Celani interroga su carenze Genio Civile

Interrogazione n. 775
presentata in data 22 febbraio 2019
a iniziativa del Consigliere Celani

“Situazione di grave carenza di personale tecnico, presso il Servizio Tutela del Terri-
torio (ex Genio Civile) della Regione Marche assegnato alla P.F. Provinciale di Ascoli

Piceno, e conseguenti significativi disservizi all’utenza”
a risposta orale

Premesso:
 che il servizio Tutela del Territorio (Ex Genio Civile) della Regione Marche è compreso
nella macroarea Tutela, Gestione e Assetto del Territorio e si articola con presidi
provinciali che hanno la competenza in “Pianificazione, Progettazione, esecuzione,
collaudo di opere e lavori di difesa del suolo e riduzione del rischio idrogeologico di
competenza regionale Pronto intervento (D.Lgs. 1010/1948) a seguito di calamità
naturali su opere e infrastrutture di competenza regionale Tutela e gestione del vincolo
idrogeologico (R.D. 3267/1923 L.R. 6/2005): Autorizzazione e pareri su interventi in
aree soggette a vincolo idrogeologico (R.D.L. 3267/1923), Rilascio Nulla osta/pareri
/autorizzazioni di tagli boschivi al di fuori dei territori delle Unioni Montane (art. 10 L.R.
6/2005 – D.G.R. 2585/2001) e di riduzione di superfici boscate con compensazione
(art. 12 L.R. 6/2005) Rilascio delle dichiarazioni di fallimento di rimboschimenti eseguiti
con fondi pubblici (art. 13 c.4 L.R. 6/2005) Riduzione, mitigazione e gestione del rischio
idraulico: Attività di sorveglianza e polizia idraulica (R.D. 523/1904) Rilascio di
autorizzazioni/nulla osta/ pareri idraulici per opere e lavori da eseguirsi negli alvei
fluviali o con essi interferenti (R.D. 523/1904) Nulla osta idraulici per rilascio di
concessioni idrauliche e demaniali (art. 30 e 31 L.R. 05/2006) Autorizzazione idraulica
per deviazioni, nuove inalveazioni o tombamenti di corsi d’acqua demaniali (R.D.
523/1904) Progettazione, esecuzione, collaudo di opere e lavori idraulici di
competenza regionale Opere e lavori di difesa, sistemazione, regimazione e
regolazione dei corsi d’acqua con finalità di gestione del rischio idraulico Interventi di
manutenzione idraulico forestale e gestione dei corsi d’acqua nei tratti di competenza
regionale Moderazione delle piene Pronto intervento idraulico Presidi territoriali idraulici
e servizio di piena Progetti generali di gestione dei corsi d’acqua Pianificazione
territoriale, strumenti urbanistici e loro varianti: Valutazioni in ordine alla compatibilità
idraulica delle trasformazioni (art. 10 L.R. 22/2011) Pareri idraulici e inerenti il rischio
idraulico nell’ambito di procedure VAS, VIA, AIA, etc per approvazione strumenti
urbanistici e loro varianti (L.R. 34/92) Pareri idraulici previsti dalle norme di attuazione
dei piani di assetto idrogeologico Concessione delle piccole derivazione d’acqua
pubblica, attingimenti da falda e Gestione del Demanio Idrico: Concessioni idrauliche
per attraversamenti, fiancheggiamenti, scarichi nei corsi d’acqua demaniali (R.D.
523/1904, art. 30 L.R. 05/2006) Concessione aree demaniali (art. 31 L.R. 05/2006)

Pareri idraulici per la sdemanializzazione delle aree del demanio idrico Rilascio e
gestione concessioni di derivazione acque pubbliche (piccole derivazioni) comprensivo
di autorizzazioni e nulla osta idraulici necessari Autorizzazione alla ricerca di acque
sotterranee e scavo di pozzi (piccole derivazioni) Implementazione catasto regionale
delle derivazioni Attività di sorveglianza e polizia idraulica sulle derivazioni e opere
connesse Autorizzazioni e controllo sbarramenti di ritenuta Rischio sismico: Attività di
controllo sulle costruzioni previsti dalla normativa antisismica L. 64/1974 e L.R.
33/1984 Repressioni delle violazioni in materia Pareri compatibilità geomorfologica (art.
89 DPR 380/2001)”;
Visto:
 che il personale tecnico (Cat. D) assegnato alle cinque P.F. provinciali è così ripartito:
 Pesaro – Urbino: 13 Funzionari Tecnici e 5 Funzionari tecnici esperti;
 Ancona: 15 Funzionari Tecnici e 3 Funzionari Tecnici Esperti;
 Macerata : 10 Funzionari Tecnici e 3 Funzionari Tecnici Esperti;
 Fermo: 1 Funzionario Tecnico e 3 Funzionari Tecnici Esperti;
 Ascoli Piceno: 2 Funzionari Tecnici e 2 Funzionari Tecnici Esperti;
Visto altresì:
 che nelle Province di Ascoli Piceno e Fermo vi è una forte carenza di Funzionari tecnici
e Funzionari Tecnici Esperti, in considerazione delle molteplici competenze affidate al
servizio e in relazione alle crescenti pratiche e richieste presentate da privati, enti e
imprese;
Considerato:
 che nella Provincia di Ascoli Piceno, a differenza dei presidi territoriali delle Province di
Fermo, Macerata e Ancona, non è presente una P.O. responsabile area costruzioni in
zona sismica, che si occupi delle autorizzazioni e/o depositi ai sensi del D.P.R.
380/2001, D.M. 17.01.2018 e L.R. 01/2018 e s.m.i;

Considerato Altresì:
 che tale carenza di personale produce forti e significativi disservizi all’utenza in un
momento in cui l’edilizia mostra piccoli ma importanti segnali di ripresa;
Ritenuto:
 che occorre perequare sul territorio regionale la presenza di tali servizi e che pertanto
risulta indispensabile e non più procrastinabile implementare il presidio di Ascoli Piceno

con ulteriori funzionari tecnici esperti, in modo da istituire una P.O. con responsabilità
dell’Area costruzioni in zona sismica;

Tutto ciò premesso e considerato

INTERROGA

Il Presidente della Giunta regionale e l’Assessore competente per sapere:

 Se intende assumere iniziative volte a potenziare l’organico del Presidio di Ascoli
Piceno con nuovo personale tecnico esperto in grado di eliminare le difficoltà esistenti;
 E se sì, con quali modalità (mobilità, comandi, concorsi ecc.) e in quali tempi.

Risposta Assessore Cesetti