Usa, “The Rising” di Bruce Springteen, colonna sonora della campagna dem

Di Paola Pieroni
“We are the The United States of America. There’s not a single thing we cannot do, if we do it togheter. Tradotto: Noi siamo gli Stati Uniti d’America, non
esiste una sola cosa che non possiamo fare, se la facciamo insieme”. Con queste parole, il candidato democtratico alla Casa Bianca, Joe Biden, ha condivso su
Twitter il video clip di “The Rising”, la canzone che Bruce scrisse dopo l’11 settembre 2001, e che adesso accompagnata da nuove immagini, diventa la
colonna sonora dei dem.Il video, raccoglie momenti difficili che gli Stati Uniti hanno vissuto negli ultimi tre anni sotto la presidenza Trump e li contrappone al
messaggio di speranza del candidato democratico alla presidenza Biden, già vicepresidente Usa. Nella prima parte scorrono le immagini tristi del lockdown,
del raduno dei suprematisti bianchi in Virginia, dell’uccisione dell’afro-americano George Floyd dopo i colpi soffocanti del poliziotto nel Minnesota, che
scatenò proteste anti-razziste in tutto il mondo. E poi il video virale che circola sulla rete del presidente Trump, mentre lancia un rotolo di tovaglioli alla folla
radunata a Puerto Rico, dopo la devastazione provocata dall’uragano Maria. La scelta del brano di Bruce, non è causale. Il cantante, che per gran parte della sua
carriera aveva preferito starsene lontano dalla politica, a partire dalla fine degli anni ’90 ha deciso di scendere attivamente in campo a favore dei dem. E mai
come ora la speranza sembra accompagnare le nostre giornate.