La politica estera parte dalla tavola

Una qualificata platea internazionale ha partecipato alla Taste Marche Experience

Cibo, convivialità e diplomazia della concretezza! Con queste credenziali Tipicità si è
presentata a Tirana, di fronte ad una qualificata platea internazionale, in occasione della terza
edizione della Settimana della cucina italiana nel mondo.
La tavola diviene “ambasciatore” dell’italian style e sulla sua scia traina fashion, musica,
ecodesign, meccanica di precisione e attrattive territoriali. È il “vivere all’italiana”, un nuovo modo
di presentare i talenti tricolori, non più come gioielli isolati, ma come un’unica e luminosa parure!
Promosso in tutto il mondo dalla Farnesina, il programma dell’iniziativa ha visto Tipicità
protagonista nel “Paese delle aquile”, grazie ad una proficua sinergia con l’Ambasciata Italiana a
Tirana e con il Consolato Generale d’Italia a Valona.
Un’operazione a tutto tondo sublimata dalla serata conclusiva organizzata nel cuore
nevralgico della capitale albanese e guidata da Marco Ardemagni, noto conduttore di RAI
Caterpillar AM. Un vero e proprio “spettacolo del gusto” – ha sottolineato Angelo Serri, direttore di
Tipicità – “realizzato grazie al contributo fattivo di tanti imprenditori, dei due Istituti alberghieri di
Senigallia e Porto Sant’Elpidio, e dei Comuni di Fermo e Castelfidardo”.
Accolto dall’ambasciatore Alberto Cutillo insieme a Luca Ceriscioli e Gino Sabatini,
rispettivamente presidente della Regione Marche e della Camera di Commercio delle Marche, un
qualificato pubblico, composto da diplomatici, giornalisti ed importanti imprenditori della
comunità internazionale presente a Tirana, i quali hanno partecipato con entusiasmo alla “Taste
Marche Experience”, avviando scambi e relazioni proprio in occasione dell’inedito momento
conviviale.
Di notevole intensità anche le attività promosse dalla Console Generale, Luana Alita
Micheli, nella città di Valona, attraente località rivierasca pronta ad accogliere opportunità di
collaborazione con realtà italiane interessate ad investire, ma anche potenziale interessante
mercato per wine & food, in considerazione della grande crescita del comparto turistico.
A Berat, città patrimonio Unesco, è stato rinnovato il gemellaggio siglato dodici anni fa con
la città di Fermo, rappresentata nella missione in Albania dal Sindaco Paolo Calcinaro.
La portata dell’operazione, che ha visto quale main-partner la compagnia di navigazione
Adria Ferries, realtà leader negli scambi tra Italia ed Albania, va quindi ben oltre il settore
enogastronomico, coinvolgendo rappresentanti del mondo istituzionale, imprenditoriale,
accademico e scolastico.
La missione in Albania fa seguito a quelle recentemente realizzate, a New York e Creta, dal
“laboratorio permanente” di Tipicità per favorire l’economia della relazione e la valorizzazione di

tutte le valenze che i territori locali sono in grado di esprimere e che saranno in vetrina in
occasione del Festival di Tipicità 2019, programmato a Fermo dal 9 all’11 marzo prossimo.