Benzina e diesel, gli aumenti di Pasqua: tutte le compagnie ritoccano i listini

Nell’imminenza delle partenze per Pasqua e Pasquetta (Federalberghi stima che saranno 21 milioni 335
mila gli italiani in viaggio in questo lungo periodo) tornano i rincari per i carburanti. Gli aumenti giungono dopo quattro giorni di tregua. Con le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo in leggera crescita, infatti, Eni ha ritoccato all’insù di 1 centesimo i prezzi raccomandati di benzina e diesel, così come Tamoil, che però ha ridotto di 1 centesimo il Gpl. Di conseguenza, sul territorio può ravvivarsi l’andamento in salita dei prezzi praticati dei due carburanti liquidi.