WUNDERKAMMER ORCHESTRA al Teatro Rossini

Quarta tappa – seconda del 2019 – della collaborazione pluriennale tra WunderKammer Orchestra e Teatro Rossini di Lugo che comprende anche il progetto della riorchestrazione per ensemble dei concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven (cinque in totale) con cadenze concertanti commissionate a compositori contemporanei. Da quest’ultima residenza artistica il concerto che chiude la stagione musicale del Teatro Rossini, venerdì 5 aprile (prime note alle 20.30).

Il programma della serata è un vero e proprio exemplum dell’idea che sostiene il progetto dell’ensemble pesarese – direzione artistica di Paolo Marzocchi, musicale di Carlo Tenan – e dell’omonima Associazione di cui è la massima espressione: creare un repertorio per portare la musica sinfonica dove questa non riesce ad arrivare, per spazio, budget o altro, ma anche sostenere conoscenza e diffusione della cultura musicale, in particolare quella contemporanea. E quindi trascrizioni di grandi pagine sinfoniche con cadenze concertanti, entrambe affidate ai più interessanti (e spesso giovani) compositori contemporanei, insieme ai risultati di sperimentazioni musicali dagli esiti straordinari.

Tre le pagine della grande musica in programma riscritte per l’organico WKO, quello dell’ensemble cameristico ampliato fino ad accogliere tutti i colori dell’orchestra sinfonica. Due prime esecuzioni: il Concerto per pianoforte e orchestra n.1 op.15 in Do Magg. di Beethoven, cadenza di Lorenzo Pagliei, compositore e ricercatore all’Ircam di Parigi e autore di un progetto di sonificazione di particelle sub-nucleari con il CNRS francese, solista Vincenzo Maletempo, giovane pianista e musicista già molto apprezzato all’estero; e la celebre Overture Die Hebriden op.26 di Mendelssohn-Bartholdy, nella trascrizione del compositore jesino Matteo Angeloni. E poi lo Schubert salottiero delle Deutsche Tänze op. 33 D 783, piccola ed elegante raccolta di temi di danza per pianoforte che Carlo Tenan trasforma in divertimento sinfonico, utilizzando tutte le risorse e i colori a disposizione, con il largo impiego di percussioni, suo tratto distintivo.

Completano il programma le Little Symphonies di Paolo Marzocchi, sei piccoli poemetti sinfonici, divertentissime composizioni risultato di una sperimentazione avviata da Marzocchi con Sonia Peana al MAST di Bologna sull’immaginazione musicale dei bambini, che ha già riscosso grande successo. Si tratta di piccole storie in musica pensate e trasformate in partiture grafiche da bambini di cinque anni e trasformate in partiture eseguibili da Marzocchi attraverso una metodologia da lui stesso ideata che ha chiamato del “rendering”. Sei “Kinderszenen”, “scene infantili” per dirla alla Schumann, con storie di cani, gatti, dinosauri, principesse, fiori, lucciole, fino ad una sottilissima storia di emarginazione, raccontata come solo un bambino sa fare.

 

Inizio concerto: ore 20.30

Biglietti: interi da 11,00 a 20,00 euro; ridotti da 7,00 a 18,00 euro

Teatro Rossini: info@teatrorossini.it – tel. 0545.38542

 

________________________________________

WunderKammer Orchestra

Ufficio Stampa Andreina Bruno