Cavalcata dell’Assunta: sbandieratori e tamburini incantano la piazza

I tamburini Marco Antognozzi, Alessia Bruschini, Ilaria Copponi, Giulia De Minicis, Annalisa
Faina, Michela Fabi, Marco Mannucci, Silvia Mannucci, Sara Montagnoli, Cecilia Montecchia,
Eleonora Mosca, Roberta Nasini, Rebecca Orienti, Marco Ribera, Chiara Toni, Alessia
Flammini, Azzurra Bagalini. Gli sbandieratori Cristian Cinelli, Mattia Stortini, Carla Giardini,
Silvia Capancioni, Simone Viglietto, Barbara Zucconi, Lorenzo Scelicot, Caterina Strappa,
Matteo Zucconi, Mirco Moretti, Matteo Moretti, Luca Pelosi, Edoardo Tacchetti, Andrea
Celanzi, Alessandro Stortini, Jacopo Cinelli, Diego Valentini, Sara Trasatti, Francesco Giannessi,
Giulia Masnari.
Sono stati i protagonisti della spettacolare apertura della 38esima Cavalcata dell’Assunta ieri
in piazza del Popolo: con tamburi e bandiere hanno raccontato le storie di Giovanna D’Arco e
della Sibilla, infiammando il centro storico della città ed entusiasmando il pubblico. La serata
ha visto anche l’esibizione degli allievi della scuola di bandiera e delle nuove leve del gruppo
musici.
Aria di palio in piena regola per Fermo, che si prepara per l’arrivo del drappo dipinto da
Giorgio Crepas: domani, domenica 28 luglio, a partire dalle ore 19, Porta Sant’Antonio
diventerà un borgo medievale, grazie al lavoro delle contrade Castello e San Bartolomeo,
impegnate quest’anno nell’allestimento, con il coordinamento del regista Adolfo Leoni.
Una formula vincente, in grado di coinvolgere cittadini, contradaioli e turisti, proiettandoli in
un’atmosfera unica: ci saranno le corporazioni dei mestieri, proposte dalle dieci contrade, un
mercato con quattro punti di ristoro, spettacoli itineranti, gli squilli delle chiarine dalle mura.
Il drappo 2019 arriverà alle 22.30, portato dalla delegazione di Monterubbiano accompagnata
da quelle di Smerillo e Montegiorgio, verrà svelato e poi conservato per una notte nella Chiesa
della Pietà, dove si terrà la benedizione impartita da don Michele Rogante.
Lunedì 29 luglio di scena, invece, il castello di Torre di Palme, con il corteo storico e la lettura
del Bando a partire dalle 21.30.