Il BIOFESTIVAL entra nel vivo

Il Biofestival entra nel vivo con il convegno Dal campo alla tavola con Renata Alleva
Successo di pubblico per la prima giornata del Biofestival che oggi entra nel vivo con il convegno
tematico Dal campo alla salute. La kermesse a carattere biologico che da ieri si svolge in piazza Garibaldi
a Marina di Altidona, grazie alla disponibilità e all’impegno di comune e pro loco, torna ad essere uno
degli eventi più attesi di fine estate.
La manifestazione si è aperta ieri con il convegno Conoscere Arca (Agricoltura Rigenerazione Controllata
Ambiente) al quale erano presenti Bruno Garbini, Simone Tiberi e Maurizio Reginelli responsabile
agricoltura per Fileni (azienda che coltiva 400 ettari di terreno tra Jesi e Ostra). Hanno presentato il
progetto al quale Arca lavora partendo dalla salute del suolo per arrivare a quella dell’ambiente e
dell’uomo, un progetto che mira al coinvolgimento degli imprenditori per creare una società commerciale
che abbia l’obiettivo ultimo di migliorare il suolo atarverso l’agricoltura biologica. Pubblico attento e
partecipe anche al laboratorio del peperoncino tento da Antonio Germani de La casetta bio.
La giornata si apre oggi alle 17 con la mostra mercato dei prodotti biologici con ben 25 aziende espositrici
e con le biodiversità agrarie delle Marche. Alle 18 l’esperienza del laboratorio del bio orto a cura di
Legambiente Marche , seguirà alle 19.30 il laboratorio artiginale di vasi e fischietti e alle 21 il mini corso
sui grani antichi a cura di Bruno Amurri dell’azienda agricola biologica Foglini e Amurri.
Uno dei momenti di confronto più importanti sarà alle 19 con il convegno dal titolo Dal campo alla
tavola: come coltivare la salute del pianeta con Renata Alleva, si parlerà dei danni all’ecosistema dall’uso
dei pesticidi con Franco Ferroni responsabile agricoltura e biodiversità WWF Italia; spazio al piano
d’azione nazionale sulle priorità dell’agricoltura biologica con Maria Grazia Mammuccini presidente
FederBIO; la nutrizionista Renata Alleva ritornerà sul discorso delle implicazioni per la salute nell’uso dei
pesticidi sull’ambiente; agricoltura biologica come modello produttivo per aiutare la terra, gli agricoltori
ed i consumatori a cura di Francesco Torriani presidente ConMarche BIO; si parlerà in fine del ruolo
dell’agricoltore e dell’esperienza sul campo di Francesca Ercoli della società agricola Il salto di
Sant’Angelo in Pontano. Domani la chiusura con il convegno tematico sul vino, a cura dell’agenzia di
sviluppo rurale e della Copagri e premiazione del concorso Bio Wine Marche 2019.

Marina di Altidona, 24 agosto 2019

Ufficio Stampa
Aiab Marche