sull’uso delle scimmie, il che continua nonostante le false affermazioni e le vuote promesse.

Il nuovo video di PETA Asia, disponibile qui, include interviste con gli addetti ai lavori dell’industria che discutono di come le aziende agricole nascondano semplicemente le scimmie fino a quando i controlli siano finiti, o comprino scimmie senza registrarle, anche se la registrazione è legalmente richiesta. Delle 14 coltivazioni di noci di cocco che gli investigatori di PETA Asia hanno visitato nel 2020, la metà ha confermato di utilizzare scimmie, inclusi due allevamenti visitati l’anno precedente. Per quanto riguarda il resto, poiché gli agricoltori possono assumere appaltatori per far entrare le scimmie solo durante il periodo del raccolto, è quasi impossibile sapere se questi non usino scimmie. PETA Asia ha scoperto che qualsiasi verifica o visita da parte degli ispettori è stata annunciata agli agricoltori in anticipo, dando loro il tempo di nascondere le scimmie. Gli investigatori hanno parlato con un agricoltore che usa il lavoro delle scimmie e che ha riferito che i rappresentanti di Chaokoh non hanno chiesto agli agricoltori di smettere di usare le scimmie.

“L’industria tailandese delle noci di cocco sta cercando di coprire il fatto che le scimmie incatenate sono ancora costrette a raccogliere le noci di cocco per il latte di cocco, e le sue false verifiche e le promesse vuote non faranno altro che vedere l’industria continuare a sgretolarsi”, dice la direttrice di PETA Elisa Allen. “PETA chiede a Chaokoh di smettere di sostenere questa industria crudele ottenendo le sue noci di cocco da aziende che non usano scimmie”.

Con queste nuove informazioni, PETA Asia sta anche aumentando la pressione sul governo thailandese affinché ritenga responsabile l’industria delle noci di cocco. PETA Asia continuerà a spingere i rivenditori a riconsiderare anche il loro rapporto con Chaokoh. Più di 26.000 negozi internazionali hanno vietato le marche di latte di cocco che utilizzano noci di cocco raccolte dalle scimmie.

Le scimmie sfruttate nell’industria del cocco vengono prelevate dal loro habitat naturale da neonate e legate per il collo, e i loro denti possono essere rimossi se cercano di difendersi. (Il video di PETA Asia mostra una scimmia a cui sono stati estratti i canini.) Sono private di ogni parvenza di vita naturale.

Fotografie dell’investigazione di PETA in Tailandia sono disponibili qui, e filmati ad alta risoluzione sono disponibili qui.