Le nuove frontiere del sesso – Le sei fantasie più diffuse

Il pensiero del grande attore e regista americano è sicuramente estremo, ma se in cinque la
possiamo chiamare orgia, il sesso a tre è al primo posto nella lista delle sei fantasie sessuali delle
coppie. Due uomini e una donna oppure un uomo e due donne, le implicazioni sono tante, prima
di tutto non parliamo di perversione cosa non scritta o codificata da nessuna parte. Altro
passaggio è l’immagine di omosessualità insito nel fatto che quasi sicuramente ci sarà un contatto
fisico tra i due appartenenti allo stesso sesso. Questo fattore va sgombrato subito, l’omosessualità
non c’entra nulla con l’essere in tre dentro al lettone. Uno studio condotto nel 2015 da un team di
scienziati canadesi sulle abitudini sessuali e riportato anche nel libro “Archives of Sexual Behavior.
– The Official Publication of the International Academy of Sex Research-”, ha dimostrato che su
274 studenti eterosessuali e single i ragazzi sono più interessati al sesso a tre rispetto alle ragazze.
Mentre tra le coppie il sesso a tre composto da 2 ragazze e 1 ragazzo è sorprendentemente il
favorito dalle donne. E’ un argomento che incuriosisce e attira tantissime persone, soprattutto le
coppie, ma di cui si parla poco, il rischio in un paese permeato di perbenismo e bigotteria come
l’Italia non è facile parlare di certi argomenti.
Al secondo posto troviamo la Dominazione, le classiche e mai passate di moda manette sono state
le antesignane di un fenomeno che ha preso piede attraverso libri, films (l’orribile trilogia delle 50
Sfumature), feste a tema e playrole. Dalle manette alle pratiche più estreme, l’importante è essere
consapevoli e consenzienti, avere una safeword per interrompere il gioco in qualunque momento.
La dominazione è soprattutto un gioco psicologico, non necessariamente si arrivare a pratiche
bdsm, l’altrettanto classico rolegame del poliziotto/a potrebbe essere già materia interessante…
Pratica laterale alla dominazione, il feticismo è al terzo posto nella classifica, definito lessicalmente
come adorazione, la sua variante più seguito è relativa ai piedi femminili. Il grande fotografo
statunitense Elmer Batters ci costruì una fortunata carriera di fotografia erotica traducendo la sua
ossessione verso gambe, calze e piedi su pellicola. I piedini furono un’ossessione dell’antica Cina,
ebbe inizio tra il IV e il VII secolo d.C.; il feticismo dei piedi è comunque una forma di
sottomissione.
Il quarto slot è occupato dalla ‘sperimentazione’, questa è veramente la summa della fantasia
erotica. Sperimentare vuol dire semplicemente essere pronti e disposti a provare e fare cose
nuove, non necessariamente impegnative. Potrebbe essere semplicemente scambiarsi messaggi
hard, come uscire senza slip o toglierseli nel bagno del ristorante per regalarli al partner, arrivando
a fare sesso orale o più in luoghi improvvisi. Lasciare da parte schemi e barriere e lasciarsi andare.
Rapporti con lo stesso sesso si insedia al quinto posto, anche qui non si tratta di omosessualità, ma
della curiosità di sapere come sia toccare e farsi toccare da un appartenente al proprio stesso
sesso. L’identità e l’attrazione sessuale restano verso l’altro sesso, ma con l’interessante variabile
della soddisfazione di questa curiosità.
Resta la sesta posizione che trova ben saldo il guardare il proprio partner fare sesso con un altro,
quindi voyeurismo, cuckold se si tratta di guardare la propria donna fare sesso con altro uomo,
cuckquean se è la donna a visionare il proprio uomo alle prese con un’altra donna. Come già
scritto in precedenti articoli sul tema, deve essere esclusa ogni forma di gelosia, è necessaria

fiducia e solidità, vedere il proprio partner in questa situazione ne aumenta il fascino e
l’attrattività migliorando di molto la sintonia di coppia.
MAURIZIO DONINI