Btp Futura: Comunicati i tassi cedolari minimi garantiti. Dal 6 al 10 il collocamento

Avrà tassi cedolari minimi garantiti pari al 1,15%, 1,30%, 1,45% il Btp futura, il nuovo titolo di stato al 100% retail che lo Stato ha dedicato ai piccoli investitori per finanziare
gli interventi per la ripresa post covid-19. Esordirà lunedì 6 luglio, con la prima emissione, fino a venerdì 10 alle ore 13, salvo chiusura anticipata. Il Mef ha comunicato nella
giornata odierna i tassi cedolari minimi garantiti, come riportato dal Sole 24 Ore: dal primo al quarto anno: 1,15%, dal quinto al settimo anno: 1,30%, dall’ottavo al decimo
anno: 1,45%. I tassi cedolari definitivi, invece, saranno annunciati solo alla chiusura del collocamento e non potranno comunque essere inferiori ai tassi cedolari minimi
garantiti. Inoltre il tasso cedolare dei quattro anni rimarrà invariato, mentre in base alla variazioni di mercato potranno essere rivisti a rialzo solo i tassi successivi al primo. Il
codice ISIN del titolo durante il periodo del collocamento è IT0005415283. I proventi di questo buono andranno a sostenere il reddito e la tutela del lavoro, a rafforzare il
sistema sanitario nazionale ed il sostegno a famiglie e imprese italiane. Il Btp futura verrà collocato sul Mot, attraverso Banca Imi e Unicredit. I risparmiatori potranno
sottoscriverlo ricorrendo all’home banking presso la propria banca. Il rendimento verrà tassato al 12,5% come per gli altri titoli di stato. Non ci sono costi di commissione e
non è previsto il meccanismo del “riparto”: significa che ogni ordine (del taglio minimo di 1000 euro) sarà soddisfatto, fatta salva la possibilità del Tesore di chiudere prima
l’emissione.
Paola Pierorni