Lagrù: ottimo riscontro dallo streaming, ma il teatro è un’altra cosa

Ottimi risultati per “Lagrù Click”, la programmazione streaming dell’Associazione Lagrù nata
durante il lockdown: nell’arco di 2 mesi sono state trasmesse 61 dirette, raggiungendo oltre
125.000 visualizzazioni e picchi di 350 spettatori collegati contemporaneamente. Gli artisti
dell’Associazione Lagrù, come Piero Massimo Macchini, Cesare Catà, i Rishow, Lagrù Ragazzi,
Lucia Berdini e il Club Prestigiatori del Fermano, trasmettendo da casa, hanno riadattato i
repertori per il web e cercato di restituire il coinvolgimento di uno spettacolo da vivo: da
Shakespeare al Provincialotto, dai burattini alla magia, all’improvvisazione teatrale, yoga della
risata, Marche-ting.
“I numeri fanno riflettere, sono indicatori della voglia di socialità, di ridere, ma anche di pensare,
espressa da migliaia di persone nelle delicatissime settimane della quarantena. Ma attenzione:
non chiamiamolo teatro”. Lorenzo Palmieri, presidente di Lagrù, su questo aspetto è netto:
“Il teatro è un’altra cosa. Per questo dopo il 4 maggio abbiamo interrotto le iniziative online.
Abbiamo deciso di fermarci perché crediamo che questa forma di spettacolo possa andare bene
per un periodo di emergenza e non vogliamo rassegnarci al fatto che sia l’unica possibile in
futuro. Aspettiamo delle regole da parte di Governo e Regione per poter ripartire con gli
spettacoli dal vivo già da questa estate”.
Palmieri ricorda che è in atto un confronto tra AGIS e il Ministro Franceschini “ma purtroppo
– dice – decisamente in ritardo rispetto agli altri settori produttivi. Siamo pronti, ad esempio, con
la 31° edizione del Festival I Teatri del Mondo a luglio, ma chiediamo protocolli chiari da seguire
come avvenuto per bar, ristoranti e spiagge”.
“Ringraziamo il pubblico che ha sostenuto Lagrù sia moralmente che attraverso le donazioni:
grazie all’iniziativa “Macchini a domicilio” – dice Palmieri – inoltre, abbiamo raccolto più di
3000 euro per l’ospedale Murri di Fermo”.
Infine, ricordiamo che è possibile continuare a sostenere le iniziative dell’Associazione Lagrù
anche grazie al 5×1000 inserendo nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale:
90056320444.