COLDIRETTI ANCONA, AMBIENTE, CLIMA E TUTELA DEI CONSUMATORI

L’agricoltura del futuro conterrà nuove linee guida che premiano l’ambiente, tutelano i consumatori e tentano di contrastare i cambiamenti climatici. La nuova Politica agricola comune sarà più “magra” per gli agricoltori italiani (si parla di un 9,2% di fondi in meno) ma punterà i riflettori sul sostegno a un’agricoltura moderna, rispettosa dell’ambiente, delle biodiversità e sempre più vicina ai consumatori. Di questo si parlerà giovedì 28 marzo all’interno del convegno organizzato da Coldiretti Ancona, dal titolo “Ambiente, clima, tutela dei consumatori: l’evoluzione della Pac dopo il 2020”, che si terrà dalle 9.30 al Centro Direzionale Esagono in via Battistoni a Jesi. Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Jesi, Massimo Bacci, del presidente della Camera di Commercio delle Marche, Gino Sabatini e della vicepresidente regionale Anna Casini, si alterneranno al tavolo dei relatori Felice Adinolfi (Università degli Studi di Bologna), Paolo Magaraggia (Ufficio Coldiretti Bruxelles) e Stefano Leporati (Area Economica Coldiretti). Le conclusione finali sono affidate alla presidente di Coldiretti Marche, Maria Letizia Gardoni. Il convegno è moderato da Giorgio Gaddoni, responsabile tecnico di Coldiretti Marche. “La nuova Pac – spiegano da Coldiretti Marche – dovrà promuovere un settore agricolo dinamico, capace di sostenere la cura per l’ambiente e l’azione di contrasto ai cambiamenti climatici, di stimolare la crescita e l’occupazione nelle aree rurali, a tutela anche del territorio e contro il dissesto idrogeologico, incrementando contemporaneamente l’utilizzo di nuove tecnologie in agricoltura, ancora poco diffuso in tutta la UE, soprattutto da parte delle piccole e medie imprese”. L’evento è inserito nel progetto di informazione presentato alla Regione Marche, nell’ambito del Psr.