La piattaforma di apprendimento online Preply annuncia un finanziamento da 10 milioni di dollari

L’apprendimento delle lingue online è sempre più una realtà sia a livello globale che nel nostro paese.

Milano, 30 marzo 2020. La piattaforma di apprendimento online, Preply, annuncia oggi altri 10 milioni di dollari di finanziamenti, raddoppiando il totale raccolto nei round precedenti. Il finanziamento sarà investito per far crescere la rete di Preply con 10.000 tutor verificati che insegnano 50 lingue a decine di migliaia di studenti in 190 paesi in tutto il mondo, compresa l’Italia. Il round è stato guidato dalla londinese Hoxton Ventures con la partecipazione degli investitori europei Point Nine Capital, All Iron Ventures, The Family, EduCapital e Diligent Capital. Sono numerosi anche i singoli investitori informali tra cui spiccano Arthur Kosten di Booking.com; Gary Swart, ex CEO di Upwork; David Helgason, fondatore di Unity; e Daniel Hoffer, fondatore di Couchsurfing.

Preply è stata fondata nel 2013 dagli ucraini Kirill Bigai (CEO), Serge Lukyanov (Head of Design) e Dmytro Voloshyn (CTO). La compagnia in questo momento impiega 125 dipendenti di 25 nazionalità nei suoi uffici di Kiev e Barcellona, con ricavi che negli ultimi tre anni sono aumentati di dieci volte. L’innovazione pionieristica di Preply è stata quella di utilizzare un sistema di apprendimento automatico per un perfetto accoppiamento tra i tutor e gli studenti, ovunque si trovino nel mondo, creando connessioni più intelligenti e permettendo un efficace apprendimento delle lingue.

Ad oggi, sono state prese due milioni di lezioni con insegnanti di 160 nazionalità. La stragrande maggioranza degli studenti utilizza Preply per scopi professionali, come la ricerca di un lavoro all’estero o per prepararsi ad un colloquio di lavoro. Altri lo stanno usando a scopi ricreativi, ad esempio aiutando il loro bambino a imparare una nuova lingua, oppure dedicandosi alla passione di padroneggiare una nuova abilità. Grazie a Preply ed alla sua offerta mondiale senza precedenti di tutor, se sei a Berlino, ad esempio, e vuoi imparare il giapponese, puoi facilmente trovare un esperto di lingue in un momento e ad un prezzo conveniente. Questo risolve la “sfida dell’ora di punta” che si riscontra con l’insegnamento dal vivo; la maggior parte degli studenti preferisce frequentare le lezioni prima o dopo il lavoro, il che significa che è disponibile un numero limitato di slot o tutor.

Il prezzo medio di una lezione su Preply è compreso tra i 15 e i 20 euro l’ora e sulla base di un sondaggio condotto sugli utenti di Preply nel 2019, il 72% degli studenti ha raccomandato attivamente Preply ad altri studenti. Per i tutor, Preply ha fornito una soluzione flessibile e sicura per generare reddito senza essere più limitati a livello locale. Senza la necessità di ospitare studenti a casa o di perdere tempo viaggiando, i tutor sono messi nelle migliori condizioni per insegnare da qualsiasi parte del mondo.

Stefano de Angelis, professore italiano residente a New York, è un esperto di terrorismo internazionale ed è stato consulente per le Nazioni Unite, ma da qualche settimana ha iniziato ad insegnare italiano online tramite Preply comprendendone le potenzialità. “Le attuali difficoltà nel mondo del lavoro ci spingono a cercare nuovi metodi per portare i soldi a casa e Preply è uno di questi!” ha dichiarato Stefano. D’altronde l’Italia e gli appassionati della nostra lingua rivestono un ruolo sempre più importante sulla piattaforma.  L’italiano è una delle lingue più studiate sulla piattaforma ed il numero degli studenti italiani è quasi raddoppiato dallo scorso anno. Il 60% di loro studia inglese, il 16% italiano, il resto francese, tedesco e spagnolo. Secondo i dati registrati da Preply, più della metà degli studenti italiani stanno utilizzando la piattaforma principalmente per scopi di carriera, la restante parte, invece per motivi d’istruzione o perché desiderosi di trasferirsi all’estero.

Preply riceve oltre 5000 domande ogni mese, che sono esaminate attentamente, per garantire la presenza solo dei migliori tutor sulla piattaforma. Man mano che l’istruzione si sposta sempre più online, molti dei nostri tutor dichiarano di aver affinato una nuova serie di competenze, affidandosi meno al linguaggio del corpo e ricercando sempre più una connessione umana online. Dal punto di vista del pagamento, un vantaggio non trascurabile dato della piattaforma ai tutor è che sono sempre pagati subito dopo la lezione, evitando la perdita di tempo nella richiesta dei pagamenti o il rischio di non essere pagati affatto. Gli studenti inseriscono i dettagli del proprio conto bancario quando si registrano e i tutor possono prelevare denaro dal proprio conto Preply in qualsiasi momento. Tutti i guadagni sono suddivisi in una dashboard di prestazioni personali completa in modo che i tutor possano analizzare la propria attività.

Utilizzando i nuovi finanziamenti, la società prevede di ampliare il mercato, principalmente in Italia, America settentrionale, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito. Ci sono piani per implementare una serie di nuovi strumenti, valutazioni e compiti a casa. I tutor saranno in grado di tracciare in modo intelligente i progressi e aiutare gli studenti a raggiungere i loro obiettivi in modo più rapido e completo. Preply vuole impegnarsi e consentire ai tutor di crescere al fianco della piattaforma, offrendo loro l’opportunità di esplorare piani di formazione e lezioni in modo che possano ottimizzare le proprie entrate e massimizzare le proprie lezioni. Il nuovo finanziamento offrirà inoltre a Preply l’opportunità di sviluppare la sua offerta mobile, semplificando l’app per Android e iOS rendendola più efficiente e intuitiva. Inoltre, Preply ha in programma un successivo consolidamento del suo business negli Stati Uniti aprendo un ufficio negli States entro la fine dell’anno. La genesi europea di Preply e l’offerta di tutor globali svolgono un ruolo rilevante nella sua capacità di competere in questa regione strategica.

Kirill Bigai, CEO di Preply, commenta così le ambizioni future di Preply: “Il nuovo finanziamento ci consente di mettere in campo un’offerta approfondita e variegata con il nostro numero senza pari di tutor provenienti da Europa, America Latina e APAC. L’apprendimento online sta cambiando rapidamente. Sebbene la società si concentri principalmente sull’apprendimento delle lingue, oggi i tutor stanno anche iniziando a insegnare matematica, chimica e scrittura creativa usando la piattaforma, permettendoci di immaginare un futuro in cui chiunque può imparare qualsiasi cosa usando Preply”.

Rob Kniaz di Hoxton Ventures, commenta “Dopo aver incontrato Kirill e il team di Preply siamo rimasti molto colpiti dalla loro straordinaria crescita sul mercato statunitense e dalle dimensioni del mercato globale nel tutoraggio linguistico online. Riteniamo che il team abbia una grande opportunità davanti a sé, soprattutto nell’insegnamento dell’inglese dove Preply dimostra già una leadership di mercato “.

Tancredi Turiano