Oms: il Covid si sta comportando come la spagnola, in Italia 10 focolai, 17 positivi all’Hotel House

“L’epidemia Covid-19 si sta comportando come avevamo ipotizzato e il paragone è con la spagnola che si comportò esattamente come il
Covid: andò giù in estate e riprese a settembre e ottobre, facendo 50 milioni di morti durante la seconda ondata. Così Ranieri Guerra,
direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), durante il programma Agorà in onda sul canale Rai3, risponde in
merito alla lettura di esperti che hanno parlato invece di emergenza finita.” Anche il Ministro della Salute Roberto Speranza, che ha
partecipato alla teleconferenza dei Ministri della Salute del G7, ha espresso preoccupazione per l’andamento del contagio a livello
mondiale. “Soltanto insieme usciremo da questa battaglia -ha commentato il Ministro al termine della riunione- occorre perciò continuare
a mettere al centro la cooperazione internazionale”. Intanto in Italia, arrivano sparsi per regioni, quasi 10 nuovi focolai, tra cui quello
dell’Hotel House di Porto Recanati, dove i contagi sono arrivati a 17 e nonostante il direttore generale dell’Asur Nadia Storti avesse detto
che era tutto sotto controllo, la situazione inizia a preoccupare anche perché ci sono stranieri positivi al Covid-19 residenti nel palazzone
multietnico che non seguono in modo scrupoloso la quarantena imposta e che come riferiscono i guardiani escono senza che nulla fosse
per piccoli servizi. Oggi sul posto anche i Carabinieri. Per non parlare del caso Mongradone, dove sono state trovate 30 persone positive e
il Presidente della Regione campana ha messo in zona rossa tutti e 700 i residenti bulgari del quartiere. Poi a Bologna dove in un’azienda
si sono riscontrati 14 casi e presso un’attività commerciale del posto altri 12. A Bolzano un focolaio familiare ha raggiunto 11 persone
rendendole positive. Nelle città di Alessandria e Sondrio i contagiati si sono trovati all’interno di case di riposo (13 ) e presso una struttura
di accoglienza per persone bisognose dove sono state ricoverate 7 persone. I contagi non vanno sottovalutati vista la veloce diffusione del
virus che necessita di risposte altrettanto tempestive.
Paola Pieroni