CORONAVIRUS: PER PINTUCCI (FP CGIL MARCHE) “OCCORRE METTERE IN SICUREZZA GLI OPERATORI E STANZIARE RISORSE E STRUMENTI AD HOC”

In queste ore il Paese sta toccando con mano il valore indispensabile del lavoro pubblico:
sanità, sicurezza e soccorso stanno lavorando con grande sacrificio, insieme ai lavoratori
del sistema dello Stato e delle autonomie, per far fronte all’emergenza Covid-19.
Occorre però che gli operatori siano messi nella condizione di operare in sicurezza:
garantire adeguate scorte di dispositivi di protezione individuale ed agenti sanificanti su
tutto il territorio e in tutte le amministrazioni pubbliche nel rispetto delle indicazioni già
fornite dal ministero della salute con circolare 5443 del 20 Febbraio 2020
L’emergenza sta inoltre portando alla luce quanto già da noi evidenziato circa la
complessiva carenza di personale delle Pubbliche Amministrazioni. Occorrono misure
straordinarie in modo particolare in ambito sanitario: la Fp Cgil Marche ribadisce la
richiesta che le nuove possibilità di assunzioni derivanti dall’applicazione dell’art. 11 Dlgs
35/2019 sul nuovo tetto di spesa del personale sanitario – circa 2 milioni di euro in più per
le Marche- siano finalizzate al rafforzamento di tutto il sistema di prevenzione Asur.
Ma tutto questo potrebbe essere insufficiente. Secondo Matteo Pintucci, segretario
generale Fp Cgil Marche. “bisogna superare le logiche punitive di questi ultimi anni in
materia di assunzioni e di taglio dei fondi con cui pagare lo straordinario ed altre indennità
specifiche. In modo particolare, chiediamo di stanziare risorse per l personale sanitario,
dello stato, della sicurezza, degli enti locali che in tutto questo periodo ha lavorato nelle
zone e nelle attività più a rischio”.
A questo si aggiunge la necessità di indicazioni chiare e provvedimenti ad hoc da parte del
Governo per quanti saranno costretti ad astenersi dal lavoro non per loro volontà ma sulla
base delle eventuali ordinanze che verranno emanate: si ricorda infatti che, nei settori
pubblici, non ci sono la cassa integrazione o altre modalità di integrazione salariale per i
periodi di sospensione lavorativa indipendenti dalla volontà delle parti.
Conclude Pintucci: “Abbiamo inoltre chiesto un incontro al Servizio salute della Regione
Marche per fare il punto della situazione alla luce dei risultati dell’incontro di oggi tra
Governo e Presidenti di Regione”.