Al via la seconda edizione di Bookmarchs

Dopo il successo di “Aspettando il Festival”, l’anteprima che nei giorni scorsi ha coinvolto
Campofilone, Montefiore dell’Aso e Ponzano di Fermo, comincia a tutti gli effetti questa sera la
seconda edizione di BookMarchs, la rassegna dedicata ai libri e ai loro traduttori.
Si parte da Ortezzano (Auditorium Sant’Antonio da Padova, ore 21) con l’evento curato da “Urbino
e le Città del Libro”, festival con il quale Bookmarchs quest’anno ha stretto una sorta di
gemellaggio: lo scorso maggio, infatti, i direttori artistici Fabio Pedone e Stella Sacchini
organizzarono a propria volta un incontro nell’ambito della rassegna della città ducale.
DESCRIZIONE DELL’EVENTO: Alessio Torino, insieme a Fabio Pedone e Isabella Carloni, ci
condurrà in un viaggio agli inferi, dai racconti della letteratura greco-latina che li hanno fissati nel
nostro immaginario fino alle loro “traduzioni” nell’epoca moderna e contemporanea.
Perché tradurre è tornare alla vita dal regno dei morti, “tornare a ridere al giorno”. E il traduttore
una specie di necromante capace di riportare alla luce ciò che altrimenti andrebbe perso nella
polvere dei secoli.
I PROFILI DEI PROTAGONISTI
Alessio Torino ha esordito nella narrativa nel 2010 con il romanzo Undici decimi (Pequod),
vincitore del Premio Bagutta Opera Prima. Successivamente ha pubblicato tre romanzi per
minimum fax: Tetano (2011, Premio Lo Straniero, Premio Tropea, da cui è stato tratto il
cortometraggio La storia di Stefano, da allora detto Tetano, diretto da Chiara Malta), Urbino,
Nebraska (2013, Premio Subiaco Città del Libro, Premio Speciale Metauro, Finalista al Premio
Alassio) e Tina (2016, tradotto in tedesco nel 2018 da Johannes von Vacano per Hoffmann und
Campe). Attualmente lavora alla sceneggiatura di un lungometraggio di animazione con Simone
Massi per la casa di produzione francese Offshore. Cura il festival letterario ‘Urbino e le Città del
Libro’. Insegna Letteratura Latina all’Università di Urbino.
Isabella Carloni è attrice, cantante, regista e autrice per il teatro. È laureata in Storia della Filosofia
moderna e contemporanea, con una tesi sul pensiero della differenza; diplomata e specializzata alla
Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone.
È docente di teatro, vocalità, training dell’attore, tecniche di narrazione e recitazione, e per diversi
anni “Faculty member e Artist in residence” presso la Scuola Italiana del Middlebury College a
Mills College di Oakland (California). È interprete per alcuni tra i più importanti registi del teatro
contemporaneo, tra cui Carlo Cecchi, Marco Baliani, Toni Servillo, Elio De Capitani, Carlo
Cerciello, Andrea Adriatico, Andrea Renzi e Oscar De Summa.
Scrittrice e drammaturga, fra le sue opere più importanti, rappresentate in Italia e all’estero, si
annoverano: Artemisia,Viola di mare, Inventario delle cose certe, Via dei dollari, 45 giri, Circe o il
profumo dei maiali e il recentissimo Le belle parole.
Fabio Pedone è traduttore, giornalista professionista e consulente editoriale. Insegna Traduzione
letteraria inglese-italiano presso Alias, Master in Traduzione della Scuola del Libro di Roma.
Ha tradotto autori come Jaimy Gordon (National Book Award 2010), Damon Galgut, Shane
Stevens, Shani Boianjiu, Barry Miles per diversi editori (Fazi, e/o, Rizzoli, Il Saggiatore).
Con Enrico Terrinoni ha curato per Mondadori il primo progetto di traduzione integrale commentata
di Finnegans Wake di James Joyce. Sempre per Mondadori ha tradotto e curato Tra parentesi di
David Jones. È attivo con conferenze, seminari e corsi sulla traduzione nelle scuole superiori e nelle
università. Si occupa di libri su diverse testate giornalistiche.