DECENTRAMENTO PARTECIPATO CON I QUARTIERI DI ANCONA

DOPO IL BILANCIO PARTECIPATO, NUOVE FORME DI COINVOLGIMENTO DIRETTO DEI CITTADINI SI STANNO SEMPRE PIU’ DIFFONDENDO NELLE NOSTRE CITTA’.

QUESTA VOLTA SONO  I QUARTIERI DI ANCONA AD AVERE VOCE  E SPAZIO IN CONSIGLIO COMUNALE ATTRAVERSO I CONSIGLI TERRITORIALI PERMANENTI.

L ‘ INTENTO DELL’ AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ANCONA E’ QUELLO DI  CREARE UN NUOVO ORGANISMO DI  DIALOGO CONDIVISO CON I CITTADINI. SARANNO LORO CHE POTRANNO FAR SENTIRE LA LORO VOCE E FAR VALERE LE PROPRIE OPINIONI SULLE SCELTE DEL GOVERNO LOCALE, ATTRAVERSO I CONSIGLI SCELTI DIRETTAMENTE DA LORO CON LE VOTAZIONI DI SABATO 23 FEBBRAIO DALLE ORE 9 ALLE 20. POTRANNO VOTARE TUTTI GLI ISCRITTI NELLE LISTE ELETTORALI NELLE SEZIONI COMPRESE NEL RISPETTIVO TERRITORIO E TUTTI I CITTADINI ITALIANI CHE HANNO 16 ANNI COMPIUTI RESIDENTI NEL TERRITORIO.

I CONSIGLI TERRITORIALI SARANNO 9, COMPRENDEREANNO TUTTI I QUARTIERI E VERRANNO SUDDIVISI IN BASE ALLE ESISTENTI SEZIONI  ELETTORALI. OGNI CONSIGLIO AVRA’ 15 CONSIGLIERI – TRANNE CHE PER I CONSIGLI 8 E 9 CHE NE AVRANNO 10, TRA I QUALI SARA’ ELETTO IL PRESIDENTE ED IL VICEPRESIDENTE E RESTERANNO IN CARICA PER TUTTA LA DURATA DEL MANDATO DEL CONSIGLIO COMUNALE.

LA PARTECIPAZIONE PUO’ DAVVERO PRODURRE UN VERO CAMBIAMENTO, GENERANDO NUOVA COESIONE SOCIALE E FACENDO RIACQUISTARE UN’INIEZIONE DI FIDUCIA AI CITTADINI CHE SI SENTONO CAPACI DI INCIDERE DAVVERO SULLE SCELTE POLITICHE LOCALI.

E’ IL MOMENTO DI UN NUOVO STILE DI DIALOGO SOCIALE TRA QUARTIERE  E AMMINISTRAZIONE DORICA.

Paola Pieroni