Giornata dell’Educazione Finanziaria

Milano, 25 marzo 2019UBI Banca, in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano-Teatro d’Europa e FEduF, Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, ha organizzato oggi presso il Teatro Studio Melato la “Giornata dell’Educazione Finanziaria – Il Teatro è conoscenza del mondo e di sé”: un’occasione di confronto dedicata agli studenti delle scuole secondarie di II grado.

 

L’incontro, cui hanno partecipato circa 300 studenti accompagnati dai propri docenti, è stato aperto dalle testimonianze di Letizia Moratti, Presidente del Consiglio di Gestione di UBI Banca, e Sergio Escobar, Direttore del Piccolo Teatro di Milano, che, moderati da Beppe Severgnini, hanno dialogato sui temi dell’educazione e della creatività invitando i ragazzi a riflettere e confrontarsi per immaginare insieme un futuro sostenibile attraverso la comprensione di ciò che avviene attorno a loro.

 

A seguire, gli studenti hanno assistito a una conferenza-spettacolo sull’economia comportamentale realizzata dai divulgatori scientifici di Taxi1729, dedicata alle trappole cognitive in cui è facile cadere  quando si affrontano alcune scelte, in particolare quelle economiche, attraverso percorsi di logica, matematica e psicologia cognitiva.

 

L’attenzione di UBI Banca ai temi dell’Educazione Finanziaria e al risparmio risponde a un preciso impegno dell’Istituto in termini di “responsabilità” nei confronti delle comunità in cui opera e all’interno delle quali rappresenta un interlocutore fondamentale di sviluppo economico e quindi sociale.

 

Accrescere la familiarità e le conoscenze in ambito economico-finanziario risponde anche  a un più ampio richiamo all’educazione come veicolo di sviluppo sostenibile che proviene dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite che indica nell’ “obiettivo comune” numero 4 proprio quello di una “Istruzione di qualità”. Si tratta di un obiettivo cui il sistema finanziario può quindi  fattivamente contribuire mettendo a disposizione le proprie competenze.

 

L’educazione finanziaria rappresenta, infatti, una risposta al mondo che cambia: a fronte di un aumento della speranza di vita, del mutamento del sistema previdenziale, della crescente complessità dei mercati finanziari e del ruolo sempre più rilevante assunto dalla tecnologia, risponde alla necessità di fornire a tutti i cittadini, in particolare ai giovani perché sono i protagonisti del futuro, alcuni strumenti indispensabili per costruire un avvenire più sereno e sostenibile ovvero, ultimamente, per favorire la loro inclusione e il loro benessere.

 

Per UBI, la partecipazione alla Strategia nazionale per l’educazione finanziaria si attua attraverso l’Area UBI Comunità, che interagisce con le Istituzioni al fine di promuovere partnership tra soggetti pubblici, soggetti del profit e del non profit, per elaborare iniziative che generano valore condiviso.

 

Uno dei progetti più significativi messi in campo a favore di uno sviluppo economico sostenibile è la promozione di un articolato piano di attività volte al rafforzamento del livello di alfabetizzazione finanziaria.
Si tratta di un programma strutturato di iniziative educative, realizzato in collaborazione con FEduF e con le Istituzioni locali, le scuole e i loro insegnanti su tutto il territorio nazionale, rivolto prevalentemente ai giovani in età scolastica. Questa attività, nell’ultimo triennio, ha coinvolto circa 40mila tra studenti e partecipanti ai diversi percorsi formativi che sono stati erogati e che, nell’ultimo anno, hanno toccato 25 province di tutto il territorio nazionale.

 

Per maggiori informazioni:

UBI Banca Media Relations