Repubblica Italiana, istituite le sezioni provinciali di Ancona e Macerata

Camerano (AN) –L’Associazione nazionale insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica
Italiana (Ancri) si è costituita in due nuove sezioni provinciali: Ancona e Macerata.
Il Congresso Costituente si è svolto domenica scorsa presso l’Hotel “tre Querce” di
Camerano. Con l’occasione sono stati nominati consiglio direttivo, presidenti e consiglieri
delle due nuove sezioni territoriali. Nel giro di un paio di mesi si costituiranno anche le
sezioni provinciali di Fermo e Ascoli Piceno. L’ assemblea, presieduta dal Delegato
Regionale, cavalier Sandro Coltrinari, ha visto la presenza del presidente nazionale
dell’Ancri, il cavalier Tommaso Bove e del Vicepresidente nazionale cavalier Francesco
Avena. Presenti anche i delegati regionali dell’Umbria e dell’Emilia Romagna, oltre al
sindaco di Camerano, Annalisa Del Bello.
L’associazione, raccoglie gli insigniti al merito della Repubblica Italiana (OMRI), ovvero le
migliori espressioni presenti sul territorio nazionale nell’ambito delle carriere civili, militari,
economiche, letterarie, mediche, universitarie, istituzionali, artistiche, filantropiche, oltre che
nel campo delle azioni umanitarie, sociali e filantropiche. Tra gli associati, cavalieri di gran
croce, grandi ufficiali, commendatori, ufficiali e cavalieri, insomma, l’élite della società.
Obiettivo: favorire l’incontro e la conoscenza tra persone accomunate dagli stessi valori, con
ricadute positive a livello territoriale attraverso l’impegno sociale e la promozione dei valori
istituzionali. Ancri è attiva nelle Marche dal 2015, dove fino ai giorni scorsi era presente con
la sola sezione pesarese. Da tempo impegnata a promuovere la riscoperta dei valori fondanti
della Repubblica, promuove eventi su scala nazionale ai quali partecipano le massime
istituzioni presenti in Italia.
LA SEZIONE PROVINCIALE DI MACERATA
Presidente sezionale il cavalier Sandra Vecchioni, mentre alla vice presidenza è
stato eletto il cavaliere Oreste Aldo  Negromonti Tini. L’incarico di tesoriere è
andato al cavalier Tarcisio Fermanelli e quello di segretario al cavalier Carmine
Posa. Tra i consiglieri eletti, il cavaliere ufficiale prof. Carlo Iacomucci e i cavalieri
Raffaello Montanaro e Renato Lapponi.