Il giovane regista monturanese Gianluca Santoni premiato alla Mostra Internazionale del Cinema di Vico Equense

Monte Urano protagonista alla nona edizione della Mostra Internazionale di Cinema sociale di Vico
Equense, che si è chiusa sabato sera alla presenza, tra gli altri, anche di Stefano Accorsi, padrino
della kermesse.
Ad aggiudicarsi il premio Rai Cinema Channel, consistente nell’acquisto dei diritti pari a 3mila
euro, è stato infatti il 28enne regista e scenografo monturanese Gianluca Santoni con il
cortometraggio “Indimenticabile”, girato proprio nel nostro paese.
Un successo che lo stesso Santoni ha definito “assolutamente inaspettato” e che ha voluto dedicare
al nonno scomparso il giorno prima della premiazione: “Il tipo di cinema che amo di più è quello
dei registi che prima ancora di saper narrare sanno guardare la gente, le persone normali, il mondo
ordinario e che riescono a raccontarlo in maniera straordinaria. Questo premio, allora, lo voglio
dedicare a mio nonno, una persona ordinaria che ha vissuto una vita normale e allo stesso tempo
straordinaria” – sono state le sue parole che hanno strappato un lungo applauso alla platea durante la
consegna del riconoscimento.
Trasferitosi a Roma nel 2010, Santoni ha frequentato il Centro Sperimentale di Cinematografia e
proprio con il suo cortometraggio di diploma, “Gionatan con la G”, ha vinto Cinemaster, l’evento di
Studio Universal che l’ha portato a Hollywood con una borsa di studio per seguire da vicino i
meccanismi dell’industry.
Ora per lui arriva quindi un altro importante successo con un cortometraggio che tratta un tema
particolarmente delicato come quella della sessualità per i disabili. Un cortometraggio alla cui
produzione hanno voluto dare il proprio contributo anche il Comune di Monte Urano e la Regione
Marche, su impulso del consigliere regionale ed ex sindaco del paese Francesco Giacinti.
“Desidero rivolgere i miei complimenti più sentiti a Gianluca per la grande capacità di’affrontare in
pochi minuti un tema così complesso – è il commento della prima cittadina Moira Canigola -.
Siamo contenti che abbia portato il nome e le immagini di Monte Urano in una rassegna di caratura
internazionale e che l’abbia fatto mettendo l’accento su un tema a noi molto caro da sempre, quello
del sociale. Recentemente il nostro comune ha conseguito la bandiera lilla che ha premiato la
capacità di migliorare l’accessibilità per i disabili e ci fa molto piacere che un nostro concittadino
così giovane si faccia portatore, con la sua arte, di quella sensibilità che da sempre ispira l’azione
amministrativa di questa giunta”.