Back to Icaro, riapre lunedì il centro giovanile di Monte Urano

E’ tutto pronto nelle Marche per il ritorno tra i banchi degli studenti di ogni ordine e grado: la prima
campanella suonerà lunedì 16 settembre e puntuali a Monte Urano si riapriranno le porte del Centro
giovanile Icaro, punto di riferimento pomeridiano per tanti ragazzi del territorio.
L’orario di apertura rimarrà invariato (tutti i giorni dalle 15 alle 19:30, con aiuto compiti fino alle
16:30 e poi laboratori e attività varie), ma l’idea degli operatori e dell’amministrazione comunale è
quella di dar vita a un servizio al passo con i tempi e quindi in costante mutamento.
“Nello scorso mandato era stata l’ex assessora Lucia Diomedi a dare il là a una traformazione e
rigenerazione del centro Icaro – ricorda l’attuale titolare della delega alle politiche giovanili Loretta
Morelli – perché i servizi dedicati ai giovani devono essere sempre aggiornati e ricalibrati in base
alle loro nuove esigenze. Ho intenzione di continuare a muovermi in questa direzione con l’obiettivo
di arrivare a una sempre maggiore fidelizzazione dei ragazzi e delle loro famiglie, che comunque
hanno risposto in maniera subito positiva a questi cambiamenti”.
Già a partire dallo scorso marzo, infatti, la programmazione del centro aveva subito alcune
modifiche importanti, come ad esempio l’ampiamento dell’orario del doposcuola e la dislocazione
del medesimo servizio in quella sede piuttosto che in biblioteca, come invece accadeva fino ad
allora. Inoltre sono state messe le basi per una maggiore collaborazione con le scuole, sia elementari
che medie, che quest’anno si espliciterà anche in una serie di laboratori di creatività e di manualità
che i due operatori del centro svolgeranno direttamente nelle aule e che saranno incentrati in
particolar modo sul riciclo per sensibilizzare i giovani sulle tematiche dell’ambiente e della
sostenibilità.
Oltre al già citato servizio di aiuto compiti, comunque, i ragazzi avranno a disposizione una ricca
serie di stimolanti attività: si passa dal laboratorio radiofonico in collaborazione con Radio Domani
a a quello di serigrafia, dai corsi di batteria e chitarra fino alle uscite alla palestra di roccia per
avvicinarli a sport meno conosciuti ma capaci di coniugare l’attività fisica allo sviluppo dell’amore
per la natura.
“Il Centro Icaro è uno spazio fondamentale per tutta la nostra comunità, un luogo di formazione,
socializzazione e stimolo delle potenzialità dei giovani – prosegue la Morelli – oltre che un
importante supporto ed affiancamento alle famiglie nel loro compito educativo. Un obiettivo, quello
della crescita delle nuove generazioni, che vogliamo perseguire creando una rete che faccia
confluire in Icaro tutti gli attori (scuola, famiglie, associazioni culturali e di volontariato) per far sì
che esso venga concepito come centro culturale e laboratorio di idee per i ragazzi e per tutta la
comunità”.
E questo Centro Icaro sempre più al passo coi tempi è infine uno dei tasselli fondamentali nel
progetto con cui Monte Urano aderirà alla rete regionale delle città sostenibili e amiche dei bambini
e delle bambine: la convenzione, infatti, verrà ufficialmente firmata domani per poi essere ratificata
durante la prossima seduta del consiglio comunale, durante la quale ci sarà il via libero definitivo
anche alla creazione del consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze.